Peter Bryce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Peter Bryce, all'anagrafe Peter Henderson Bryce (Mount Pleasant, 17 agosto 1853disperso in mare, 15 gennaio 1932), è stato un medico, scrittore e whistleblower canadese.

È stato un funzionario del dipartimento della Salute dell'Ontario, in Canada. Nel 1922 pubblicò un libro, ora famoso, intitolato The Story of a National Crime: Being a Record of the Health Conditions of the Indians of Canada from 1904 to 1921, che espose il genocidio perpetrato ai danni degli indiani canadesi.

Bryce fu assunto dal Dipartimento degli Affari Indiani di Ottawa per valutare le condizioni di salute all'interno del sistema scolastico residenziale canadese nel Canada occidentale e nella Columbia Britannica. Il suo rapporto fu insabbiato dal governo fino al 1922, quando Bryce, che era stato estromesso dal servizio, lo pubblicò come libro.

Bryce sostenne che i giovani indiani venivano sistematicamente e scientemente uccisi nelle scuole residenziali,denunciando valori di mortalità compresi tra il 30% ed il 60%. Inoltre afferma che il personale ed i religiosi delle scuole si resero responsabili di omissioni e falsificazioni nei registri mortuari dei bambini.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Barman, Jean et al., eds. (1986) Indian Education in Canada. Volume 1: The Legacy. ISBN 0-7748-0243-X
  • Ward Churchill, Kill the Indian, Save the Man: The Genocidal Impact of American Indian Residential Schools, City Lights Books.,U.S., 2004, ISBN 0-87286-434-0
  • Edwards, Brendan Frederick R. (2005). Paper Talk: a history of libraries, print culture, and Aboriginal peoples in Canada before 1960. ISBN 0-8108-5113-X
  • Haig-Brown, Celia. (1988). "Resistance and Renewal : Surviving the Indian Residential School." Vancouver. Tillacum Library, Arsenal Pulp PressISBN 0-88978-189-3
  • Milloy, John S. (1999). 'A National Crime': the Canadian Government and the Residential School System, 1879 to 1986. ISBN 0-88755-646-9
  • Mitchell, Jennifer. "Indian Princess #134: Cultural Assimilations at St. Joseph's Mission" (2003)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]