Personaggi di Watchmen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa è una lista dei personaggi presenti nella graphic novel Watchmen pubblicata dalla DC Comics nel 1985.

L'era dei Minutemen[modifica | modifica sorgente]

I Minutemen erano un team di supereroi che si formò prima degli eventi narrati in Watchmen. Fu in azione dal 1939 e si sciolse dieci anni dopo (1949).

Gufo Notturno I[modifica | modifica sorgente]

Hollis Mason era un poliziotto che divenne un "avventuriero mascherato" dopo essere stato ispirato da un articolo del New York Gazette su Giustizia Mascherata. Dopo anni di partecipazione nei Minutemen, scrisse un libro dal titolo Sotto la Maschera, che rivelò molto sui Minutemen, soprattutto il tentato stupro di Sally Jupiter (Spettro di Seta I) da parte de Il Comico. Dopo lo scioglimento dei Minutemen e la venuta di Dottor Manhattan, scelse di ritirarsi e iniziò a lavorare su macchine d'epoca, passando il suo costume ad un ammiratore, Dan Dreiberg, che sarebbe diventato Gufo Notturno II. In seguito, il giorno di Halloween del 1985, durante i disordini che scoppiarono dopo che Gufo Notturno II e Spettro di Seta II liberarono Rorschach dal carcere, una violenta gang di strada sotto l'effetto di stupefacenti attaccò Mason nella sua casa, scambiandolo per il Gufo Notturno attuale, e lo uccise in una delle scene più cruente del fumetto.

Spettro di Seta I[modifica | modifica sorgente]

Sally Juspeczyk è stata una cameriera e una ballerina burlesque prima di diventare una combattente del crimine su consiglio del suo agente (e futuro marito) Laurence Schexnayder. Spettro di Seta I venne aggredita indecentemente, per essere stuprata, da Il Comico, ma l'attacco terminò con l'intervento di Giustizia Mascherata. Un secondo incontro emotivamente turbolento con Il Comico si conclude con la nascita di sua figlia, Laurel, che diventerà Spettro di Seta II. Spettro di Seta I ha avuto un matrimonio tumultuoso con Schexnayder, da cui in seguito divorzierà. Sia la sua comparsa in una bibbia di Tijuana sia la sua carriera da ballerina burlesque suggeriscono che accoglie piacevolmente l'attenzione maschile. Si è in seguito ritirata in una casa di riposo in California.

Capitan Metropolis[modifica | modifica sorgente]

Nelson Gardner, un ex-tenente dei Marine, è stato uno dei più attivi sostenitori del gruppo dei Minutemen; egli credeva che l'unione delle forze fosse il modo più efficace per combattere il crimine. Le "malattie sociali" lo motivavano a combatterlo: tuttavia ciò che definisce "malattia sociale", ad esempio dimostrazioni anti-guerra e promiscuità, celano il fatto che le sue motivazioni per cambiare il mondo siano egoistiche, o per lo meno conservative, piuttosto che a favore del bene pubblico, nonostante insista che tutto ciò sia falso.

Nel fumetto viene anche suggerito che abbia avuto una relazione omosessuale con Giustizia Mascherata, e che perciò ci fosse bisogno di una finta relazione tra Sally Jupiter (Spettro di Seta I) e Giustizia Mascherata per non far sospettare alla gente qualsiasi tipo di rapporto, che avrebbe danneggiato di conseguenza l'immagine dei Minutemen.

Giustizia Mascherata[modifica | modifica sorgente]

Giustizia Mascherata, una gigantesca e imponente figura, la cui vera identità non viene rivelata in Watchmen ma che alcuni credono sia l'ex-sollevatore di pesi del circo Rolf Muller, è stato il primo dei vigilanti mascherati. Viene considerato un estremista; Hollis Mason racconta che, prima di Pearl Harbor, aveva dichiarato simpatia per le politiche naziste[1]. Nel corso della storia circola sempre l'idea che sia in realtà omosessuale; Giustizia Mascherata interrompe il tentativo de Il Comico di stuprare Spettro di Seta I, prendendo a pugni Il Comico. La risposta di quest'ultimo insinua che Giustizia Mascherata abbia un'inclinazione per il sadismo omosessuale, e che Il Comico si vendicherà per il suo intervento. Sally Jupiter, o Spettro di Seta I, si atteggiava a sua ragazza, ma questa si pensa sia una relazione finta messa su solo per evitare sentimenti omofobici contro i Minutemen.

Giustizia Mascherata scomparve quando i Minutemen vennero interrogati dal House Un-American Activities Committee e non si rivide mai più; davanti alla commissione, egli fu l'unico a rifiutarsi di rispondere alle domande e rivelare la sua vera identità: ciò lascia che alcuni pensino sia una spia della Germania Est, sospetti accresciuti anche dall'origine tedesca di Rolf Muller[2], anch'esso scomparso. Nella storia si fa anche nascere l'ipotesi che sia stato ucciso da Il Comico, come risultato per il rancore che questo nutriva verso di lui per aver interferito nel suo stupro di Sally Jupiter.

Falena[modifica | modifica sorgente]

È uno dei personaggi minori nella storia: Byron Lewis (vero nome di Falena) venne anch'egli interrogato dall'HUAC, ed ebbe difficoltà a chiarire il suo nome. Questo è considerato il momento da cui è partito il suo alcolismo che lo condurrà in un manicomio. Egli appare solamente durante alcuni flashback, ad un certo punto anche ridotto ad una fragile sanità mentale, mentre spaventa la seconda Spettro di Seta. Viene ricordato affettuosamente dalla maggior parte dei Minutemen, ed il primo Gufo Notturno invia il secondo a fargli visita, senza costume, a suo nome.

Dollar Bill[modifica | modifica sorgente]

Ex atleta, originario del Kansas, Dollar Bill era un supereroe sponsorizzato da una delle più grandi banche nazionali. Nel tentativo di impedire una rapina, rimase impigliato con il mantello nella porta girevole: i criminali lo uccisero sparandogli a bruciapelo. Hollis Mason, nel suo libro "Sotto la maschera", lo descrive come un giovane onesto e amichevole, menzionando l'incidente che lo uccise per lamentarsi della stupidità dei costumi da supereroe. Curiosamente, le motivazioni chiaramente commerciali (identità pubblica, assunto da una banca) non vengono mai commentate dai suoi compagni o dalla generazione seguente di vigilanti che anzi sembrano tutti rispettarlo come valoroso eroe - compreso Rorschach, il quale condanna Ozymandias per la sua commercializzazione ma compiange Dollar Bill morto prematuramente.

Nel film The Specials, il personaggio di U.S. Bill venne originariamente chiamato Dollar Bill. Tuttavia la DC Comics non permise di utilizzare il nome per un personaggio supereroistico.

Nel film Gli Incredibili, ci sono due scene con supereroi/criminali i cui mantelli si impigliano in diversi oggetti, portandoli alla morte. Ciò potrebbe essere basato sull'incidente occorso a Dollar Bill (dato il numero di altri possibili riferimenti a Watchmen presenti nel film), o può darsi che gli autori del film abbiano concepito la stessa idea.

Silhouette[modifica | modifica sorgente]

Ursula Zandt divenne una combattente del crimine nel 1939 ed in seguito si unì ai Minutemen. Nel 1946 venne espulsa dal gruppo quando venne rivelato pubblicamente che era lesbica; sei settimane dopo lei e la sua amante furono uccise da un avversario in cerca di vendetta. Ella, ebrea che lasciò l'Austria a causa dell'ascesa del Nazismo, provocò problemi a Sally Jupiter riferendole delle sue origini polacche: infatti, Jupiter spesso smentiva che fosse stata cresciuta in Polonia. Insieme a Falena, è una dei personaggi dei Minutemen di cui si sa poco.

L'era degli Acchiappa-Crimini[modifica | modifica sorgente]

I seguenti personaggi formano il cast principale della serie Watchmen. Stettero in un'unica squadra solo brevemente sotto il nome di "Acchiappa-Crimini", un tentativo fallito di Capitan Metropolis nel 1966 di formare un gruppo che succedesse ai "Minutemen".

Il Comico[modifica | modifica sorgente]

Il Comico è l'unico membro degli Acchiappa-Crimini che è stato affiliato anche con i Minutemen, con l'eccezione di Capitan Metropolis. Egli ha un punto di vista sulla vita altamente cinico e nichilista e crede che la maggior parte delle persone non sia in grado di modificare le realtà geo-politiche. Il Comico è spesso motivato solamente dai suoi desideri: tende ad agire sempre autonomamente, schierandosi con gli altri solamente se le loro motivazioni sono simili alle sue. Probabilmente sadico, Il Comico si impegna in attività violente come lo stupro (nonostante sia un'azione imperdonabile, egli cercò - e fallì - di farlo "una volta sola" - cosa che Rorschach descrive come "lapsus morale") e diviene un agente del governo durante la Guerra del Vietnam. Verso la fine del suo servizio in Vietnam, venne attaccato e ferito da una donna vietnamita che era incinta di un bambino (che viene fortemente additato essere de Il Comico, anche se non viene mai rivelato): infuriata quando Il Comico dichiara la sua intenzione di lasciarla per tornare negli Stati Uniti, squarcia la sua faccia con un pezzo di vetro di bottiglia rotto. Come rappresaglia, Il Comico la uccide con colpo di pistola, un evento di cui è stato testimone il Dr. Manhattan. La ferita de Il Comico si rimarginò malamente e lo lasciò con una grande cicatrice lungo la guancia destra, dall'angolo della bocca all'angolo esterno del suo occhio destro.

Il Comico cercò di stuprare Sally Jupiter, l'originale Spettro di seta, ed in seguito ebbe una breve storia con lei durante la quale divenne padre di una bambina, Laurie, la seconda Spettro di seta.

All'inizio, le sue azioni "moralmente corrette" quando combatte il crimine sono opposte alla sua brusca e crudele personalità, che lo dipinge come una persona mancante di empatia per gli altri. Tuttavia le sue azioni dopo la scoperta dell'"Isola Aliena" di Ozymandias indicano che Il Comico non è solamente un egoista egocentrico, ma qualcuno preoccupato per il bene di molti. La sua condotta potrebbe denotare una convinzione nell'utilitarismo, suggerendo che, nel caso della Guerra in Vietnam, la sua condotta violenta era giustificabile (nella sua mente) poiché stava agendo per il suo governo e per gli Stati Uniti tutti.

Durante l'investigazione solitaria di Rorschach sulla morte di Edward Blake, egli scopre che Blake era l'identità segreta de Il Comico.

Secondo Rorschach e Dr Manhattan (capitolo 2 : amici Assenti), Blake non è esattamente un utilitarista o un nichilista, ma uno che poteva vedere i fili che intrappolavano le persone in marionette, e che vedeva il mondo come un palco od uno scherzo e, perciò, decise di diventare una parodia di esso, un riflesso della vita - e successivamente divenne "Il Comico". Poiché era l'unico che aveva capito il mondo chiaramente, egli era solo.

Rorschach[modifica | modifica sorgente]

Rorscharch (Walter Kovacs), un esempio estremo di assolutismo morale, è inflessibile di fronte al "male": questo deve essere punito, qualunque sia il costo - nonostante ammetta semplicemente nel suo diario di "fare ciò che dobbiamo fare". Tuttavia, ironicamente, afferma che non ci sono assoluti morali o significati imposti dall'alto, che essi vengono tutti a crearsi nella mente degli individui. La sua solida avversione verso il crimine è eguagliata dalla sua totale mancanza di empatia per i criminali, che non tratta da esseri umani; il suo sdegno per il diritto convenzionale, per il governo e per la polizia lo portano a diventare un vigilante, poiché, nei suoi convincimenti, la legge non fa abbastanza per combattere il crimine. Mostra poco rispetto per la "morale tradizionale", disposto a prendere misure drastiche per raggiungere i suoi obiettivi, come la tortura o anche l'esecuzione di criminali. Il suo atteggiamento verso l'ordine pubblico, accoppiato con l'essere lettore del The New Frontiersman, rende chiaro che da valore solamente a visioni fortemente espresse della società; tuttavia, il castigo del crimine è l'unica cosa rilevante per la sua crociata personale, ed è perciò l'unica cosa che esprime. Rorschach è determinato a non passare la sua vita da spettatore, perciò, come Batman, il crimine l'ha portato a diventare un crociato. In più, il suo disprezzo manifesto sia per l'omosessualità maschile che per quella femminile suggeriscono che potrebbe avere problemi sessuali che lo conducono a convogliare il suo disagio in una morale estrema.

Nel caso di Rorschach, fu l'assassinio di Kitty Genovese (e l'inattività dei suoi vicini) che l'hanno ispirato a combattere il crimine. Kovacs modellò una maschera a partire da un pezzo di un vestito che egli scelse di credere appartenesse a Genovese, la sua trama bianca e nera unica e in movimento prese origine da un materiale speciale creato dal Dr. Manhattan. La divisione chiara tra il bianco e il nero nella maschera riflette la visione assolutistica di Rorschach: le cose sono o giuste o sbagliate, bianche o nere; non ci sono vie di mezzo, nessuna "area grigia". Comunque, egli divenne un altro avventuriero in costume, contento di lasciare pene al sistema legale, finché una delle sue indagini lo porta a scoprire il brutale omicidio di una bambina. La ragazzina era stata macellata e data in pasto a due pastori tedeschi dal suo rapitore. Questo atto atroce modificò il modus operandi di Rorschach: non più soddisfatto di fermare semplicemente i crimini, Rorschach decise che avrebbe anche scelto la punizione, mentre prima si accontentava di lasciare semplicemente i perpetratori dei crimini legati ed imbavagliati pronti per essere trovati dalla polizia. Questo evento è descritto come il punto in cui Walter Kovacs (che "fingeva di essere Rorschach") muore e nasce il vero Rorschach. Le leggi non interessano più a Rorschach, e difatti lui è l'unico avventuriero mascherato che continua ad operare senza l'approvazione del governo dopo la ratifica del Decreto Keene. Il suo atteggiamento nei confronti del Decreto Keene è stato esemplificato nell'uccisione da parte sua di un noto stupratore seriale: egli in seguito ha depositato il corpo di fronte ad una stazione di polizia con una nota attaccata ad esso, che recitava "MAI!"

Ozymandias[modifica | modifica sorgente]

Ozymandias sembra essere apparentemente il membro più "buono" dell'intero cast di Watchmen, nonostante sia un intellettuale elitario che crede nell'utilitarismo ed è disposto ad uccidere milioni di innocenti nel tentativo di preservare le vite di miliardi di altre persone. Come Rorschach si crede esente dalle limitazioni imposte dalle tradizionali norme di comportamento e si pone al di là dell'esperienza umana normale. La sua condotta e la sua autostima indicano che potrebbe essere un megalomane, sebbene la sua idolatria per Alessandro Magno lo porta a "sentirsi inferiore". Neanche la sua filantropia, le sue invenzioni, o le ingenti speculazioni d'affari da milioni di dollari possono appagare i suoi desideri di grandezza. Questo punto di vista gli permette di tenere un disprezzo apparentemente insensibile per le vite delle persone "ordinarie" (nonostante dopo confidi al Dr. Manhattan la sua responsabilità nell'accollarsi la terribile colpa). La velocità di ragionamento e reazione del suo intelletto lo porta ad essere anche un abilissimo combattente, in grado di calcolare perfettamente la mossa migliore da attuare.

Ozymandias si ritirò dall'attività supereroistica alcuni anni prima del Decreto Keene per iniziare a costruire il suo "impero": accumulò un'enorme fortuna grazie alla sua intelligenza e utilizzò questi soldi per finanziare i suoi piani.

Dottor Manhattan[modifica | modifica sorgente]

Un tempo fisico nucleare, Jon Osterman si trasformò in qualcosa di non-umano a seguito di un incidente relativo ai campi intrinseci: egli è l'unico personaggio in Watchmen che abbia dei superpoteri (eccetto forse quei personaggi con poteri psichici a cui si allude nella storia e lo straordinario intelletto di Ozymandias). Con lo svolgersi della serie, diventa sempre più distaccato dall'umanità nella sua totalità: con il procedere della narrazione infatti rinnega qualsiasi interesse negli affari umani e respinge la validità di qualsiasi concetto di moralità (ad esempio abbandona gradualmente i vestiti). La sua capacità di vedere il mondo al di fuori del tempo lo porta ad abbracciare il determinismo. Il Dottor Manhattan viene identificato come una specie di figura divina con l'avanzare della storia. Dopo la sua presunta morte e la sua "ricomposizione", acquista una semi-onniscienza (conosce il futuro, ma solo il suo proprio) e poteri sostanzialmente illimitati (controllo delle molecole a livello sub-atomico). In una delle scene finali cammina sull'acqua e abbandona la Terra per creare vita da qualche altra parte. A causa di questi poteri "divini", ha problemi ad avere relazioni normali con gli esseri umani: egli personifica la prevalenza dell'intelletto sull'emozione. A causa del suo distacco e della sua filosofia in un certo senso nichilista, è denigrato da alcuni personaggi nel corso di Watchmen.

Spettro di Seta II[modifica | modifica sorgente]

Laurel (Laurie) Juspeczyk, un'eroina riluttante, venne spinta a questo da sua madre, la prima Spettro di Seta, che era stata una combattente del crimine di successo prima della nascita di sua figlia. Termina abbastanza malvolentieri una relazione con il Dottor Manhattan. Nel corso della storia diviene sempre più turbata dal distacco di Manhattan per l'umanità, e dopo la loro rottura, il Dr. Manhattan lascia la Terra. Nel finale, gioca un ruolo cardine nel far capire a Dr. Manhattan il valore della vita umana. Inoltre in seguito si fidanza romanticamente con Dan Dreiberg, il secondo Gufo Notturno.

Gufo Notturno II[modifica | modifica sorgente]

Dan Dreiberg, una sorta di recluso, ha un grande interesse per l'ornitologia che si manifesta in alcune delle sue invenzioni, che sono in qualche modo in relazione ad i gufi. Distaccato dai suoi genitori, lotta per trovare uno scopo nella vita, rendendo affascinante dunque la nozione dell'essere un combattente del crimine mascherato. Egli ammette di avere una venerazione per le gesta del primo Gufo Notturno ed è anche abbastanza preso da concetti fanciulleschi quali nobiltà e avventura. Tuttavia, non ha un obiettivo definito, come ad esempio quello di Rorschach, ed è spesso condizionato, basandosi spesso su quello che gli altri gli dicono di fare piuttosto che seguire i suoi desideri. Dreiberg sembra, tra tutti gli eroi, quello che meglio rappresenta l'uomo qualunque, il pragmatista guidato da standard etici "ballerini" che mira al bene definitivo ma è disposto anche a compromessi. In più, i suoi propositi di lotta al crimine riflettono chiaramente l'inefficienza degli eroi in maschera del suo mondo, sebbene spenda grandi somme di denaro per finanziare la creazione di veicoli ed indumenti specializzati pronti per una guerra missilistica, per temperature sotto lo zero, invisibile ai radar, ecc. per catturare ciò che archivia come "prostitute" e "ruba borse". Quando però lui, Spettro di Seta e Rorschach (in particolare lui e Rorschach) iniziano a svelare la mente dietro gli eventi recenti, tutte le sue invenzioni diventano improvvisamente necessarie per la ricerca. Inoltre nel corso della storia si fidanza romanticamente con Laurie Juspeczyk, la seconda Spettro di Seta.

Personaggi secondari[modifica | modifica sorgente]

  • Detective Steven Fine: il poliziotto che investiga sull'omicidio di Edward Blake, cattura Rorschach e sa che Dan Dreiberg è Gufo Notturno II. Muore nell'attacco di New York.
  • Detective Joe Bourquin: collega di Steven Fine. Muore nell'attacco di New York.
  • Janey Slater: prima ragazza di Jon Osterman. Si ammala di cancro nel corso della storia.
  • Happy Harry: barman.
  • Laurence Schexnayder: ex-agente e marito di Sally Jupiter
  • Bernard: edicolante. Muore nell'attacco a New York.
  • Bernie: il ragazzo che legge fumetti di pirati. Muore nell'attacco a New York.
  • Max Shea: autore del fumetto "I Racconti del Vascello Nero". Uno degli scienziati/artisti sequestrati da Ozymandias. Muore nell'esplosione della nave che li riportava a casa.
  • Richard Nixon: Presidente degli USA al suo quinto mandato. Ha inviato il Dr. Manhattan in Vietnam per vincere la guerra. Si allude ad un suo coinvolgimento dietro la morte di John Fitzgerald Kennedy.
  • Joey: autista di taxi lesbica. Muore nell'attacco a New York.
  • Operaio della ditta "Gordian Knot": ripara la serratura dell'abitazione di Dan Dreiberg, sfondata in seguito anche da Rorschach. Muore nell'attacco a New York.
  • Doug Roth: giornalista della rivista di sinistra "Nova Express", accusa Dottor Manhattan di aver causato il cancro a centinaia di persone.
  • Wally Weaver: compagno di Jon Osterman. Muore di cancro nel 1971.
  • Pr. Milton Glass: ex capo di Osterman.
  • Bubastis: lince geneticamente modificata che affianca Veidt. Ozymandias la sacrifica nel tentativo di disintegrare Dottor Manhattan.
  • Milo: proprietario della Promethean Company. Muore nell'attacco a New York.
  • Dolores Shairp: affittacamere di Kovacs.
  • Walt Feinberg: disegnatore del fumetto I Racconti del Vascello Nero, in seguito cartoonist per il New Frontiersman di Godfrey.
  • Dr. Malcolm Long: psichiatra di Kovacs. Muore nell'attacco a New York.
  • Gloria Long: moglie di Malcolm. Muore nell'attacco a New York.
  • Il Grande Capo (Big Figure): boss criminale in prigione. Ucciso da Rorschach.
  • Hector Godfrey: editore del foglio di estrema destra "New Frontiersman".
  • Seymour: collaboratore di Hector Godfrey.
  • Red D'eath: cantante pop della band Pale Horse. Muore nell'attacco a New York.
  • Hira Manish: una degli artisti sequestrati da Ozymandias. Muore nell'esplosione della nave che li riportava a casa.
  • Norman Leith: uno degli scienziati/artisti sequestrati. Muore nell'esplosione della nave che li riportava a casa.
  • James Trafford Marsh: uno degli scienziati/artisti sequestrati. Muore nell'esplosione della nave che li riportava a casa.
  • Linette Paley: una degli artisti sequestrati. Muore nell'esplosione della nave che li riportava a casa.
  • Dr Whittaker Furnesse: uno degli scienziati/artisti sequestrati. Muore nell'esplosione della nave che li riportava a casa.
  • Derf: teppista, leader della gang dei Knot-tops. Uccide Gufo Notturno I. Muore nell'attacco a New York.
  • Roy Chess: assassino pagato da Veidt, viene ucciso da quest'ultimo.
  • Collaboratori vietnamiti di Veidt: muoiono al Polo Sud.
  • Aline: amante lesbica di Joey. Muore nell'attacco a New York.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Watchmen, capitolo II, appendice "Sotto La Maschera"
  2. ^ Watchmen, capitolo III, appendice "Sotto La Maschera"
DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics