Phelsuma standingi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Felsuma di Standing
Gekon Standinga Phelsuma standingi RB1.jpg
Phelsuma standingi
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Sauria
Infraordine Gekkota
Famiglia Gekkonidae
Sottofamiglia Gekkoninae
Genere Phelsuma
Specie P. standingi
Nomenclatura binomiale
Phelsuma standingi
Methuen & Hewitt, 1913
Areale

Phelsuma standingi distribution.png

Phelsuma standingi Methuen & Hewitt, 1913 è un sauro della famiglia Gekkonidae, endemico del Madagascar.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È un sauro che misura in media 20–28 cm di lunghezza.

Questa specie si distingue oltre che per la taglia relativamente grande anche per la colorazione particolarmente vivace.

Dimorfismo sessuale: in zona cloacale il maschio presenta pori preanali molto accentuati rispetto alla femmina ed un rigonfiamento nella zona degli emipeni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questo geco vive nelle foreste del Madagascar sud-occidentale.[1]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Strettamente arboricolo dove trascorre molto tempo a scaldarsi al sole sui rami più alti e ben esposti. Durante il giorno vive ad una temperatura di 27-29 °C, con una marcata escursione termica notturna di 20-23 °C, l'umidità resta costantemente intorno al 60-70%.[senza fonte]

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, a causa della progressiva distruzione del suo habitat causato dalla deforestazione, classifica P. standingi come specie Vulnerabile.[1]
Gran parte del suo attuale areale ricade all'interno del Parco nazionale di Zombitse-Vohibasia.

È inserita nella Appendice II della Convention on International Trade of Endangered Species (CITES)[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Raxworthy, C.J. & Vences, M. 2010, Phelsuma standingi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ Phelsuma standingi in The Reptile Database. URL consultato il 20 aprile 2012.
  3. ^ CITES - Appendices I, II and III in Convention On International Trade In Endangered Species Of Wild Fauna And Flora, International Environment House, 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]