Philepitta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Philepitta
Philepitta castanea 1849.jpg
Illustrazione di maschio di Philepitta castanea
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Tyranni
Infraordine Eurylaimides
Famiglia Eurylaimidae
Sottofamiglia Philepittinae
Genere Philepitta
I.Geoffroy Saint-Hilaire, 1838
Specie

Philepitta I.Geoffroy Saint-Hilaire, 1838 è un genere di uccelli passeriforni della famiglia Eurylaimidae, endemici del Madagascar[1].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del genere, Philepitta, deriva dall'unione del prefisso greco φίλο- (filo-, "amico", "affine") con Pitta, nome di un genere di uccelli coi quali gli asiti non mostrano legami di parentela molto stretta quanto piuttosto una somiglianza morfologica.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di uccelli lunghi una ventina di centimetri dall'aspetto paffuto, muniti di corte ali arrotondate, coda squadrata e quasi inesistente e becco conico e appuntito. In ambedue le specie è presente un marcato dimorfismo sessuale, con la femmina che presenta colorazione più sobria e meno intensa rispetto al maschio, che è inoltre munito di caruncole perioculari molto più evidenti e marcatamente colorate.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

In alto un giovane di P. schlegeli, in basso un giovane di P. castanea.

Gli asiti sono endemici del Madagascar, dove abitano la fascia costiera nord-occidentale e orientale: il loro habitat sono le aree di foresta con folto sottobosco nel quale prediligono vivere, nutrendosi principalmente di frutta e scendendo non di rado anche al suolo[2].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Philepitta, assieme al conterraneo genere Neodrepanis, veniva in precedenza inquadrato in una famiglia a sé stante, quella dei Philepittidae.[2] Nonostante alcuni autori continuino a riconoscere la validità di questa classificazione[3], nel 2012 ambedue i generi sono stati accorpati dall'IOC alla famiglia Eurylaimidae, nell'ambito della quale vanno a formare una sottofamiglia a sé stante (Philepittinae)[1].

Al genere vengono ascritte 2 specie, note col nome comune di filepitte o asiti (dal malgascio asity):

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Eurylaimidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.
  2. ^ a b Prum, R. O., Phylogeny, biogeography, and evolution of the broadbills (Eurylaimidae) and asities (Philepittidae) based on morphology in Auk, vol. 110, nº 2, 1993, p. 304-324.
  3. ^ John Boyd, TiF Checklist: Core Passeroidea I, 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]