Picatrix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Picatrix
Titolo originale Gāyat-al-hakīm
Asclepius Louvre engraving c1860.jpg
Ritratto del medico mitico Asclepio, personaggio presente nei primi due libri del Picatrix
Autore Abū- Maslama Muhammad ibn Ibrahim ibn 'Abd al-da'im al-Majrītī
1ª ed. originale 1256
Genere trattato
Sottogenere occultismo, alchimia, astrologia
Lingua originale arabo

Picatrix è un'opera in lingua latina di fondamentale importanza per l’occultismo astrologico del Tardo Medioevo e del Rinascimento.

Si tratta di un libro tradotto dall'arabo nella Spagna dell'XI secolo.[1] Il titolo originale è Gāyat-al-hakīm, cioè il fine del saggio, scritto da Abū- Maslama Muhammad ibn Ibrahim ibn 'Abd al-da'im al-Majrītī[2] , oriundo di Cordova morto nel 1007-8 d.C.

In base ai manoscritti latini l'opera risulta tradotta de arabico in hispanicum nel 1256 sotto il regno di Alfonso X di Castiglia, detto el Sabio. Il Picatrix latino ebbe un enorme diffusione durante tutto il Rinascimento: una copia del Picatrix era presente nella biblioteca del mago Cornelio Agrippa, ma anche del dotto Pico della Mirandola così come del pio Marsilio Ficino.

Il Picatrix non venne mai stampato, ma ebbe una grande diffusione manoscritta nel corso del XV e XVI secolo. Il libro contiene elenchi di immagini magiche nonché consigli pratici di magia, espressi nella cornice filosofica dell’ermetismo. «Questo trattato è dunque diviso in quattro libri e alcuni di essi sono, a loro volta, divisi in parti» [3]

Contenuto[modifica | modifica sorgente]

Dopo un’introduzione contenente idee di carattere filosofico che ricalcano quelle espresse anche in altri trattati appartenenti alla tradizione ermetica, quali il Pimandro e l’Asclepio (processione neoplatonica del reale dall’Uno, continuità di spirito e materia), l’autore del Picatrix passa ad esaminare nei primi due libri l’arte di creare talismani a partire da una serie di immagini di cui propone un dettagliato elenco.[4]

Nel terzo libro l’autore discute della corrispondenza di pietre, animali e piante con i vari pianeti, segni dello zodiaco e parti del corpo umano. Il libro contiene anche formule per invocare gli spiriti dei vari pianeti. [5] Anche il quarto libro tratta di simili argomenti e termina con una serie di preghiere rivolte ai pianeti.[6]

Riferimenti nel mondo letterario[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Picatrix, pag. 11 «fra il 1047 e il 1051»
  2. ^ Picatrix, pag. 11
  3. ^ Picatrix, pag. 27
  4. ^ Picatrix, «Ora nel primo libro si tratta del cielo e della sua azione sulla terra attraverso le configurazioni che vi si trovano. Nel secondo si parla in generale delle configurazioni del cielo, del moto dell'ottava sfera e dei loro effetti su questo mondo» pag. 27
  5. ^ Picatrix, «Nel terzo delle proprietà dei pianeti, dei segni e delle loro configurazioni e immagini. Si parla poi esplicitamente delle figure e delle forme nella loro varietà e di come si possa comunicare con gli spiriti dei pianeti, nonché di molte altre negromanzie» pag. 27-28
  6. ^ Picatrix, « Nel quarto infine si discute delle proprietà degli spiriti e di quanto altro è datener presente in quest'arte e in che modo ci si possa avvalere di talismani, fumigazioni e altro» pag. 28

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • La rinascita del paganesimo antico: contributi alla storia della cultura, Aby Warburg; raccolti da Gertrud Bing. - Firenze, La Nuova Italia, 1966. - XXXI, 438 p., [43] c. di tav. ; 25 cm.
  • Giordano Bruno e la tradizione ermetica, Frances A. Yates. - 6. ed. - Roma [ecc.], GLF Editori Laterza, 2000. - 505 p., [8]c. di tav. : ill. ; 21 cm.
  • Picatrix, a cura di Paolo Aldo Rossi, Milano, Mimesis Edizioni, 1999. ISBN 88-87231-46-X.
  • Ghayat al-hakim (Il fine del saggio), a cura di H. Ritter, in «Studien der Bibliothek Warburg», 12, Leipzig-Berlin, 1933, originaria versione critica dall'arabo
  • Ghayat al-hakim (Il fine del saggio), a cura di H. Ritter e M. Plessner, in «Studies of Warburg Institute», XXVII, London, 1962, traduzione tedesca dall'arabo
  • La magie arabe traditionelle, S. Matton, Paris, 1977, contiene la trasposizione francese di alcune parti del Picatrix
  • Picatrix, M. Villegas, Madrid, 1982, contiene la traduzione spagnola del Picatrix
  • Picatrix latinus, V. Perrone Compagni, in «Medioevo», I, 1975, pagg. 237-337
  • La magia cerimoniale nel Rinascimento, V. Perrone Compagni, in «Atti dell'Accademia di Scienze morali e politiche»,LXXXVIII, 1977, pagg. 279-330
  • Il Mistero del Picatrix - Un antico trattato di Magia, Roberto Taioli, Viareggio, Edizioni Rebis, 2012