Philippe Forest

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Philippe Forest (Parigi, 1962) è uno scrittore e saggista francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato all'Institut d'études politiques de Paris e dottore in lettere, ha insegnato per sette anni letteratura francese in diverse università inglesi (Cambridge, Saint Andrews).

Attualmente è professore di letterature comparate all'Università di Nantes. È critico letterario, cinematografico e d'arte, ed autore di numerosi saggi dedicati alla letteratura e alla storia delle correnti d'avanguardia. Collabora inoltre con diverse riviste quali L’Infini, Art Press e Le Monde des Livres.

I suoi scritti[modifica | modifica wikitesto]

Parte dei suoi scritti sono contrassegnati dal tema della scomparsa del bambino, essendo sua figlia morta di cancro all'eta di quattro anni; questa tematica figura in L'enfant éternel, Toute la Nuit (Per tutta la notte) e in Tous les enfants sauf un (Tutti i bambini tranne uno).

« Tutti i bambini tranne uno è un romanzo dell'amore (paterno) la cui eroina è una bambina di quattro anni (colpita da una malattia mortale). Toute la nuit è un romanzo dell'amore (coniugale) la cui eroina è una giovane donna venticinquenne (che ha appena perso la sua bambina). E la questione posta da entrambi i libri riguarda quello che resta vivo dell'amore dopo l'esperienza straziante della morte. Non si tratta certo di parlare di sé. Che interesse ne avrei? L'esperienza intrapresa è un altro ordine e riguarda il reale, come esso ci viene restituito dalla sconvolgente figura dell'altro. È Bataille che dice: 'Quello che bisogna chiedere all'essere amato è di essere la preda dell'impossibile'. [1] »

Ha effettuato un lungo viaggio in Giappone con l'obiettivo di rompere col passato. In Sarinagara evoca questo tema attraverso la cultura di tre artisti giapponesi, tra cui Natsume Sōseki. Il suo scopo è quello di rendere sensibile la loro opera, ciò che hanno in comune, lontano da un esotismo fittizio. Il suo stile ricorda quello di Tatsuo Hori.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi

Saggi

  • Philippe Sollers, Seuil, 1992
  • Camus, Marabout, 1992
  • Le Mouvement surréaliste, Vuibert, 1994
  • Textes et labyrinthes: Joyce, Kafka, Muir, Borges, Butor, Robbe-Grillet, éd. Inter-universitaires, 1995
  • Histoire de Tel Quel, Seuil, 1995
  • Oé Kenzaburô, Pleins Feux, 2001
  • Le roman, le je, Pleins Feux, 2001
  • Près des acacias, l'autisme, une énigme (avec des photos d'Olivier Menanteau), Actes Sud/ 3CA, 2002
  • Raymond Hains, uns roman, Gallimard 2004
  • La beauté du contresens et autres essais sur la littérature japonaise (Allaphbed 1), Cécile Defaut, 2005
  • De Tel Quel à L'Infini, nouveaux essais (Allaphbed 2), Cécile Defaut, 2006
  • Le Roman, le réel et autres essais (Allaphbed 3), Cécile Defaut, 2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P. Forest, in Il romanzo, l'io, cit. in Tutti i bambini tranne uno, Padova, Alet edizioni, 2005

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 19716623