Phil Coulson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Phil Coulson
Phil Coulson si consulta con Pepper Potts poco prima della conferenza stampa atta alla copertura di Tony Stark
Phil Coulson si consulta con Pepper Potts poco prima della conferenza stampa atta alla copertura di Tony Stark
Universo Universo Marvel
Autori
1ª app. in Iron Man
Ultima app. in Agents of S.H.I.E.L.D.
Interpretato da Clark Gregg
Voce italiana Pasquale Anselmo
Specie umano
Sesso Maschio
Luogo di nascita Boston, Massachusetts[2]
Data di nascita 8 luglio 1964[1]
Professione Agente segreto
Abilità
Affiliazione S.H.I.E.L.D.
Parenti
  • Robert Coulson (padre)
  • Julie Coulson (madre)

Phillip J. "Phil" Coulson è un personaggio immaginario dei film Iron Man, Iron Man 2, Thor e The Avengers, nei quali è interpretato da Clark Gregg. Lo stesso attore ha ripreso il ruolo, questa volta come protagonista, nella serie televisiva Agents of S.H.I.E.L.D..

Coulson è stato creato appositamente per l'universo cinematografico Marvel, ed è generalmente raffigurato come un personaggio di supporto dei protagonisti e come elemento di coesione a beneficio della squadra dei Vendicatori.

Caratterizzazione[modifica | modifica sorgente]

Raffigurato generalmente nei film come un personaggio secondario, lo scopo di Coulson agli albori dell'universo cinematografico Marvel Comics era rappresentare la presenza dello S.H.I.E.L.D. all'interno dello stesso, tanto che Clark Gregg ha definito il personaggio come «l' agente dello S.H.I.E.L.D.»[3]. Ad ogni modo, nel Marvel One-Shot del 2011 A Funny Thing Happened on the Way to Thor's Hammer, il personaggio viene messo per la prima volta sotto "le luci della ribalta" dimostrando di saper prendere in mano la situazione con efficienza qualora, in prossimità di un pericolo, non siano presenti supereroi[3]. Sviluppo del personaggio che i produttori hanno descritto come "naturale"[3].

A riguardo Gregg ha dichiarato: «Penso che l'agente Coulson, dopo tutti questi anni, sia un uomo con una vita piena. Penso che ogni giorno sia da qualche parte a fare qualcosa per lo S.H.I.E.L.D., e tuttora non sempre so cosa sia... c'è sempre una piega diversa. In questa può mostrare di più la sua natura spiritosa, e in questa è più un duro.»[3].

Seppur indicato come "il volto più riconoscibile dell'universo dei film Marvel"[4], Coulson è dipinto come un uomo di tutti i giorni in un universo pieno di supereroi, la "colla" che tiene insieme i vari personaggi; a prescindere dalle schermaglie con alcuni di essi, in particolare Stark che spesso lo tratta da G-Man [2].

Sempre Gregg, in un'intervista ha dichiarato di considerare Coulson «Semplicemente un tizio che si lamenta del suo lavoro. [...] È uno che ha un compito - un tipo molto disciplinato, a mio parere conosce dei segreti che farebbero venire i capelli bianchi - ma allo stesso tempo ha il compito di gestire queste "dive" superumane, sapete? "Oh, davvero, Asgard? Amico, sali in macchina e basta."»[3].

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Antefatti[modifica | modifica sorgente]

Del passato di Phil Coulson non si sa quasi nulla: nato l'8 luglio 1964[1] a Boston, Massachusetts[2], figlio di Robert e Julie Coulson, entrambi deceduti quando lui era bambino[5]. Nel corso della sua vita ha collezionato una grande quantità di figurine vintage di Capitan America[2]. Poco dopo la fine del liceo[6] diviene un agente segreto dello Strategic Homeland Intervention, Enforcement & Logistic Division, una potente agenzia di spionaggio diretta da Nick Fury la cui esistenza è da sempre tenuta rigorosamente segreta.

Iron Man[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Iron Man (film).

Quando Tony Stark, ricco ed eccentrico magnate degli armamenti, rientra in California dopo la sua rocambolesca evasione dalla grotta in Afghanistan ove era tenuto prigioniero, Coulson lo contatta per cercare di chiarire le circostanze della sua fuga. Tramite Pepper Potts, segretaria personale di Stark, scopre che Obadiah Stane, membro influente delle Stark Industries, è implicato come mandante nella prigionia dell'uomo in Afghanistan, allo scopo di ucciderlo e prenderne il posto nell'impero industriale. In più, viene informato che Stark è sfuggito ai suoi carcerieri servendosi di un'armatura ad alta tecnologia, di cui ora anche Stane è in possesso. Coulson raggiunge Stane allo scopo di arrestarlo con cinque agenti dello S.H.I.E.L.D., ma l' uomo è già all'interno della sua armatura potenziata, e il loro tentativo fallisce. Sul posto però arriva Stark, a sua volta dotato di armatura, e Stane muore dopo uno scontro durissimo. Una volta scongiurato il pericolo, Coulson fornisce una storia di copertura in modo da proteggere la doppia identità di Stark, che però, nel mezzo di una conferenza stampa, fa una clamorosa confessione.

Iron Man 2[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Iron Man 2.

Qualche tempo dopo, per ordine del direttore Fury, l'agente segreto viene incaricato di sorvegliare Stark a vista. L'uomo infatti sta morendo avvelenato dal palladio del reattore Arc installato nel suo petto per tenerlo in vita, ed è ritenuto pericoloso a causa della depressione. Ma lo S.H.I.E.L.D. gli fornisce i vecchi appunti del padre, Howard Stark, con i quali costruisce un acceleratore di particelle con cui riesce a sintetizzare un nuovo elemento, la chiave per il futuro energetico del pianeta, con cui peraltro può sostituire il letale palladio del reattore Arc.

Thor[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Thor (film).

Poco dopo, Coulson raggiunge un'area affollata del deserto del Nuovo Messico, in cui assiste al ritrovamento di Mjolnir, il martello di Thor, al centro di un cratere intorno al quale costruisce un centro di ricerca. Venuto a sapere della presenza del martello, il principe asgardiano si introduce nella base, in cui ingaggia una lotta con gli agenti dello S.H.I.E.L.D. e tenta di estrarre l'arma dal cratere, ma senza successo. Coulson lo arresta e lo interroga, non ricavando però alcuna informazione. In seguito, però, Thor viene aiutato da Eric Selvig, che lo fa passare per un certo dottor Donald Blake, e Coulson lo lascia andare ordinando ai suoi uomini di tenere d'occhio entrambi. In seguito, le forze dello S.H.I.E.L.D. sono attaccate dal Distruttore, che però viene distrutto da Thor, che assicura a Coulson amicizia e aiuto alla Terra da parte del Regno di Asgard.

The Avengers[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The Avengers (film 2012).

Un anno dopo, di fronte all' avanzata di Loki alla testa delle milizie dei Chitauri, Coulson recluta Tony Stark e il capitano Steve Rogers, di cui è un grande ammiratore, per contrastare la grave minaccia. Ai due in seguito si affiancano Thor e il dottor Bruce Banner, che a seguito di un'overdose di raggi gamma si trasforma in un gigantesco mostro verde ogni volta che si arrabbia. Durante la battaglia nella base dello S.H.I.E.L.D., Coulson viene trafitto e ucciso da Loki, e la sua morte crea coesione tra gli eroi offrendo loro la giusta motivazione per combattere il grande nemico.

Agents of S.H.I.E.L.D.[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Agents of S.H.I.E.L.D..

Nella serie, ambientata dopo gli eventi di The Avengers, Coulson viene messo al comando di una squadra selezionata per indagare gli eventi paranormali sempre più frequenti sulla Terra. Lo si scopre inoltre essere effettivamente morto a New York e riportato in vita grazie a misteriose operazioni ordinate da Fury[5] e facenti parte di un progetto da lui stesso supervisionato tempo prima[7]. Dopo la distruzione dello S.H.I.E.L.D., avvenuta in Captain America: The Winter Soldier, Fury affida a Coulson il compito di ricostruirlo nominandolo nuovo direttore[8].

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Cortometraggi[modifica | modifica sorgente]

Serie animate[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b In accordo con il suo tesserino nel film Iron Man e nell'episodio pilota di Agents of S.H.I.E.L.D., sebbene alcuni file appartenenti al franchise indicano come data il 2 aprile 1965.
  2. ^ a b c d The Avengers
  3. ^ a b c d e Marc Strom, Marvel One-Shots: Expanding the Cinematic Universe, Marvel.com, 2 agosto 2011. URL consultato il 2 agosto 2011.
  4. ^ Eric Alt, Clark Gregg: Marvel Movies' Man of Mystery, WNBC, 2 settembre 2011. URL consultato il 2 settembre 2011.
  5. ^ a b Agents of S.H.I.E.L.D.: episodio 01x11, Un posto magico.
  6. ^ Agents of S.H.I.E.L.D.: episodio 01x18, Provvidenza.
  7. ^ Agents of S.H.I.E.L.D.: episodio 01x20, Niente di personale.
  8. ^ Agents of S.H.I.E.L.D.: episodio 01x22, Il principio della fine.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics