Pica (unità di misura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il pica ('paɪkə) o riga tipografica o cicero è un'unità di misura assoluta per la lunghezza, usata esclusivamente in ambito tipografico e ad essa equivalgono:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il pica ha origine intorno al 1785 quando Françoise-Ambrose Didot (1730-1804, figlio dello stampatore francese François Didot), perfezionò il sistema di unità di misura tipografiche creato da Pierre Simon Fournier le Jeune (1712-68). Sostituì il sistema di misura tradizionale cicéro, Petit-Roman, e Gros-Text con le dimensioni come "dieci-punti", "12-punti", ecc. per la progettazione tipografica.

Nella storia della stampa sono stati usati tre differenti tipi di pica:

  • Il pica francese di 12 punti Didot, anche chiamato cicéro vale: 12 x 0.376  =  4,512 mm o circa 0,177 638 pollici.
  • Nel sistema americano tradizionale di stampa si usa un punto di 0,013837 pollici (1/72,27 pollici). Il punto pica equivale a 0,3515 mm.
  • L'odierno computer pica è definito come 1/72 dell'Anglo-Saxon compromise foot del 1959, ad esempio 4,233 mm o 0.166 pollici. Questo pica è stato fortemente promosso dall'Adobe PostScript e oggigiorno domina nella industria tipografica così come nel mondo informatico e nelle relative stampanti.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Una misura in pica è normalmente indicata da una P maiuscola con una barra che va dalla estremità in alto a destra a quella in basso a sinistra della lettera; in pratica si disegna una "/" su una "P". Similmente la misura punto è rappresentata dal numero di punti seguita da una "p" minuscola, come 5p "5 punti," 6P2p per "6 pica e 2 punti", o 1P1 per "13 punti" che corrisponde alla conversione di un 1 pica e un 1 punto.

Programmi famosi come Adobe InDesign e QuarkXPress indicano le misure in pica mettendo le dimensioni intere in pica alla sinistra di una 'p', seguita dai punti, come in: 5p6, che indica 5 pica e 6 punti, o 5 pica e 1/2.

Da notare come tutte queste definizioni differiscono dalla definizione di pica presente nelle macchine per scrivere che corrisponde alla dimensione del font in cui ci sono dieci caratteri per pollice orizzontale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert Bringhurst, The Elements of Typographic Style, second edition, H&M Publishers., 1999, pp. 294–295
  • W. W. Pasko, American Dictionary of Printing and Bookmaking, H. Lockwood., 1894, p. 436


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]