Pet Shop of Horrors

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Il negozio d'animali degli orrori
manga
No immagini.png
Titolo originale Pettoshoppu obu Horāzu
1ª edizione 1997
Periodicità Mensile
Lettura it. originale (da destra a sinistra)
Genere
Temi misticismo

Il negozio d'animali degli orrori (ペットショップ オブ ホラーズ Pettoshoppu obu Horāzu?) è un manga Giapponese di genere prevalentemente horror, ideato da Matsuri Akino.

Il manga è composto da 10 tomi, a loro volta formati dal totale di 41 capitoli. In America, il manga è stato pubblicato e tradotto dalla Tokyopop.

Il protagonista della serie è l'eccentrico e molto effeminato Conte D, proprietario di un misterioso negozio d'animali al centro di China Town, ogni giorno sempre impegnato con nuovi ed intricati casi misteriosi scaturiti dalle vendite, per la maggior parte, dei suoi animali.

Della serie sono stati prodotti e distribuiti quattro OAV, ognuno riprendente un determinato periodo del fumetto, come episodio a sé stante. In origine gli OAV dovevano essere molti di più, di conseguenza è impossibile comprendere la storia completa tramite la sola visione dei prodotti animati, benché egregiamente disegnati ed adattati.

Copertina del DVD

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il Conte D è il promiscuo proprietario di negozio d'animali nella China Town di Los Angeles. Ogni cucciolo o animale adulto venduto assume apparenze umane; ognuno di essi, inoltre, è acquistabile sottostando ad un contratto basato su tre regole, variabili in base all'animale comprato.

Molto spesso susseguono toccanti ed atroci destini ai proprietari dei vari animali, dopo aver disdetto qualunque responsabilità da parte del negoziante.

La maggior parte dei capitoli si basa proprio su tali avvenimenti, introducendo sempre nuovi personaggi che vivranno il loro momento, per poi non apparire più. Esclusi i protagonisti ed i loro amici, difficilmente personaggi secondari rimangono attivi nella trama per più tomi.

Personaggio comprimario è l'ispettore Orcot, sempre alla ricerca di prove per infangare la già vacillante reputazione del Conte D. Spesso Orcot è protagonista di varie sottotrame all'interno della storia stessa, legate al suo passato, particolarmente...

Obiettivo di Orcot è poter accusare il Conte di traffico illegale di stupefacenti, usufruendo del suo negozio come copertura; proseguendo le ricerche, inizia a stringere una sorta d'amicizia con il Conte, benché continui ancora a sforzarsi di rivelarne i presunti reati.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Conte D[modifica | modifica sorgente]

  • Genere: Maschio (androgino, spesso scambiato per una donna)
  • Nazionalità: Cinese in terra straniera
  • Età: ignota
  • Occupazione: Proprietario del "Negozio d'animali del Conte D"

Nonostante neghi il che il suo nome sia "Conte D" – nome del nonno, proprietario originale del negozio – molte persone lo conoscono e lo chiamano così, alternando tale definizione con i più concisi "Il Conte", "Conte", o semplicemente "D".

Egli mantiene il negozio di suo nonno intatto, essendo quest'ultimo, apparentemente, in viaggio. Il Conte D reputa le sue vendite "amori,sogni,speranze" per i suoi acquirenti, rivelandosi poi, per la maggior parte dei malcapitati, anatemi immondi.

Comunemente si mostra pacato e sereno (escluse le comiche baruffe con Leon), ma verso la fine del manga cambia carattere. Bere tè e gustare dolciumi sono tra i suoi passatempi preferiti. I dolci gli sono donati da Orcot stesso, pur di ricavare un minimo d’informazioni a lui necessarie. Nonostante "D" detesti le persone, si affeziona a Chris, fratellino di Orcot, incapace al parlare. Col tempo anche Leon entrerà nello stuolo dei suoi conoscenti "rispettati".

Nel quarto volume Orcot sospetta di una natura vampiresca del Conte, smentita poi da una lettera del padre, oltre che dalla dieta di D. , esclusivamente vegetariana. Inoltre, fisicamente è molto simile sia al padre sia al nonno, esclusi gli occhi: a lui il sinistro viola e il destro giallo; al padre entrambi gialli, ed al nonno entrambi viola.

La differenza è dovuta ad un errore nel loro codice genetico, essendo delle "risurrezioni" del Conte D. originale.

Benché lo si possa supporre subito, il Conte e la sua famiglia non appartengono alla stirpe umana. La loro vera razza è un mistero. È il padre ad essere un minimo a conoscenza delle loro origini: sono gli ultimi discendenti di una stirpe molto vicina agli animali.

Data la loro saggezza, furono richiesti da tutti gli uomini potenti delle epoche passate. Un giorno, un principe chiese ad una priora di sposarlo: ella si rifiutò di farlo. Il principe, adirato e deluso, ordinò lo sterminio di tutta la popolazione. Solo un uomo sopravvisse, desideroso di vendetta.

Oltre ad essere protagonista in Pet Shop of Horrors, D. appare come comparsa nel quarto volume di Genju no Seiza, altro manga stilato da Matsuri Akino.

Leon Orcot[modifica | modifica sorgente]

  • Genere: Maschio
  • Nazionalità: Americana
  • Età: 24 dall'inizio della serie
  • Altezza: 184 cm
  • Peso: 72 kg
  • Occupazione: Ispettore

Leon Orcot, giovane ispettore molto succinto di calma, è sempre alla ricerca di connessioni tra misteriose morte e, ancor più intricato, il negozio d'animali del Conte D.

Convinto di crimini da parte di D, s’impegna al massimo per scovare qualunque traccia per assicurare D, le cui mani ben curate saranno ammanettate, alla giustizia. Durando molto l'investigazione, una relazione amichevole ma sempre formale con D avrà origine.

Non credendo al paranormale, spesso accuserà violentemente D di usare infusioni chimiche per affievolire le menti altrui, ma durante il corso degli eventi cambierà opinione. Amatore di prima classe, cerca sempre una fanciulla cui dedicarsi.

Durante la serie, riceverà un animale ed una pianta da D (una farfalla ed una pianta in fioritura), suoi grandi "alleati" durante le complicazioni della vita (differentemente dagli altri animali, cui scopo è moralizzare i futuri proprietari).

Animali[modifica | modifica sorgente]

Tetsu[modifica | modifica sorgente]

Abbreviato spesso in "T-chan", è un totetsu, carnivoro mitologico lontanamente parente alla capra. A suo modo amico di Chris, lo accompagna molto spesso. Agli esseri umani ignari delle sue origini, appare come una capretta tenibile in grembo; per il Conte e Chris, appare come un bel ragazzo Bishōnen dai lunghi capelli ondulati e corna di capra.

Ten-chan[modifica | modifica sorgente]

Avvenente volpina a nove code, capace di cambiare aspetto abitualmente, sempre rilassata ma alquanto arcigna durante le chiacchierate. Grazie alla sua innata abilità inganna chiunque la veda, sempre in base alla personalità dell'osservatore.

La subdola volpina è in grado di mutare non solo l'aspetto, ma anche l'atteggiamento: probabilmente il suo è un potere occulto; "Ten-Chan", da quanto si può leggere, non è il suo vero nome. A coloro che non riescono a mirare la sua forma umana, appare come una volpe immacolata,bianca, a nove code.

Al Conte D e Chris, appare come una giovincella dai vestiti molto comuni e d'atteggiamento sempre tranquillo.

Pon-chan[modifica | modifica sorgente]

Pon-chan è un piccolo procione femmina, ospite fisso nella bottega di D. Amica speciale di Chris e molto più cortese di T-chan.

Alla maggioranza degli umani, T-chan appare come un semplice procione, ma a D e Chris appare come una ragazzina sempre sorridente, con capelli crespi e un vestitino avvenente. Erroneamente, nella trasposizione Europea, viene considerata come un tasso europeo.

Femuto-kun[modifica | modifica sorgente]

Un Mau Egiziano, apparso in Dado, nel volume due. È un cameo della serie precedente di Akino, ovvero "Reikan Shouhou Kabushikigaisha".

Kirin Dorato[modifica | modifica sorgente]

Essere mai appartenuto al Conte D e mai ospitato nel negozio. Leggenda vuole che il Kirin sia capace di esaudire ogni desiderio a lui richiesto, ma a ricavarne i benefici sarà solo l'uomo o donna da lui opportunamente prescelto. In Genju no Seiza, altro manga del mangaka, un altro Kirin compare.

OAV[modifica | modifica sorgente]

Episodio 1: Figlia[modifica | modifica sorgente]

Alicia, la figlia di una ricca coppia, è deceduta recentemente. Per buona sorte, il Conte D potrebbe conferire alla famiglia una specie di coniglio molto... "differente", dalle sembianze identiche a quelle della defunta ed amata figlia.

I due genitori affettuosi comprano immediatamente la coniglia, credendo di poterle donare affetto eterno, ma questa loro chimera è destinata a subentrare nell'oblio molto presto...

Episodio 2: Delizioso[modifica | modifica sorgente]

La popolare idol della musica leggera giapponese, Evangeline Blue, assieme al suo manager, intraprende un viaggio in crociera, ma "accidentalmente" Evangeline precipita ed annega nel mare, perdendo l'equilibrio e cadendo oltre la balaustra. Jason, afflitto per la morte dell'adorata, si rivolge al Conte D per ricevere un animale da compagnia.

Il Conte D, diligente, si offre di aiutarlo, proponendogli l'acquisto di un pesce che... si rivelerà essere niente meno che la presunta morta, Evangeline.

Episodio 3: Disperazione[modifica | modifica sorgente]

Robin Hendrix era un attore d'ampio successo ma, nonostante le numerose ricezioni positive al nuovo film in cui recitò, non riuscì più a trovare un lavoro. Mal rappresentato dalla stampa e rimasto non fidanzato, decise di rivolgersi al Conte D per comprare un animale da compagnia.

Il Conte D ha in serbo un essere speciale per Robin: un rettile rarissimo, conosciuto come un serpente , con il busto di vistosa donna e con la parte inferiore da corpo di serpente. Innamoratosi a prima vista dell'essere, Robin potrà esaudirsi il desiderio di tenerla, ma non potrà mai guardarla negli occhi.

Episodio 4: Doppio[modifica | modifica sorgente]

Robert Stanford proviene de una cerchia di politici, ma considerato come elemento negativo della famiglia, essendo un nababbo e dedito alle prostitute. Kelly Vincent, suo fiero e fedelissimo amico e maggiordomo cerca, in tutti i modi e per ammirazione, di rendere l'ascesa politica di Robert semplice.

Kelly, molto attento ai dettagli, avendo avuto modo di visitare il negozio del Conte D, decide di comprare l'animale leggendario Kirin, capace di far avverare tutti i desideri possibili ed immaginabili dalla mente umana, ma al costo di sangue umano altrui...

Shin Pet Shop of Horrors[modifica | modifica sorgente]

Shin Pet Shop of Horrors è il seguito di Pet Shop of Horrors, basato sul nuovo negozio del Conte D, allestito a Tokyo. Orcot, co-protagonista della prima serie, compare solo in due storie secondarie e mai come personaggio principale.

Tokyopop ha provveduto alla distribuzione in inglese del fumetto, intitolato Pet Shop of Horrors - Tokyo. Il primo volume è stato pubblicato il 28 febbraio 2008, il secondo a luglio 2008, il terzo ad ottobre 2008, il quarto e il quinto nel 2009 ed è in corso di pubblicazione il sesto.

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga