Pietra runica di Snoldelev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietra runica di Snoldelev
pietra runica
Runestone from Snoldelev, East Zealand, Denmark.jpg
Nome Pietra di Snoldelev
ID Rundata DR 248
Paese Danimarca
Regione Ramsø
Città Attualmente Copenaghen, originariamente Snoldelev
Periodo Età vichinga
Erilaz sconosciuto
Testo originale
Gunwalds sten, sonaR Roalds, þulaR a Salhøgum.
Testo in italiano
Pietra di Gunnvaldr, figlio di Hróaldr, recitatore di Salhaugar

La pietra runica a Snoldelev, nella municipalità di Ramsø in Danimarca, è decorata con un tre corni potori incrociati (il Triplo corno di Odino) e una svastica. Il motivo del triplo corno è stato comparato a quello del triskelion o a quello del valknut. La pietra è attualmente conservata al Museo Nazionale Danese a Copenaghen.

La pietra è stata scritta con una prima versione dell'alfabeto runico. Come nella precedente Pietra runica di Björketorp, l'Erilaz ha usato una runa a H-rune.gif che ha la stessa forma della runa h del Fuþark antico. Questa runa a è stata traslitterata con la lettera A nel paragrafo successivo. Nella pietra viene anche usata la runa dell'antico alfabeto runico haglaz (Runic letter haglaz.png) che corrisponde al fonema h e viene rappresentata con la lettera H maiuscola nella traslitterazione.

Iscrizione[modifica | modifica sorgente]

L'iscrizione recita:

  • kun'uAlts| |stAin ' sunaR ' ruHalts ' þulaR ' o salHauku(m)

Che viene tradotto in Norreno così:

  • Gunwalds sten, sonaR Roalds, þulaR a Salhøgum.

La traduzione in Lingua italiana del progetto Rundata è:

Pietra di Gunnvaldr, figlio di Hróaldr, recitatore di Salhaugar

ÞulR significa incarico o titolo, forse un sacerdote o uno scaldo, e viene comparato con il norreno þula ("litania"). La traduzione offerta dal Rundata suggerisce recitatore. Lena Peterson ha ipotizzato che Salhaugar si riferisca alla moderna Salløv, città nei pressi di Snoldelev.

Etenismo[modifica | modifica sorgente]

Il simbolo del triplo corno fu adottato dall'Asatru Folk Assembly come logo ufficiale nell' ottobre del 2006.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]