Pietro Ghedin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro Ghedin
Pietro Ghedin.jpg
Pietro Ghedin con la maglia della Lazio (1975)
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Malta Malta
Carriera
Squadre di club1
1969-1970 Venezia Venezia 18 (0)
1970-1972 Fiorentina Fiorentina 4 (0)
1972-1974 Catania Catania 53 (1)
1974 Fiorentina Fiorentina 0 (0)
1974-1979 Lazio Lazio 79 (0)
1979-1980 Pescara Pescara 18 (0)
1980-1981 Lazio Lazio 11 (0)
1981-1983 Pistoiese Pistoiese 47 (0)
1983-1984 Vigor Senigallia Vigor Senigallia 26 (0)
1984-1985 Siena Siena 24 (0)
Carriera da allenatore
1987-1989 Italia Italia U-18
1992-1993 Malta Malta U-21
1993-1995 Malta Malta
1996-2004 Italia Italia Vice
2005 Italia Italia U-23
2005-2012 Italia Italia Femminile
2012- Malta Malta
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 maggio 2012

Pietro Ghedin (Scorzè, 21 novembre 1952) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore, commissario tecnico della Nazionale maltese.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Gioco nella Fiorentina 1970 al 1972, perse una finale di Coppa Mitropa. Ghedin è ricordato, oltre che per la sua carriera calcistica, per essere stato insieme a Luciano Re Cecconi, all'epoca compagno di squadra nella Lazio, la sera del 18 gennaio 1977, giorno in cui Cecco fu ucciso a seguito di uno scherzo in cui quest'ultimo si finse un rapinatore. La prontezza nell'alzare le mani evitò a Ghedin la stessa fine. Tesi questa sovvertita dopo 35 anni, dal giiornalista Martucci, che attacca la versione ufficiale sulla morte del calciatore, ribaltando la tesi dello scherzo finito in tragedia e sostenendo con ampia documentazione processuale, che Re Cecconi venne ucciso senza aver pronunciato una parola.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

È stato allenatore in seconda della Nazionale guidata da Cesare Maldini ai Mondiali del 1998, di quella guidata da Dino Zoff agli Europei del 2000 ed infine di quella guidata da Giovanni Trapattoni ai Mondiali del 2002 e agli Europei del 2004; prima ancora è stato uno dei pochi allenatori italiani di Nazionali straniere, in tal caso di Malta, e dal 2005 al 2012 ha allenato la Nazionale italiana femminile, per poi tornare ad allenare Malta.

Una formazione della Lazio 1976-1977. Ghedin è in piedi, quinto da sinistra.


Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Siena: 1984-1985

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 12 luglio 2000. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Pietro Ghedin. URL consultato il 6 aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]