Pierre Martin Ngô Đình Thục

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Pierre Martin Ngô Đình Thục
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Miles Christi
Nato 6 ottobre 1897 a Hué
Ordinato presbitero 20 dicembre 1925
Consacrato vescovo 4 maggio 1938 dall'arcivescovo Antonin-Fernand Drapier
Elevato arcivescovo 24 novembre 1960
Deceduto 13 dicembre 1984 a Carthage

Pierre Martin Ngô Đình Thục (Huế, 6 ottobre 1897Carthage, 13 dicembre 1984) è stato un arcivescovo cattolico vietnamita.

Proveniente da una famiglia cattolica, fu fratello del primo presidente del Vietnam del Sud, Ngô Đình Diệm Jean Baptiste; il cardinale François Xavier Nguyễn Văn Thuận fu nipote di Thuc.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Entrò in seminario ad An Ninh all'età di 12 anni, per poi coltivare gli studi filosofici presso il seminario di Hué. Ordinato sacerdote il 20 dicembre 1925, si trasferisce in Francia, dove studia alla Sorbona di Parigi, e poi a Roma, dove frequenta la Pontificia Università Gregoriana. Torna in Vietnam nel 1927 e svolge l'attività di professore universitario per diversi anni.

Nel 1938, viene scelto da Roma come Vicario apostolico di Vinhlong; diventò vescovo il 4 maggio, terzo vietnamita nella storia a raggiungere questo ruolo: la sua ordinazione è dovuta all'arcivescovo Antonin-Fernand Drapier.

Il 30 novembre 1955 consacrò all'episcopato Paul Nguyên Van Binh e Simon Hoa Nguyên-van Hien.

Nel 1957 fondò l'Università di Da Lat a Da Lat, nella provincia di Lam Dong in Vietnam.

Il 24 novembre 1960 papa Giovanni XXIII lo nominò arcivescovo di Huê.

Il 22 gennaio 1961 ordinò quattro vescovi:

Queste furono le ultime ordinazioni della vita di Thuc approvate dalla Santa Sede.

Thuc, nel novembre 1963, si trovava a Roma per partecipare al Concilio Vaticano II ma dopo l'assassinio del fratello, il presidente Ngô Đình Diệm e di un altro fratello, Ngô Đình Nhu, non ritornò più nella sua chiesa di Hué, Arcidiocesi di Huê e successivamente andò in esilio a Tolone in Francia per sfuggire alla guerra del Vietnam, nel suo paese.

Palmar de Troya[modifica | modifica sorgente]

Palmar de Troya è una cittadina spagnola, vicino a Siviglia. Negli anni 1970 fu luogo di alcune supposte apparizioni mariane testimoniate da alcune ragazze e da un visionario di nome Clemente Domínguez y Gómez, che più tardi si autoproclamò antipapa con il nome di Gregorio XVII. Domínguez fondò l'Ordine Carmelitano del Sacro Volto che più tardi divenne la Chiesa Cattolica Palmariana.

L'arcivescovo Thuc credette a queste rivelazioni mistiche e, contro la volontà della Santa Sede, ordinò cinque vescovi l'11 gennaio 1976; i loro nomi sono:

Per questo motivo, Thuc e i vescovi da lui ordinati furono scomunicati da papa Paolo VI. Successivamente, Thuc si pentì e fu reintegrato nella Chiesa di Roma, mentre Clemente Domínguez y Gómez fondò la Chiesa palmariana, che attualmente è guidata da Sergio María, dal 2011 papa con il nome di Gregorio XVIII.

Sedevacantismo[modifica | modifica sorgente]

L'arcivescovo Thuc si trasferì a Tolone, dove per diversi anni celebrò la messa seguendo il nuovo rito promosso da papa Paolo VI nel 1968.

Successivamente, rifiutò di seguire le riforme del Concilio Vaticano II e il 7 maggio 1981 ordinò vescovo Michel Louis Guérard des Lauriers, senza il consenso della Santa Sede.

Il 17 ottobre dello stesso anno ordinò vescovi anche due preti messicani, Moisés Carmona y Rivera e Adolfo Zamora y Hernández: entrambi questi vescovi considerarono vacante il soglio pontificio, ritenendo usurpatori tutti i successori di papa Pio XII.

Nel febbraio 1982, nella chiesa di Sankt Michael a Monaco di Baviera, Thuc dichiarò la Santa Sede vacante. Tuttavia, i vescovi sedevacantisti nominati da Thuc non costituirono mai un movimento unitario, ma agirono singolarmente, sostenendo le proprie posizioni e nominando altri vescovi. Il 18 aprile 1982 a Loano ordinò vescovo Luigi Boni e Jean-Gérard Roux. Il 25 settembre 1982 ordinò vescovo Christian Marie Datessen, già vescovo della Chiesa vetero-cattolica. In questo periodo, Thuc consacrò numerosi individui di tendenza vetero-cattolica o appartenenti a chiese cattoliche indipendenti: molti di essi collezionarono più linee di successione apostolica e vennero ordinati da più di una chiesa o setta.

Ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Sul finire del 1982, Thuc partì per gli Stati Uniti d'America su invito di Louis Vezelis, un frate francescano, cattolico tradizionalista, che fu nominato vescovo da uno dei vescovi della linea di Thuc. Si stabilì a New York, ma successivamente fu trasferito in un monastero di religiosi di origine vietnamita a Carthage, nel Missouri, dove morì il 13 dicembre 1984.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 45452919 LCCN: no2007140563