Pidgeot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
 Pidgeot 
Pidgeot
Pidgeot

Nome nelle varie lingue
Italiano Pidgeot
Giapponese ピジョット Pijotto
Tedesco Tauboss
Francese Roucarnage
 Pokédex 
Classico 018
Johto 12
Hoenn 220
Caratteristiche
Specie Pokémon Uccello
Altezza 150 cm
Peso 39,5 kg
Generazione Prima
Evoluzione di Pidgeotto
Stato Secondo Stadio
Tipi Normale
Volante
Abilità Sguardofermo
Intricopiedi
Pettinfuori
Legenda · progetto Pokémon

Pidgeot (in giapponese ピジョット Pijotto, in tedesco Tauboss, in francese Roucarnage) è un Pokémon della Prima generazione di tipo Normale/Volante. Il suo numero identificativo Pokédex è 18.

L'allenatore Ash Ketchum ha posseduto un esemplare del Pokémon.[1] Anche i capipalestra Valerio e Blu utilizzano Pidgeot.[2]

Significato del nome[modifica | modifica sorgente]

Il suo nome deriva dalla parola inglese pigeon (piccione).

Il suo nome giapponese, ピジョット Pigeot[3], deriva da pigeon.

Il suo nome tedesco, Tauboss, potrebbe derivare dall'unione della parola Taube (piccione) con la parola boss (capo).

Il suo nome francese, Roucarnage, probabilmente deriva dall'unione della parola roucouler (tubare) con la parola inglese carnage (carneficina).

Nella versione beta di Pokémon Rosso e Blu, il suo nome era "Pidgeott".

Origine[modifica | modifica sorgente]

Pidgeot è basato su un rapace, in particolare sulle aquile ed i falchi. L'aspetto della sua versione Shiny ricorda l'aquila reale. I suoi occhi potrebbero essere un riferimento all'occhio di Horo.

Evoluzioni[modifica | modifica sorgente]

Si evolve da Pidgey e da Pidgeotto a livello 36.

Pokédex[modifica | modifica sorgente]

  • Rosso/Blu: Quando caccia, vola velocissimo sul pelo dell'acqua e cattura ignare prede come Magikarp.
  • Giallo: Può volare ad una velocità di Mach 2 in cerca di prede. I suoi artigli sono armi micidiali.
  • Oro/HeartGold: I forti muscoli pettorali gli permettono di provocare una tempesta di vento battendo le ali.
  • Argento/SoulSilver: Spiega le belle ali per terrorizzare i nemici. Può raggiungere la velocità di Mach 2.
  • Cristallo: Ha una vista formidabile: può scorgere il salto di un Magikarp volando a mille metri d'altezza.
  • RossoFuoco: Intimidisce i nemici spiegando le possenti ali. In volo raggiunge la velocità di Mach 2.
  • VerdeFoglia: Quando caccia, vola velocissimo sul pelo dell'acqua e cattura ignare prede come Magikarp.
  • Rubino/Zaffiro: Questo Pokémon è caratterizzato da uno stupendo piumaggio dai colori vivaci e brillanti. Molti allenatori sono colpiti dall'evidente bellezza delle piume sulla testa. Per questo spesso scelgono Pidgeot come loro Pokémon.
  • Smeraldo: Pidgeot è caratterizzato da uno stupendo piumaggio dai colori vivaci e brillanti. Molti allenatori lo scelgono per la bellezza delle piume sulla testa.
  • Diamante/Perla/Platino/Nero/Bianco/Nero2/Bianco2: Sbattendo le ali a più non posso, Pidgeot crea un vento tanto forte da piegare alberi possenti.

Nel videogioco[modifica | modifica sorgente]

Nei videogiochi Pokémon Rosso e Blu, Pokémon Giallo, Pokémon Oro e Argento, Pokémon Rosso Fuoco e Verde Foglia, Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver, Pokémon Diamante e Perla, Pokémon Platino, Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver, Pokémon Versione Bianca e Pokémon X e Y Pidgeot è ottenibile solamente in seguito all'evoluzione di Pidgeotto.

Nelle versioni X e Y Pidgeot può partecipare alle Lotte Aeree.[4]

Il capopalestra Valerio utilizza un Pidgeot nei videogiochi Pokémon Oro HeartGold, Pokémon Argento SoulSilver e Pokémon Stadium 2.[2] Anche l'allenatore Gary Oak schiera un esemplare di Pidgeot nelle versioni Rosso, Blu, Oro, Argento, Cristallo, Rosso Fuoco, Verde Foglia, HeartGold e SoulSilver.

