Perun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
M. Presnyakov (1998). Perun.

Perun è la principale divinità dei pantheon slavi, esempio di Signore del Tuono.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Nelle poche fonti primarie pervenute che descrivono le divinità slave, le menzioni a Perun sono le più frequenti.

Poiché la scrittura fu introdotta presso i popoli slavi solo dopo il contatto con i romani, le più antiche testimonianze sono quelle di storici tardo-imperiale o bizantini, come Jordanes e Procopio di Cesarea, entrambi dl VI secolo. Nel suo De bello gothico quest'ultimo afferma, ad esempio, che

« gli slavi riconoscevano un unico dio, creatore del fulmine, solo padrone dell'universo, a cui venivano sacrificati bestiame e uccelli di diverso tipo »
(De bello gothico, Procopio di Cesarea)

Il Manoscritto Nestoriano riporta che quando Vladimir I entrò nel 980 Kiev eresse su un'altura da una statua del dio scolpita in legno con la testa d'argento e i baffi d'oro. La Chronica Slavorum di Helmold di Bosau fa indirettamente riferimento a Perun nel descrivere la cristianizzazione delle tribù slave.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

In diversi linguaggi slavi "fulmine" o "lampo" sono espressi o riconducibili al termine perun (dall'ucraino perun al polacco piorun e al lituano perkūnas). Derivante dal protoindoeuropeo *perkwu, che originalmente significava probabilmente "quercia", nel proto-slavo si evolse in "colpire", "uccidere", "percuotere"[1], mentre il proto-germanico *Þunraz (Þórr) deriva dalla radice *(s)tene-, ossia "tuono"[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Come riassume Aleksander Brükner a inizio del XX secolo nel citare Lubor Niederle[3]:

« Perun è la deificazione primitiva, indigena, slava, originalmente non antropomorfa del fulmine e del lampo; e siccome questo fenomeno naturale attirava l'attenzione più di ogni altro e incuteva agli uomini più paura e terrore, esso fu associato all'idea di un demone più potente degli altri »
(Aleksander Brükner, Mitologia slava, p.58)

Era inoltre riconosciuto come dio della guerra, e come tale era chiamato da alcune popolazioni con i nomi di Lad e Rugiavad, compagno di Yagabada. Il Manoscritto Nestoriano nomina Mokoš quale sua consorte; un altro suo possibile nome era Perunik. Con i suoi fulmini colpiva sempre i malvagi.

La somiglianza di Perun con Perkūnas (dio appartenente al panteon Lituano-Baltico) mostra la stretta affinità tra i due e la comune origine presso le tribù Baltico-slave. Nella religione Vedica questo dio è riconducibile a Varuna. Le somiglianze tra Perun ed il dio norreno Thor dettero origine allo loro fusione nella Rus' di Kiev.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Come Thor aveva come albero sacro la quercia. Ai piedi di alcune di queste, le più vecchie e più grandi, situate solitamente in cima ad una collina, si trovavano aree sacre alle preghiere ed ai sacrifici: tori, buoi, arieti, uova ed anche uomini. Alessandro Guagnini nel XVII secolo accenna a favole sul fuoco perpetuo di legno di quercia che si sarebbe tenuto acceso in suo onore a Nowgorod[4].

Come dio del fulmine e del tuono, a lui vengono attribuite le folgoriti e le belemniti ed anche gli utensili di pietra di epoca preistorica che in tutti le regioni di cultura slava vengono appunto chiamate pietre di Perun o pietre del fulmine. Le pietre di Perun proteggevano dalla cattiva fortuna, dai malefici, dalle disgrazie e dai fulmini stessi.

Altri suoi possibili simboli sono la montagna, il firmamento, il cavallo e il carro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cahill, 2012, p.975
  2. ^ Simek 1996, p.332
  3. ^ Brückner, 1923,  p.58
  4. ^ Brückner, 1923,  p.59

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN20625345 · GND: (DE124848370
mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia