Pierino Baffi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pierino Baffi
Pierino Baffi.JPG
Pierino Baffi in maglia rosa
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 1969
Carriera
Squadre di club
1953 Individuale
1954-1956 Nivea-Fuchs Nivea-Fuchs/Clément
1957 Arbos Arbos
1958 Leo-Chlorodont Leo-Chlorodont
1959-1960 Ignis Ignis
1961 Fides
1962 Ghigi Ghigi
1963-1964 Molteni Molteni
1965 Bianchi-Mobylette Bianchi-Mobylette
1966 G.B.C. G.B.C.
Nazionale
1956-1962 Italia Italia
Carriera da allenatore
1969 Sagit
 

Pierino Baffi (Vailate, 15 settembre 1930Bergamo, 27 marzo 1985) è stato un ciclista su strada italiano. Professionista dal 1953 al 1969, conta la vittoria di diverse tappe in tutti i grandi Giri.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passato professionista nel 1954, fu gregario di Fiorenzo Magni prima e Gastone Nencini poi, ma ottenne ugualmente numerose affermazioni di prestigio.

Baffi fu uno dei pochi corridori della storia del ciclismo capace di imporsi in frazioni di tutti i grandi Giri, e fra i tre capaci di farlo in un'unica stagione, il 1958 (oltre a lui ci sono riusciti solo lo spagnolo Miguel Poblet e il velocista italiano Alessandro Petacchi). Vinse quattro tappe alla Vuelta a España, cinque al Tour de France e quattro al Giro d'Italia vestendo per due giorni la maglia rosa.

Vinse inoltre importanti classiche italiane come la Milano-Vignola e il Giro di Romagna nel 1956, il Giro dell'Emilia nel 1960 e la Coppa Bernocchi nel 1962.

Soprannominato "Toro di Vailate", indossò per tre volte la maglia azzurra della nazionale italiana in occasione dei Mondiali del 1956 (17º), 1957 (30º) e 1962 (ritirato).

È scomparso nel 1985 all'età di 54 anni, per un collasso cardiocircolatorio avvenuto a seguito di un intervento chirurgico al cervello per la rimozione di un tumore benigno[1]. Un anno dopo la sua morte, a lui venne intitolato il velodromo della città di Crema.

Suo figlio Adriano divenne anch'egli ciclista, come anche i nipoti Piero e Stefano.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1ª tappa Giro di Puglia e Lucania (Barletta > Brindisi)
2ª tappa 1ª semitappa Giro di Puglia e Lucania (Brindisi > Lecce)
6ª tappa 2ª semitappa Giro di Puglia e Lucania (Foggia > Barletta)
Coppa Mostra del Tessile
Coppa Francesco Gennari
6ª tappa Vuelta a España (Lerida > Barcellona)
9ª tappa Vuelta a España (Tortosa > Valencia)
Giro di Romagna
1ª tappa Giro d'Italia (Milano > Alessandria)
Milano-Vignola
8ª tappa Tour de France (Colmar > Besançon)
19ª tappa Tour de France (Pau >Bordeaux)
3ª tappa Vuelta a España (Pamplona > Saragozza)
14ª tappa Vuelta a España (Santander > Gijon)
12ª tappa Giro d'Italia (Scanno > San Benedetto del Tronto)
10ª tappa Tour de France (Saint-Nazaire > Royan)
16ª tappa Tour de France (Toulouse > Béziers)
24ª tappa Tour de France (Dijon > Parigi)
9ª tappa Paris-Nice-Rome (Chiavari > Firenze)
Milano-Mantova
7ª tappa, 2ª semitappa Gran Premio Ciclomotoristico (Siracusa)
7ª tappa Roma-Napoli-Roma (Pescara)
5ª tappa Giro d'Italia (Terni > Rimini)
Giro dell'Emilia
Trofeo Fenaroli
5ª tappa Menton-Genova-Roma (Poggibonsi > Roma)
2ª tappa 2ª semitappa Tre Giorni del Sud (Termoli > Campobasso)
Gran Premio Faema
Milano-Mantova
Trofeo Matteotti
Coppa Bernocchi
2ª tappa Giro d'Italia (Potenza > Bari)
Gran Premio del Centenario in Lussemburgo
1ª tappa Tour de Luxembourg (Lussemburgo > Lussemburgo)
4ª tappa Tour de Luxembourg (Diekirch > Esch-sur-Alzette)
Trofeo Matteotti

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Coppa della Provincia di Bergamo (Circuito)
Gran Premio Paganini (Circuito)
Gran Premio di Abbiategrasso (Circuito)
Gran Premio di Rivarolo Cremonese (Circuito)
Cronosquadre Vuelta a España (Madrid)
Parma (Criterium)
Busto Arsizio (Criterium)
Coppa della Provincia di Bergamo (Circuito)
Gran Premio di Rivarolo Cremonese (Circuito)
Gran Premio Livraga (Circuito)
San Daniele Po (Circuito)
Valeggio (Circuito)
Cesano Maderno (Criterium)
Lecco (Criterium)
Santa Maria Vezzola (Criterium)
Acqui (Criterium)
Rho (Criterium)
Cicognara (Criterium)
San Daniele Po (Circuito)
Lavis (Circuito)
Bordighera (Criterium)
Gran Premio del Centenario in Lussemburgo (Criterium)
Gran Premio di Casale (con Franco Cribiori)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1956: 55º
1957: 23º
1958: 63º
1959: 60º
1960: 68º
1962: 62º
1954: ritirato
1955: 22º
1956: 16º
1957: 29º
1958: 23º
1959: 53º
1960: 37º
1961: 67º
1962: 46º
1963: 77º
1964: 91º
1965: 72º
1955: 27º
1958: 37º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1954: 86º
1955: 82º
1956: 24º
1957: 17º
1959: 35
1960: 84º
1961: 81º
1962: 74º
1963: 32º
1964: 55º
1965: 89º
1959: 20º
1960: 34º
1963: 63º
1964: 63º
1955: 11º
1958: 27º
1959: 21º
1960: 41º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Copenaghen 1956 - In linea: 17º
Waregem 1957 - In linea: 30º
Salò 1962 - In linea: ritirato

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto Pierino Baffi velocista degli anni '60 Archiviolastampa.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]