Piero Bonsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piero Bonsi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Estampes par Nicolas de Larmessin.f120.Pierre Bonzi, cardinal.jpg
Coat of arms of Mgr Pierre de Bonzi.svg
Nato 15 aprile 1631, Firenze
Creato cardinale 22 febbraio 1662 da papa Clemente X
Deceduto 11 luglio 1703, Montpellier

Piero Bonsi (Firenze, 15 aprile 1631Montpellier, 11 luglio 1703) è stato un cardinale e ambasciatore italiano naturalizzato francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Piero Bonsi è figlio di Francesco, conte Bonsi della Ruota, senatore di Firenze, ministro del re a Mantova, e di Cristina, contessa di Riario. La madre era discendente di Caterina Sforza e di Bianca Maria Visconti; i Riario erano anche alleati dei Della Rovere di Savona.

Naturalizzato francese nell'aprile 1637, fece i suoi studi presso lo zio Clemente Bonsi, vescovo di Béziers, che lo indusse, nonostante una certa riluttanza, alla carriera ecclesiastica. Il 7 giugno 1660 fu eletto vescovo di Béziers e fu il quinto membro della sua famiglia ad avere quella cattedra episcopale. Ebbe poi numerosi incarichi diplomatici da parte del regno di Francia, che lo inviò ambasciatore in Toscana, a Venezia, in Polonia e in Spagna.

Tomba di Piero Bonsi nella Chiesa dei Santi Michele e Gaetano, a Firenze

Il 28 settembre 1671 fu promosso arcivescovo di Tolosa. Il 22 febbraio 1672 papa Clemente X lo creò cardinale. Non ricevete un titolo cardinalizio fino al 19 ottobre 1676, quando ebbe il titolo di Sant'Onofrio. Intanto il 12 marzo 1674 era stato trasferito all'arcidiocesi di Narbona. Il 19 ottobre 1689 optò per il titolo di San Pietro in Vincoli e il 28 novembre dello stesso anno per il titolo di Sant'Eusebio.

Dal 1693 soffrì di epilessia. Partecipò ai conclavi del 1676, del 1689 e del 1691, che elessero papa Innocenzo XI, papa Alessandro VIII e papa Innocenzo XII. Non partecipò invece al conclave del 1700 che elesse papa Clemente XI. Morì a Montpellier e fu sepolto nella cattedrale di Narbona.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 37344888