Pietre erette di Stenness

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Cuore delle Orcadi neolitiche
(EN) Heart of Neolithic Orkney
Standing-Stones-of-Stenness.jpg
Tipo Culturali
Criterio (i) (ii) (iii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1999
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Le Pietre erette di Stenness formano un enorme cerchio di pietre neolitico situato sulle isole Orcadi, in Scozia. È situato su di un promontorio sulla riva meridionale del fiume che unisce il lato sud-orientale del lago di Stenness ed il lago di Harray.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il nome, pronunciato steinìs, deriva dall'antico norreno e significa terra delle pietre. Attualmente il fiume è attraversato da un ponte, ma a quel tempo l'unico passaggio erano alcune rocce al suo interno ed il Cerchio di Brodgar si trova a circa 1,2 chilometri a nord-est, oltre il fiume e vicino alla punta dell'istmo formato dai due laghi. Maeshowe si trova a 1,2 chilometri ad est delle pietre erette di Stenness. Nelle vicinanze si trovano altri monumenti neolitici, il che fa pensare che questo luogo era molto importante in quel periodo.

Le pietre sono tavole piatte, spesse circa 30 cm. All'inizio il sito era composto da dodici pietre (alte fino a 5 metri) che formavano un cerchio di forma ellittica di circa 32 metri di diametro, su di una piattaforma di 44 metri di diametro circondato da un fosso. Il fosso è scavato nella roccia e raggiunge i 2 metri di profondità e 7 di larghezza, con una singola entrata sul lato settentrionale. L'entrata si affaccia sull'insediamento neolitico di Barnhouse scoperto vicino al lago Harray. La Pietra d'osservazione si trova all'esterno del cerchio a nord-est ed è alta 5,6 metri. Le altre pietre minori comprendono un masso quadrato al centro del cerchio dove venivano cremate le ossa e dove sono stati ritrovati pezzi di carbone e di ceramiche, oltre ad ossa animali ritrovate nel fossato. Le ceramiche permettono di collegare il sito archeologico a quello di Skara Brae ed a Maeshowe, ed è possibile datarlo precedentemente al 3000 a.C.

La Pietra d'osservazione di Stenness si trova all'esterno del cerchio, vicino al moderno ponte che conduce fino al Cerchio di Brodgar

Anche nel diciottesimo secolo il sito venne associato a tradizioni e rituali, soprattutto grazie ai norreni. Venne visitato da Walter Scott nel 1814 e nello stesso anno un contadino non originario del luogo decise di rimuovere le pietre portando alla distruzione della vicina Pietra di Odino che è diventata leggendaria.[1] Questo gesto suscitò scandalo e venne bloccato dopo aver distrutto una pietra ed averne rovesciata una seconda, che venne rialzata nel 1906 durante un approssimativo restauro del cerchio. In ogni caso le poche pietre sopravvissute creano un'atmosfera magica che rimanda ad un lontano passato.[2]

Caratteristiche naturali[modifica | modifica sorgente]

La vita degli uccelli è molto attiva attorno ai laghi. Circa tre chilometri a sud si trova il Burn of Ayreland che scende fino al mare dove cambia il nome in Clestrain Sound.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Orkneyjar – La pietra di Odino
  2. ^ Orkneyjar - Le pietre erette di Stenness

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Scotland Before History - Stuart Piggott, Edinburgh University Press 1982, ISBN 0-85224-348-0
  • Scotland's Hidden History - Ian Armit, Tempus (in associazione con l'Historic Scotland) 1998, ISBN 0-7486-6067-4
  • Guide to Prehistoric Scotland - Richard Feachem, B.T.Batsford Ltd. 1977, ISBN 0-7134-3264-0
  • Scotland, Archaeology and Early History - Graham and Anna Ritchie, Edinburgh University Press 1997, ISBN 0-7486-0291-7

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 58°59′38.33″N 3°12′27.9″W / 58.99398°N 3.20775°W58.99398; -3.20775