Pianura Indo-Gangetica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pianura indo-gangetica

La pianura indo-gangetica si estende al centro della penisola indiana ed è stata formata da tre grandi fiumi: a ovest l'Indo, in gran parte nel territorio pakistano, mentre ad est il Gange e il Brahmaputra hanno creato un immenso delta sul confine con il Bangladesh. Di origine alluvionale, queste terre sono le più fertili e le più importanti perché ricoprono 700.000 km².

A sud si trova l'altopiano del Deccan di forma triangolare, con altezza media di 600-700 metri. Dall'alterazione dei terreni originari derivano le terre nere. In questa zona prosperano le foreste tropicali composte da alberi sempreverdi molto alti. Nella parte orientale dell'altopiano e sul versante interno dei Ghati orientali - collinari, ma che ad occidente si presentano come una catena montuosa - prevalgono le foreste tropicali le cui essenze principali sono il tek e il sandalo. All'altezza del delta del Gange si incontrano numerose foreste sommerse.

L'area orientale della pianura indo-gangetica è caratterizzata dal succedersi dei monsoni, che soffiano sei mesi dal mare (sud-ovest), scaricando abbondanti piogge sul versante occidentale del Deccan e fino alla catena himalayana, e sei mesi da terra (nord-est), originando venti asciutti e freddi che si dirigono verso sud.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India