Nei videogiochi Pokémon Mystery Dungeon: Squadra Rossa e Squadra Blu è uno dei Pokémon non recrutabili presente nella Catena Nordica (Northern Range).

Mosse[modifica | modifica sorgente]

Pidgeot apprende le stesse mosse delle sue pre-evoluzioni Pidgey e Pidgeotto. Può inoltre imparare tramite MT gli attacchi Iper Raggio (MT 15) e Gigaimpatto (MT 68).

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

  • Punti Salute: 83 (max 370)
  • Attacco: 80 (max 284)
  • Difesa: 75 (max 273)
  • Attacco Speciale: 70 (max 261)
  • Difesa Speciale: 70 (max 261)
  • Velocità: 101 (max 331)

Nell'anime[modifica | modifica sorgente]

Pidgeot appare per la prima volta nel corso dell'episodio Una festa movimentata (Pallet Party Panic) in cui il Pidgeotto di Ash Ketchum si evolve per sconfiggere uno stormo di Spearow.[5] Al termine dell'episodio Ash libera il suo Pokémon all'interno del Bosco Smeraldo.[1]

Anche il capopalestra Valerio possiede un esemplare di Pidgeot.[2] Il Pokémon è inoltre presente nei lungometraggi Pokémon il film - Mewtwo contro Mew e Pokémon: Lucario e il mistero di Mew.[6][7]

Nel gioco di carte collezionabili[modifica | modifica sorgente]

Pidgeot appare in 9 carte, prevalentemente di tipo Incolore, appartenenti a 7 set:[8][9]

  • Jungle (due carte, una delle quali Olografica)
  • Expedition (due carte, una delle quali Olografica)
  • EX RossoFuoco e VerdeFoglia (Olografica)
  • EX Fantasmi di Holon (come Pidgeot δ, Olografica di Lampo/Metallo)
  • Prodigi Segreti
  • Battaglie Trionfali
  • Richiamo delle Leggende (ristampa della carta appartenente a Battaglie Trionfali)

Nel 2005, in occasione dell'uscita in Giappone del lungometraggio Pokémon: Lucario e il mistero di Mew, è stata creata una carta dedicata al Pidgeot di Sir Aaron.

Una carta di Pidgeot compare esclusivamente nel videogioco Pokémon Trading Card Game.[10]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Ash's Pidgeot da Bulbapedia
  2. ^ a b c (EN) Falkner's Pidgeot da Bulbapedia
  3. ^ (EN) Pidgeot da veekun
  4. ^ (EN) Pokémon X & Y - Sky Battles da Serebii.net
  5. ^ (EN) Episode 83 - Pallet Party Panic da Serebii.net
  6. ^ (EN) Mewtwo Strikes Back da Serebii.net
  7. ^ (EN) Lucario & The Mystery of Mew da Serebii.net
  8. ^ (EN) Pidgeot (TCG) da Bulbapedia
  9. ^ (EN) #018 Pidgeot - Cardex da Serebii.net
  10. ^ (EN) Pidgeot (GB 1) da Bulbapedia

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Paul J. Shinoda, Pokémon Official Nintendo Player's Guide, Nintendo Power, 1998, pag. 70. ISBN 978-4549669140.
  • (EN) Nintendo Power, Pokémon Special Edition for Yellow, Red and Blue, Nintendo Power, 1999, pag. 75. ASIN B000GLCWWW.
  • (EN) M. Arakawa, Pokémon Gold Version and Silver Version Complete Pokédex, Nintendo Power, 2000, pag. 12. ASIN B000LZR8FO.
  • (EN) Scott Pellard, Pokémon Crystal Version, Nintendo Power, 2001, pag. 85. ISBN 978-1930206120.
  • (EN) Eric Mylonas, Pokémon Fire Red & Leaf Green: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2004, pag. 95. ISBN 978-0761547082.
  • (EN) Lawrence Neves, Pokémon Diamond & Pearl Pokédex: Prima's Official Game Guide Vol. 2, Prima Games, 2007, pag. 22. ISBN 978-0761556350.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon Platinum: Prima's Official Game Guide, Prima Games, 2009, pag. 398. ISBN 978-0761562085.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Johto Guide & Johto Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, pag. 234. ISBN 978-0307468031.
  • (EN) Pokémon USA, Pokémon HeartGold & SoulSilver: The Official Pokémon Kanto Guide & National Pokédex: Official Strategy Guide, Prima Games, 2010, pag. 207. ISBN 978-0307468055.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Pokémon Portale Pokémon: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pokémon