Peter Forsskål

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Peter Forskål)
Pehr Forsskål

Pehr Forsskål, conosciuto anche come Pehr Forsskål, Peter Forskaol, Petrus Forskål o Pehr Forsskåhl (Helsinki, 11 gennaio 1732Yarim, 11 luglio 1763), è stato un esploratore, orientalista e naturalista svedese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita[modifica | modifica wikitesto]

Forsskål nacque in Finlandia dove suo padre, Johannes Forsskål, era pastore protestante. Il famiglia Forsskål ritornò in Svezia nel 1741 quando il padre ottenne la parrocchia di Tegelsmora nella provincia di Uppland, (arcivescovado di Uppsala).

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Frequentò l'Università di Uppsala a 10 anni, fatto non eccezionale per l'epoca. Interruppe i suoi studi alcuni anni per poi riscriversi in 1751 ottenendo nello stesso anno un diploma di teologia. Seguì i corsi di Linneo (1707-1778) e dell'orientalista Carl Aurivillius (1717-1786) che intratteneva contatti con Johann David Michaelis (1717-1791) di Gottinga. È probabilmente per ciò che Forsskål si recò all'Università di Gottinga nel 1753 per studiare le lingue e la filosofia orientale. Ottenne il dottorato nel 1756, con la tesi: Dubia de principiis philosophiae recentioris. Ritornò lo stesso anno ad Uppsala dove seguì degli studi di economia. Ma la sua dissertazione di 1759 dove esalta la libertà della stampa, De libertate civili, fu censurata dal governo ed egli fu bandito del paese.

Viaggio in Oriente[modifica | modifica wikitesto]

Su raccomandazione di Michaelis e con l'appoggio di Linneo, Forsskål venne ingaggiato nel 1760 da Federico V di Danimarca (1768-1839) per partecipare ad una spedizione in Arabia sotto la guida di Carsten Niebuhr (1733-1815), orientalista e matematico. La spedizione fece base all'inizio in Egitto ove Forsskål migliorò le sue conoscenze dei dialetti arabi. Alla fine del 1762, la spedizione giunse nello Yemen. Forsskål costituì una grande collezione di animali e di piante di questo paese ma morì di malaria nel luglio 1763.

Scritti e opere[modifica | modifica wikitesto]

Niebuhr, solo superstite della spedizione, curò la pubblicazione dei manoscritti di Forsskål. Fece pubblicare nel 1775: Descriptiones Animalium - Avium, amphiborum, insectorum, vermium quæ in itinere orientali observavit Petrus Forskål. Nello stesso anno, pubblicò anche un catalogo delle piante dello Yemen e del basso Egitto: Flora Ægyptiaco-Arabica sive descriptiones plantarum quas per Ægyptum Inferiorem et Arabiam felicem detexit, illustravit Petrus Forskål. Le osservazioni di Forsskål sono rinomate per la loro precisione. La collezione di Forsskål fu quasi interamente persa o deteriorata nel suo trasporto fino a Copenaghen. Il suo erbario sarà restaurato 150 anni dopo la sua morte dal botanico Carl Frederik Albert Christensen (1872-1942).

Taxa descritti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Taxa classificati da Peter Forsskål.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Pensieri sulla libertà civile [1759], (con l'Editto sulla libertà di stampa del 1776 di Adolfo Federico re di Svezia) , Liberilibri, Macerata 2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Forssk. è l'abbreviazione standard utilizzata per le piante descritte da Peter Forsskål.
Elenco delle piante assegnate a questo autore dall'IPNI
Consulta la lista delle abbreviazioni degli autori botanici.

Controllo di autorità VIAF: 59071349 LCCN: n84186568

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie