Piccoli campioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piccoli campioni
Titolo originale Little Giants
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1994
Durata 107 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere commedia
Regia Duwayne Dunham
Soggetto James Ferguson, Robert Shallcross
Sceneggiatura James Ferguson, Robert Shallcross, Tommy Swerdlow, Michael Goldberg
Produttore Arne Schmidt, Walter F. Parkes, Gerald R. Molen, D. Scoot Easton
Fotografia Janusz Kaminski
Montaggio Donn Cambern
Effetti speciali Chris Burton, Michael Paris, Mike Wever
Musiche John Debney
Interpreti e personaggi

Piccoli campioni (Little Giants) è un film diretto da Duwayne Dunham nel 1994.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Due fratelli, Danny e Kevin O'Shea, sono appassionati di football americano. Tra di loro c'è grande rivalità in quanto uno si crede più esperto dell'altro nell'allenare una squadra di ragazzini delle scuole.

Si crea una competizione: Kevin, il "più esperto", allena una squadra "schiacciasassi", formata da piccoli fenomeni della palla ovale, Danny si deve accontentare di una formazione a dir poco mediocre, costituita da improvvisati giocatori. Il capitano di questa "armata brancaleone" è addirittura una ragazzina (Becky), figlia dello stesso allenatore, che però ha grinta da vendere e giocate per nulla inferiori ai coetanei maschietti.

I due fratelli decidono dunque di sfidarsi in una partita: Danny si gioca il suo autolavaggio, e Kevin la sua concessionaria, e i favori del pronostico sono ovviamente dalla parte della squadra di quest'ultimo. I fratelli O'Shea si trovano dunque uno di fronte all'altro, smaniosi di vincere e dimostrare la propria forza.

Se nel primo tempo la squadra di Kevin si porta decisamente in vantaggio, alla fine a spuntarla sarà la tanto bistrattata squadra dei "perdenti" e Danny avrà la sua personale rivincita nei confronti del borioso Kevin.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema