Pesticida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Utilizzo di pesticidi su un campo agricolo (California).
I fitofarmaci come sottoinsieme dei pesticidi a loro volta sottoinsieme dei biocidi

Pesticida è un termine derivato dall'inglese che indica, in maniera impropria[senza fonte], una qualsiasi sostanza chimica utilizzata in agricoltura per difendere le colture da malattie o da organismi dannosi.

La legislazione europea o italiana non riconosce il termine pesticida in quanto generico e diretto a tutti questi organismi dannosi, ma trova la sua specificazione nell'indicazione dei prodotti: insetticidi, anticrittogamici, nematocidi, acaricidi, afidicidi, ecc.; al contrario definisce precisamente il significato di biocida, di prodotto fitosanitario e di prodotto antiparassitario contro le avversità delle colture. Il termine utilizzato in agronomia è agrofarmaco o fitofarmaco.

Gli organismi nocivi che si sviluppano in campo a spese delle colture, sia direttamente (insetti e crittogame), che indirettamente (erbe infestanti) sottraggono all'uomo, si stima, circa un quarto della produzione globale. In questa stima, tuttavia, non sono considerati altri importanti organismi che depauperano le sorgenti alimentari dell'uomo, quali gli insetti dei magazzini, gli acari fitofagi, i nematodi di interesse agrario, i molluschi, i mammiferi roditori. L'erosione totale dovuta a tutti gli organismi dannosi si aggira intorno all'imponente percentuale del 35%. Un esempio, riferito al riso, alimento base di oltre tre miliardi di persone, evidenzia perdite dovute all'azione concomitante di insetti, patogeni ed erbe infestanti, in Asia si aggirerebbe intorno al 55% del prodotto totale.[1]

Effetti sull'ambiente[modifica | modifica sorgente]

Gli effetti dovuti all'uso di pesticidi sull'ambiente e sulla salute sono stati oggetto di dibattito a livello europeo. Il Parlamento Europeo ha adottato recentemente due nuove direttive sull'autorizzazione e la vendita di pesticidi. È stata inoltre stilata una lista di sostanze pericolose, presenti in alcune antiparassitari, il cui uso è stato vietato per pericolosi usi.[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Smith R.F., Calvert O.J., Insect pestlosses and dimension of the World food problem, in Pimentel D, Pimentel M, Dimension of the World food problem and losses to pest, a sua volta in World food, pest, losses and the environment. AAAs Selec. Symp. 1978.
  2. ^ Nuove norme UE per pesticidi più sostenibili comunicato stampa, sito web del Parlamento Europeo

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]