Phyllocnistis citrella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Minatrice serpentina degli agrumi
Phyllocnistis citrella adult1.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
(clade) Amphiesmenoptera
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
Superfamiglia Gracillarioidea
Famiglia Gracillariidae
Sottofamiglia Phyllocnistinae
Genere Phyllocnistis
Specie P. citrella
Nomenclatura binomiale
Phyllocnistis citrella
Stainton, 1856

La minatrice serpentina degli agrumi (Phyllocnistis citrella Stainton, 1856) è un Lepidottero appartenente alla famiglia Gracillariidae[1] di recente introduzione in Italia (1994) che vive su tutti i Citrus, ma è in grado di attaccare anche piante appartenenti ad altre famiglie: Oleaceae, Loranthaceae, Lauraceae, Leguminose, Salicaceae e Tiliaceae.

Generalità[modifica | modifica wikitesto]

È una specie originaria del Sud-Est asiatico che si è diffusa dapprima in Australia ed in Africa, poi nel 1993 in America (Florida) ed in Europa, ad iniziare dalla Spagna. In Italia la presenza della minatrice è stata rilevata, nell'autunno del 1994, in Sardegna e, nel luglio del 1995, nei comprensori della Calabria e della Sicilia. In pratica, tutti i comprensori agrumicoli e tutte le specie di agrumi sono stati interessati nell'arco di pochi mesi (luglio-settembre). P. citrella è un microlepidottero minatore che localizzandosi su foglie giovani, su germogli e, sporadicamente, anche sui frutti provoca disseccamenti, necrosi ed accartocciamenti con conseguente perdita di foglie colpite.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Adulto[modifica | modifica wikitesto]

L'adulto è una farfallina di piccole dimensioni (apertura alare 4 mm) che ha le ali anteriori bianco-argentee, frangiate, con sottili bande scure trasversali ed una macchiolina nera all'apice.

Larva[modifica | modifica wikitesto]

Phyllocnistis citrella larva.jpg

La larva è di colore giallo-verdognolo e raggiunge a maturità 3 mm di lunghezza; conduce vita endofitica ed è caratterizzata da uno sviluppo ipermetamorfico, con due tipi ben differenziati:

  • Larva di I tipo (prime tre età): apoda con il corpo affusolato e depresso; questa larva, bianca inizialmente per poi divenire di colore giallo, è plasmofaga e si nutre mediante due mandibole laminari che si muovono orizzontalmente tagliando le pareti trasverse delle cellule epidermiche;
  • Larva di II tipo: pur avendo ancora vita endofitica è afaga (cioè non si nutre) e presenta un apparato boccale subatrofico con una papilla sericipara pronunciata. Con la seta prodotta essa prepara un ricettacolo per incrisalidarsi, piegando un piccolo lembo al margine della foglia.

Pupa[modifica | modifica wikitesto]

Phyllocnistis citrella pupa1.jpg

La crisalide, lunga 2-2,5 mm e di colore marrone, è dotata anteriormente di uno sclerite che serve per lacerare lo strato epidermico della mina fogliare, favorendo così lo sfarfallamento dell'adulto.

Uovo[modifica | modifica wikitesto]

L'uovo, trasparente e di forma lenticolare, viene deposto normalmente in prossimità della nervatura centrale della foglia.

L'adulto, pur avendo l'abitudine di uscire dai ricoveri al tramonto del sole, si può riscontrare in pieno giorno tra la vegetazione delle piante.

Parti attaccate e danni[modifica | modifica wikitesto]

Foglie minate da P. citrella

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Le larve danneggiano le foglie scavando mine sottoepidermiche sinuose, ripiegate su se stesse. Queste gallerie sono caratterizzate da una linea scura centrale dovuta agli escrementi della larva e da un colore argenteo causato dall'aria che vi penetra. Le foglie colpite appaiono deformate, con ripiegature del bordo verso la pagina inferiore.

Frutti[modifica | modifica wikitesto]

I frutti colpiti a maturità presentano la superficie della buccia incisa dall'attività della larva. Si ha una maggiore incidenza di danni sui frutti di limone.

Ciclo biologico[modifica | modifica wikitesto]

Gli adulti sono attivi durante le ore notturne. P. citrella sverna entro le gallerie larvali, come larva o allo stato di crisalide. Le femmine depongono sulle foglie tenere un numero variabile di uova isolate, da 7 a 108, e su ambedue le lamine fogliari, in prossimità della nervatura mediana. Dopo un breve periodo di incubazione (da 2 a 10 giorni) le larve neonate che sono inizialmente plasmofaghe (di I tipo) penetrano nell'epidermide superiore o inferiore della foglia scavando mine serpentiformi del diametro inferiore a 1 mm, ma che interessano solo l'epidermide. Le larve di II tipo fuoriescono dalle mine e ripiegano una piccola porzione del lembo fogliare con fili sericei formando un ricovero, nell'interno del quale si incrisalidano per poi dare il nuovo adulto dopo 5-8 giorni. Il microlepidottero, in funzione delle condizioni ambientali, può compiere da 5 a 13 generazioni l'anno con un rallentamento dello sviluppo nei periodi più freddi; anche se con temperature di 26-29 °C svolge il ciclo di sviluppo in circa 15 giorni. I primi attacchi si manifestano intorno alla metà di giugno, purché la temperatura notturna non scenda al di sotto di 12 °C (soglia termica per l'insetto).

Antagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Predatori: Crisope, Tripidi.

Parassitoidi:

Difesa[modifica | modifica wikitesto]

Interventi agronomici[modifica | modifica wikitesto]

I mezzi agronomici mirano a controllare l'attività vegetativa della pianta in modo da limitare, in alcuni periodi dell'anno, la disponibilità di giovani foglie suscettibili all'attacco. Ciò si ottiene:

  • evitando gli stress idrici;
  • riducendo gli apporti azotati estivi;
  • anticipando la potatura che deve essere annuale e di limitata entità.
  • eliminando l'eccessiva presenza di succhioni che con la loro germogliazione favoriscono lo sviluppo continuo dell'insetto.

Interventi chimici[modifica | modifica wikitesto]

La lotta è opportuna in vivaio, nei nuovi impianti, sui reinnesti e nei limoneti sottoposti a forzatura. In ogni caso è necessario intervenire, contro le larve giovani, solo al superamento della soglia del 50% di germogli infestati.

Si consiglia di utilizzare sostanze attive caratterizzate da ridotta tossicità ed efficaci nei confronti di P. citrella, quali:

Controllo biologico[modifica | modifica wikitesto]

In condizioni di pieno campo e nei vivai, condotti secondo metodologie di agricoltura integrata, si registra la presenza dei parassitoidi Semielacher petiolatus e Citrostichus phyllocnistoides (imenotteri eulofidi) che sono importanti fattori naturali di contenimento della minatrice serpentina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pollini, pp. 483-487

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • E.Baldini et alii. Gli Agrumi. Reda, 1980.
  • (EN) Capinera, J. L. (Ed.), Encyclopedia of Entomology, 4 voll., 2nd Ed., Dordrecht, Springer Science+Business Media B.V., 2008, pp. lxiii + 4346, ISBN 978-1-4020-6242-1, LCCN 2008930112, OCLC 837039413.
  • Difesa integrata Agrumi - Regione Siciliana - Assessorato Agricoltura e Foreste - Osservatorio per le malattie delle piante, Acireale.
  • M. Ferrari et alii. Fitopatologia, entomologia agraria e biologia applicata. Bologna, Edagricole, 2006. ISBN 88-529-0062-4.
  • G.Goidànich et alii. La difesa delle piante da frutto. Bologna, Edizioni agricole, 1990. ISBN 88-206-3076-1
  • (EN) Kükenthal, W. (Ed.), Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Band 4: Arthropoda - 2. Hälfte: Insecta - Lepidoptera, moths and butterflies in Kristensen, N. P. (a cura di), Handbuch der Zoologie, Fischer, M. (Scientific Editor), Teilband/Part 35: Volume 1: Evolution, systematics, and biogeography, Berlino, New York, Walter de Gruyter [1998], 1999, pp. x + 491, ISBN 978-3-11-015704-8, OCLC 174380917.
  • L. Masutti et alii. Entomologia generale ed applicata. Padova, Cedam, 2001. ISBN 88-13-23135-0.
  • Mario Muccinelli. Prontuario dei fitofarmaci. undicesima edizione. Bologna, Edagricole, 2006. ISBN 88-506-5198-8.
  • J. Penny, P.S. Cranston. Lineamenti di entomologia. Bologna, Zanichelli, 2006. ISBN 88-08-07039-5.
  • A. Pollini. Manuale di entomologia applicata. Bologna, Edagricole, 1998. ISBN 88-206-3954-8.
  • A. Pollini et alii.Fitofagi delle piante da frutto. Verona, Edizioni L'informatore agrario, 1988.
  • (EN) Scoble, M. J., The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum [1992], 2011, pp. xi+404, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.
  • E. Tremblay. Entomologia applicata, vol. II, parte II. 1a ed. Napoli, Liguori Editore, 1986. ISBN 88-207-1405-1.
  • Gennaro Viggiani. Lotta biologica e integrata nella difesa fitosanitaria vol. I e vol. II. Napoli, Liguori Editore, 1997. ISBN 88-207-2541-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]