Piacentino (glossatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Piacentino (o Placentino, in latino Placentinus; Piacenza, 1130 circa – Montpellier, 1192 secondo il Gouron circa 10 anni prima) è stato un giurista e glossatore medievale italiano, appartenente alla scuola dei glossatori civilisti, fu fondatore della scuola di diritto di Montpellier.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Discepolo dei primi glossatori bolognesi, insegnò a Mantova dove scrisse il De varietate actionum[1] (Summa Mantuana) e poi allo Studio bolognese, dove tenne la cattedra di diritto civile dal 1166. Nel 1170 abbandonò Bologna, probabilmente per dissidi di natura politica con i colleghi bolognesi in quanto le sue idee politiche erano contrarie all'imperatore Federico Barbarossa, e passò a Montpellier, dove portò i nuovi insegnamenti del rinato diritto romano. Tornato in Italia nel 1183, ritornò nuovamente nel 1189 a Montpellier, dove rimase fino alla morte. Secondo il Gouron però la morte sarebbe da spostare di una decina di anni addietro infatti dimostra che le fonti come la pietra tombale (incisa tre secoli dopo la sua morte) sono fuorvianti[2].

Opera[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Placentini iureconsulti vetustissimi De uarietate actionum libri sex. Item Rogerii Compendium de diuersis praescriptionibus. Eiusdem Dialogus de praescriptionibus. Rogerii itidem de quorundam ueterum iurisconsultorum antinomicis sententijs, adprime utilis Enarratio. Eiusdem Catalogus praescriptionum. Cum praefatione Nicolai Rhodij qui hos autores e tenebris erutos in lucem aedidit, Moguntiae : ex aedibus Joannis Scheffer, mense februario 1530
  2. ^ A. Gouron, La date de la mort de Placentin: une fausse certitude,anno 1993
  3. ^ Placentini Summa "Cum essem Mantue" siue de accionum uarietatibus, herausgegeben von Gustav Pescatore, Greifswald : Julius Abel, 1897
  4. ^ Pietro Torelli (a cura di), «Glosse preaccursiane alle Istituzioni». In: Studi in onore di storia e diritto in onore di Enrico Bestia, Milano : Giuffrè, 1939, IV, pp. 229-277
  5. ^ Placentinii Summa institutionumi, Augusta Taurinorum : Ex officina erasmiana, 1973; Ristampa anastatica dell'edizione Magonza : Ivo Schoffer, 1535 (Vol. I del Corpus glossatorum juris civilis)
  6. ^ Placentini summa codicis : Accessit proemium quod in Moguntina editione desiderabatur, Prefazione di Francesco Calasso. Torino : Bottega d'Erasmo, 1962; Ristampa anastatica dell'ed. Moguntiae, 1536
  7. ^ Emanuele Conte, Tres Libri codicis, Volume 46 di Ius commune. Sonderhefte. Frankfurt am Main : Vittorio Klostermann, 1990, ISBN 3-465-02225-4, p. 74
  8. ^ Bulgari ad Digestorum titulum de diversis regulis iuris antiqui commentarius et Placentini ad eum additiones sive exceptiones edidit, Dr. Fr. Guil. Conr. Beckhaus, Frankfurt am Main : Minerva, 1967
  9. ^ Bulgari et Placentini, veterum iurisconsultorum ad titulum Pandectarum De diuersis regulis iuris antiqui, breues duo et elegantes commentarij: quorum prior multo quam ante hac emendatior, alter vero, quas Additiones et exceptiones regularum Placentinus alibi nominat, nunc primum in lucem editus, ex Bibliotheca Collegiatae Ecclesiae Bonnensis, una cum legum capitibus in margine adiectis: studio & opera Iacobi Campii eiusdem collegii decani, Coloniae Agrippinae : apud Iohannem Gymnicum sub Monocerote, 1587
  10. ^ Emil Seckel (editor), Distinctiones glossatorum : Studien zur Distinktionen-Literatur der romanistischen Glossatorenschule : verbunden mit Mitteilungen unedierter Texte, Berlin : O. Liebmann, 1911
  11. ^ Severino Caprioli et al. (a cura di), Glosse preaccursiane alle Istituzioni, Perugia : Università degli studi ; [poi] Roma : nella sede dell'Istituto storico italiano, 1982-

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • «Piacentino (o Placentino; lat. Placentinus)». In: Enciclopedia Biografica Universale, Roma: Istituto dell'Enciclopedia italiana, Vol. XV (on-line)
  • Rafaele Garilli, I fasti di Piacenza. Piacenza : Tipografia Nazionale di Nicola Missaghi, 1861, capp. XVI-XVII, pp. 63-72 (on-line)
  • A. Gouron, La date de la mort de Placentin: une fausse certitude, 1993

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]