Phenacogrammus interruptus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tetra del Congo
Phenacogrammus interruptus (aka).jpg
Un esemplare maschile
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Cypriniformes
Sottordine Characoidei
Famiglia Alestidae
Genere Phenacogrammus
Specie P. interruptus
Nomenclatura binomiale
Phenacogrammus interruptus
Boulenger, 1899
Sinonimi

Alestopetersius interruptus, Hemigrammalestes interruptus, Micralestes interruptus

Nomi comuni

Tetra del Congo

Phenacogrammus interruptus, conosciuto comunemente come Tetra del Congo è un pesce d'acqua dolce appartenente alla famiglia Alestidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nel fiume Zaire e nei laghi nell'Africa centrale, dove abita zone con fitta vegetazione sul fondo ed ai lati. Le acque che lo ospitano devono essere prive di sostanze inquinanti e con una lieve corrente. La temperatura è di circa 22-26 °C e va da leggermente acida a neutra ed a volte pure leggermente tenera.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lunghezza: maschi 8,5 cm, femmine 6 cm. Dimorfismo sessuale: i maschi adulti sono facilmente distinguibili per le pinne vistose e la caudale sfrangiata.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di un pesce pacifico e molto attivo, gran nuotatore. È molto sensibile alle condizioni dell'acqua e soggetto a malattie. Se in scarsa compagnia tende ad essere irrequieto, dato che è un pesce gregario ed ama il branco che solitamente non scende sotto la decina di esemplari. Non convive con specie aggressive di cui spesso sono vittima le sue pinne che si danneggiano facilmente. I maschi del tetra del Congo sono litigiosi, infatti, i banchi spesso sono formati da circa 4 maschi ed 8 femmine. Il branco spesso si muove nella parte centrale dei fiumi.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Si accoppiano facilmente e depongono le uova su piante a foglia fine. Le coppie si stimolano a vicenda con giochi amorosi isolandosi dal branco, soprattutto nel periodo delle piogge od in ore del giorno particolarmente soleggiate. La schiusa avviene in 6 giorni; i piccoli si nutrono di artemie.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Onnivoro, non particolarmente esigente. Si nutre soprattutto di piccoli invertebrati acquatici vivi (dafnie, larve di zanzara e vermi).

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

Risente della cattura per il mercato acquariofilo.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Viene riprodotto ed allevato con successo in acquari con dimensione minima di 90 cm. Va nutrito con esche vive, congelate, cibo secco ed in scaglie. Va allevato in un gruppi formati da almeno 6 esemplari (rapporto maschi:femmine = 2:4).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Phenacogrammus interruptus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci