Pictures of Matchstick Men (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pictures of Matchstick Men
Artista Status Quo
Tipo album Singolo
Pubblicazione 5 gennaio 1968
Durata 6 min : 07 s
Album di provenienza Picturesque Matchstickable Messages from the Status Quo
Genere Rock psichedelico
Hard rock
Etichetta Pye Records
Produttore John Schroeder
Registrazione novembre 1967
Formati vinile
Status Quo - cronologia
Singolo precedente
(1967)
Singolo successivo
(1968)

Pictures of Matchstick Men è il primo singolo pubblicato dalla rock band inglese Status Quo, nell’anno 1968.

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

La canzone viene pubblicata dalla band britannica con la nuova sigla di “The Status Quo” e sancisce l’aggancio del gruppo con le sonorità incantate e suggestive della musica psichedelica.

Viene composta da un giovanissimo Francis Rossi su impulso del riff di chitarra del brano Hey Joe di Jimi Hendrix ed è contraddistinta da arrangiamenti ricercati e raffinati, accompagnati da accattivanti distorsioni sonore ottenute grazie al massiccio ricorso alla allora neonata tecnica del “phasing”. Lo stile è molto diverso da quello che connoterà i lavori del gruppo a partire dai primi anni settanta.[1]

Il brano è ispirato ai “matchstick men” (in italiano “uomini fiammifero”) dipinti dal noto pittore inglese L. S. Lowry (1887-1976, divenuto famoso per aver effigiato proprio queste figure a gruppi di persone nella vita dei distretti industriali del nord dell’Inghilterra nella metà del ‘900)[2] e riesce ad emergere grazie ai DJ di una delle primissime radio pirata del Regno Unito, Radio Carolina, i quali, trasmettendolo con insistenza, lo portano all’esordio nelle Top 30 inglesi facendo crollare una assurda censura imposta in principio dalla BBC per i toni troppo evocativi delle liriche, da qualcuno valutate come il frutto di percezioni da stupefacenti.

Dopo la prima storica apparizione del gruppo alla prestigiosa trasmissione televisiva Top of the Pops nel febbraio del 1968, la canzone sale nelle Top Ten inglesi (settimo posto) ed espande rapidamente il suo successo anche nel resto del pianeta.

Il brano è ripreso ed eseguito nel tempo da innumerevoli altri artisti (tra cui Ozzy Osbourne, Divine Comedy, Kasabian o Liam Gallagher degli Oasis, che nel 2003 l’ha interpretato insieme ai Death in Vegas col nuovo titolo di Scorpio Rising) ed è ancora oggi ricordato come uno dei classici più famosi del periodo d’oro della musica psichedelica.

Nel 1989, ripreso dalla band americana Camper van Beethoven, è approdato al primo posto delle classifiche billboard USA modern rock.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è stato scritto da Francis Rossi, leader degli Status Quo, nel 1967, in circostanze assai curiose, mentre si era chiuso nel bagno di casa dopo un litigio con la giovanissima moglie:

« È assolutamente vero, scrissi il pezzo mentre mi trovavo nel bagno di casa. Mi c’ero rinchiuso non per le usuali ragioni… ma per stare un po’ lontano da mia moglie. Rimasi lì seduto alcune ore e alla fine avevo scritto tre quarti della canzone. Il resto lo composi in salotto, sul divano… »
(Francis Rossi)

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è stata inclusa nelle colonne sonore dei seguenti film:

Nel 2007, il pezzo è stato anche incluso nella serie televisiva statunitense My Name is Earl, terza stagione, episodio 11.

Ristampe[modifica | modifica wikitesto]

1978[modifica | modifica wikitesto]

A dieci anni di distanza dai primi grandi successi internazionali della band, la Pye Records decide di ristampare e pubblicare nuovamente i brani Pictures of Matchstick Men e Ice in the Sun, i due singoli che nel 1968 avevano fatto conoscere la band di Francis Rossi come una delle migliori esponenti del rock psichedelico anglosassone.

Il rilascio del 45 giri si inserisce nel novero di una numerosa serie di ristampe volte a rivalorizzare le prime incisioni della band.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Pictures of Matchstick Men - 3:08 - (Rossi)
  2. Ice in the Sun - 2:10 - (Wilde/Scott)

1979[modifica | modifica wikitesto]

Ristampa del 45 giri pubblicato nuovamente dalla Pye Records con una confezione alternativa del 45 giri colorato di giallo ed una diversa veste grafica in copertina.

Il lato "B" comprende un altro classico della band, Down the Dustpipe del 1970.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Pictures of Matchstick Men - 3:08 - (Rossi)
  2. Down the Dustpipe - 2:03 - (C. Groszmann)

1983[modifica | modifica wikitesto]

Il 45 giri viene ripubblicato dalla Old Gold nel maggio 1983, etichetta specializzata nella riproposizione di classici della musica.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Pictures of Matchstick Men - 3:08 - (Rossi)
  2. Down the Dustpipe - 2:03 - (C. Groszman)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Chart (1968)[3][4][5][6][7][8] Posizione
Argentina 1
Australia 4
Austria 18
Canada 8
Finlandia 6
Francia 2
Germania 7
Irlanda 7
Nuova Zelanda 5
Olanda 4
Regno Unito 7
Sud Africa 5
Svizzera 5
USA 12

Classifica singoli britannica[modifica | modifica wikitesto]

"Pictures of Matchstick Men" nelle classifiche inglesi - ingresso: 27-01-1968
Settimana 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12
Posizione
49
30
12
9
7
7
7
13
19
23
29
37
uscito

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Pictures of Matchstick Men - 3:08 - (Rossi)
  2. Gentleman Joe's Sidewalk Cafe - 2:59 - (K Young)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensione di All Music Guide sulla canzone Pictures of Matchstick Men. URL consultato il 10 dicembre 2008.
  2. ^ Sito ufficiale del quotidiano "Il Manifesto" - La strana arte delle canzoni. URL consultato il 01 febbraio 2014.
  3. ^ Classifiche ufficiali tedesche. URL consultato il 10 dicembre 2008.
  4. ^ Classifiche generali del 1968. URL consultato il 14 luglio 2010.
  5. ^ Classifiche ufficiali olandesi. URL consultato il 13 febbraio 2009.
  6. ^ Classifiche ufficiali inglesi. URL consultato il 10 dicembre 2008.
  7. ^ Classifiche ufficiali svizzere. URL consultato il 10 dicembre 2008.
  8. ^ Classifiche ufficiali USA. URL consultato il 10 dicembre 2008.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock