Piccola peste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piccola peste
Titolo originale Problem Child
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1990
Durata 81 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere commedia
Regia Dennis Dugan
Soggetto Scott Alexander, Larry Karaszewski
Sceneggiatura Scott Alexander, Larry Karaszewski
Produttore Robert Simonds
Casa di produzione Universal, Imagine Entertainment
Distribuzione (Italia) Universal
Fotografia Peter Lyons Collister
Montaggio Mike Hill, Daniel P. Hanley
Effetti speciali Jack Bennett
Musiche Miles Goodman
Scenografia George Costello
Costumi Eileen Kennedy
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Piccola peste (Problem Child) è un film del 1990 diretto da Dennis Dugan.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Junior è un bambino di sette anni che è stato abbandonato quando era ancora in fasce. Man mano che cresce, il suo difetto si mostra quello di avere un carattere estremamente vivace e pestifero. Per questo motivo diventa grande passando da una famiglia all'altra, poiché nessuna di queste è intenzionata a tenerlo. Nel film si specifica che le restituzioni del bambino all'orfanotrofio sono state circa trenta. Quando non è in famiglia, Junior si diletta a far impazzire le suore dell'istituto, le quali disperate non sanno più cosa fare con lui, e sono consapevoli che nessuna famiglia vorrà mai più prenderlo con sé. Un giorno però Ben Healy e sua moglie Flo, scoprono di non poter avere figli e questo li conduce alla decisione estrema di una adozione. Ansiosi di sbolognare Junior a qualcuno, né le suore né il direttore si curano di informare gli Healy circa l'indole del piccolino, giacché per Healy, che non sa ancora cosa voglia dire esser un genitore, si preparano tempi durissimi. Junior si comporterà malissimo, insofferente all'autorità di Ben e Flo farà in modo, con i suoi scherzi, di farsi detestare da qualsiasi anima che viva in città. La realtà è che lui cerca soltanto attenzione e comprensione, dato che per le altre famiglie era stato fin troppo facile restituirlo invece che impegnarsi a modellare il suo carattere. Junior sottopone Ben a umiliazioni continue,convinto che anche lui si arrenderà, ma con sua grande sorpresa scoprirà che Healy non ha alcuna intenzione di abbandonarlo; il bambino, dunque, per la prima volta inizia a sentirsi amato. Si è dimenticato nel frattempo, che mentre era in orfanotrofio aveva scritto a un criminale chiedendogli di incontrarlo. Quest'ultimo, pensando che la lettera sia stata scritta da un adulto, evade dal carcere per incontrare il soggetto in questione, ma va su tutte le furie quando arrivato in casa Healy scopre di essere evaso per un moccioso di sette anni. Flo inizia a mal sopportare Junior in quanto non rispecchia il figlio che lei si aspettava, e si trova d'accordo con il padre di Ben, Big Ben, un riccone che ama circondarsi di giovinette (e che si è candidato alla carica di sindaco) e che detesta il ragazzino. Junior e Flo vengono rapiti da Marty il criminale, il quale chiede centomila dollari come riscatto per lasciarli andare. Dapprima Ben è felicissimo di essersene liberato, ma essendosi legato a Junior riesce a riportarlo a casa dopo un inseguimento e una sparatoria dalla quale ne esce vivo.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Le riprese si sono svolte dal 2 ottobre al 24 novembre 1989.[1]

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Il film ha avuto due sequel: Piccola peste torna a far danni (1991) e Piccola peste si innamora (1995). Michael Oliver, John Ritter e Amy Yasbeck hanno partecipato solo al secondo capitolo, anche se quest'ultima ha un ruolo diverso dal primo film. Jack Warden e Gilbert Gottfried invece sono comparsi in entrambi i sequel.

Inoltre, nel 1993, è stata realizzata anche una serie animata: Junior combinaguai.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Box office / incassi per Piccola peste (1990), Internet Movie Database. URL consultato il 31 maggio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema