Petros Markaris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Petros Márkaris

Petros Márkaris (Istanbul, 1º gennaio 1937) è uno scrittore, drammaturgo e sceneggiatore greco di grande successo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato ad Istanbul, in Turchia, nel 1937 da padre armeno, di professione imprenditore, e da madre greca, studia al St. Georgs-Kolleg [1], e dopo il diploma studia economia a Vienna e Stoccarda. Facendo parte della minoranza armena per parte di padre, per molti anni non ebbe alcuna cittadinanza; stabilitosi ad Atene nel 1964, prese poi la cittadinanza greca poco dopo il 1974, insieme con il resto della minoranza armena in Grecia[2].

Markaris parla e scrive in greco, turco e tedesco. Ha tradotto in greco diverse opere teatrali tedesche, tra cui i due Faust di Goethe e Madre Coraggio di Brecht.[3]

Sceneggiatore e autore di teatro, ha collaborato con Theo Angelopoulos a numerose sceneggiature, tra cui quella del film L'eternità e un giorno, Palma d'oro a Cannes nel 1998. Durante la lavorazione del film, Markaris ha tenuto un diario pubblicato in Grecia nell’ottobre 2000. Il suo primo romanzo, Ultime della notte, è stato adattato per una serie poliziesca di grande successo alla televisione greca.

Il commissario Charitos[modifica | modifica sorgente]

La celebrità di Markaris in Europa è soprattutto legata alla figura del commissario Kostas Charitos, definito dalla critica internazionale "il fratello greco di Maigret" e "il Montalbano di Atene" per la vicinanza col personaggio di Andrea Camilleri, attivo come lui nell'area mediterranea.

Kostas Charitos è il protagonista di una serie di libri (7 romanzi e la serie di racconti raccolta in I labirinti di Atene), che sono stati tradotti in italiano, inglese, tedesco, spagnolo e turco. L'eroe - che racconta in prima persona - fa parte della polizia criminale ateniese, ed è accompagnato nei racconti dai personaggi del suo mondo - la moglie Adriana, litigiosa, sentenziosa e tv dipendente, ma ottima cuoca e molto amata, la figlia Caterina, cocciuta studentessa di legge (a cui si aggiungerà ad un certo punto il fidanzato e poi marito Fanis, medico ospedaliero), il suo capo Ghikas e alcuni collaboratori.

L'altro personaggio costante in questa narrativa è l'Atene moderna, afflitta da eterni ingorghi, urbanizzazione dissennata, burocrazia infingarda, piccola e grande corruzione, di cui Markaris descrive puntigliosamente i percorsi, con la precisione di itinerari turistici.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Ha collaborato col regista Theo Angelopoulos in:

Ha collaborato col regista Yeşim Ustaoğlu in:

Opere teatrali[modifica | modifica sorgente]

Narrativa[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Raccolte di racconti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scuola superiore privata austro-turca, cattolica, fondata nel 1882. Venne fondata da un padre lazzarista tedesco, quando Istanbul era ancora capitale dell'impero ottomano.
  2. ^ Petros Markaris, Κατ΄ εξακολούθηση, Εκδ. Πατάκη 2006, p.48.
  3. ^ Petros Markaris: «La crisi ci ha tolto la gioia di vivere», mentelocale.it, 2 luglio 2013. URL consultato il 2 luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Interviste[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 69087982 LCCN: no2003110601