Petaurista nobilis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Petaurista del Bhutan[1]
Petaurista nobilis.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Rodentia
Sottordine Sciuromorpha
Famiglia Sciuridae
Sottofamiglia Sciurinae
Tribù Pteromyini
Genere Petaurista
Specie P. nobilis
Nomenclatura binomiale
Petaurista nobilis
(Gray, 1842)
Sinonimi
Sciuropterus chrysothrix
Hodgson, 1844
Sciuropterus nobilis
Gray, 1842

Il petaurista del Bhutan (Petaurista nobilis Gray, 1842) è uno scoiattolo volante originario dell'Asia meridionale.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, gli studiosi riconoscono due sottospecie di petaurista del Bhutan[1]:

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il petaurista del Bhutan, con una lunghezza testa-corpo di 34,7-42 cm e una coda di 37,8-49 cm, è un rappresentante del genere Petaurista di medie dimensioni. La sua pelliccia è di un bel rossiccio-arancio, con una sorta di «maschera facciale» di colore marrone scuro che si biforca a delineare una macchia rossiccia sulla fronte, ma poi si riunisce a livello cervicale a costituire una striscia dorsale che giunge fino alla base della coda. Marrone scuro sono anche il margine del patagio e le zampe. La coda è leggermente più scura del corpo, ma è nera all'estremità.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie vive in Bhutan, India (Sikkim e Arunachal Pradesh) e Nepal, tra i 1500 e i 3000 m di quota. Abita le foreste di montagna tropicali e subtropicali, in particolare quelle di pini e rododendri.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Il petaurista del Bhutan è una creatura arboricola e crepuscolare-notturna. Si nutre di frutta, noci e gemme fogliari. La stagione riproduttiva va da marzo ad aprile.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La specie è minacciata soprattutto dalla deforestazione e dall'avanzata degli insediamenti umani. La IUCN la classifica tra le specie prossime alla minaccia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Petaurista nobilis in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Thapa, J., Molur, S. & Nameer, P.O. 2010, Petaurista nobilis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi