Piano di lottizzazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il piano di lottizzazione, in Italia, è uno strumento urbanistico che si realizza per urbanizzare nuove aree e completare l'edificazione nelle zone di espansione; è approvato dal consiglio comunale, ove conforme alle prescrizioni normative, su richiesta della parte interessata, proprietaria o superficiaria dell'area da lottizzare.

Il piano di lottizzazione, come primo requisito, deve inserirsi nelle previsioni dello strumento urbanistico generale (piano regolatore) e, per effetto di recenti modificazioni, del piano strutturale e del regolamento urbanistico vigenti, in conformità a quanto stabilito con la legge n. 47 del 1985 (legge sul cosiddetto "condono edilizio").

Per la sua attuazione deve stipularsi una convenzione in cui i lottizzandi si impegnano a cedere gratuitamente le aree per la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria e secondaria ed a corrispondere gli oneri per la realizzazione completa dell' urbanizzazione primaria e parte della secondaria.

Normative[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista normativo, il piano di lottizzazione è equivalente al piano particolareggiato: viene compilato su mappa catastale (in genere scala 1:500) quindi è formato dagli stessi elaborati:

Iter di approvazione[modifica | modifica wikitesto]

L'iter di approvazione di un piano di lottizzazione prevede la deliberazione della giunta comunale, l’esame della commissione consiliare competente, cui segue la prima approvazione (detta "adozione") in consiglio comunale. Dopo l’approvazione del consiglio comunale il piano di lottizzazione viene esitato all’albo pretorio per 45 giorni, durante i quali si accolgono le osservazioni dei cittadini e degli enti interessati.

Il piano di lottizzazione viene inviato anche agli organi di pianificazione superiori: Regione e Provincia esprimono il loro parere secondo le leggi regionali in materia (eventualmente anche della Sovrintendenza ai Beni Culturali se il piano di lottizzazione interessa edifici o aree vincolate). La giunta lo approva con nuova delibera, accogliendo le eventuali osservazioni di Regione e Provincia, e lo presenta di nuovo in Consiglio Comunale (con un nuovo passaggio in commissione).

Una volta approvato definitivamente viene stipulata la convenzione per le opere di urbanizzazione e il piano di lottizzazione diventa esecutivo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]