Phalacrocorax harrisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cormorano attero
PhalacrocoraxHarrisi-TagusCove.jpg
Phalacrocorax harrisi
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Suliformes
Famiglia Phalacrocoracidae
Genere Phalacrocorax
Specie P. harrisi
Nomenclatura binomiale
Phalacrocorax harrisi
Rothschild, 1898
Sinonimi

Nannopterum harrisi

Il cormorano attero delle Galapagos (Phalacrocorax harrisi Rothschild, 1898) è un uccello della famiglia dei Falacrocoracidi, diffuso nelle isole Galápagos.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Con una lunghezza media di 89–100 cm e un peso che varia dai 2,5 ai 5,0 kg è uno dei cormorani più grandi.[senza fonte]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Non è capace di volare. Si nutre di gamberi, polpi, pesci. Durante la stagione degli amori il corteggiamento inizia con una specie di danza acquatica.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'areale di P. harrisi è ristretto alle aree costiere delle isole Fernandina e Isabela nell'arcipelago delle Galápagos.[1]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

Molti degli studi su questa specie sono stati condotti dall'ornitologo M. P. Harris, che nel 1974 pubblicò il censimento completo della popolazione. Sopravvivono circa 1500 esemplari, ed è considerato come una delle specie di uccelli più rare al mondo. La IUCN Red List lo classifica come specie in pericolo di estinzione (Endangered)[1]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

In un articolo apparso sulla rivista Animal Kingdom, New York Zoological Society, nel 1978, H. Harrison, aveva suggerito l'idea che il cormorano attero poteva essere stato di ispirazione per Lewis Carroll per il suo Alice nel Paese delle Meraviglie.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) BirdLife International 2011, Phalacrocorax harrisi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Phalacrocoracidae in IOC World Bird Names (ver 4.1), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'11 giugno 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • BirdLife International 2003 BirdLife's online World Bird Database: the site for bird conservation Version 2.0. Cambridge, UK: BirdLife International (March, 2004)
  • UNEP-WCMC/ WWF Species Fact Sheet – flightless cormorant (March, 2004)
  • Galapagos Conservation Trust – flightless cormorant (March, 2004)
  • Livezey, B.C. (1992) Flightlessness in the Galapagos cormorant (Compsohalieus [Nannopterum] harrisi): heterochrony, gigantism and specialisation. Zoological Journal of the Linnean Society, 105: 155.
  • Allaby, M. (1991) The Concise Oxford Dictionary of Zoology. Oxford University Press, Oxford.
  • The flightless cormorant – Prof. Robert H. Rothman (March, 2004)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli