Phenacogrammus interruptus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tetra del Congo
Phenacogrammus interruptus (aka).jpg
Un esemplare maschile
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Ostariophysi
Ordine Cypriniformes
Sottordine Characoidei
Famiglia Alestidae
Genere Phenacogrammus
Specie P. interruptus
Nomenclatura binomiale
Phenacogrammus interruptus
(Boulenger, 1899)
Acquario con Phenacogrammus interruptus e Arnoldichthys spilopterus

Il tetra del Congo (Phenacogrammus interruptus (Boulenger, 1899)) è un pesce di acqua dolce appartenente alla famiglia Alestidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nel tratto centrale del fiume Congo e nei suoi affluenti[2]. Vive in zone ricche di vegetazione acquatica[3].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il corpo è allungato, di forma ovale; le femmine raggiungono una lunghezza massima di 6 cm[2], mentre i maschi, più colorati, grandi e con le pinne più allungate, raggiungono gli 8[2]. La colorazione è iridescente[4], prevalentemente blu ma più pallida sul ventre, con una striatura orizzontale arancione sul dorso, giallastra o arancione.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Nuota in banchi non particolarmente grandi; non è una specie aggressiva[4].

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

È onnivoro e si nutre sia di vegetali che di invertebrati come vermi, insetti e crostacei[5].

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Va allevato in banchi di almeno 5 individui in un acquario delle dimensioni minime di 100 cm[2]. Non si riproduce spesso in cattività[6].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Snoeks, J., Laleye, P., Moelants, T. & Contreras-MacBeath, T., Phenacogrammus interruptus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b c d (EN) Phenacogrammus interruptus in FishBase. URL consultato il 6 settembre 2014.
  3. ^ R. Allgayer, G. Allain, T. Maître-Allain, A. Breitenstein, op. cit., p. 106
  4. ^ a b P. Stadelmann, L. Finley, op. cit., p. 47
  5. ^ (EN) Food items reported for Phenacogrammus interruptus in FishBase. URL consultato il 6 settembre 2014.
  6. ^ (EN) Phenacogrammus interruptus in Seriouslyfish. URL consultato il 6 settembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) P. Stadelmann, L. Finley, Tropical Fish: Setting Up and Taking Care of Aquariums Made Easy : Expert Advice for New Aquarists, Barron's Educational Series, 2003.
  • (FR) R. Allgayer, G. Allain, T. Maître-Allain, A. Breitenstein, Encyclopedie visuelle de l'aquarium, Editions Artemis, 2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci