Personaggi di Neon Genesis Evangelion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

1leftarrow.pngVoce principale: Neon Genesis Evangelion.

I protagonisti di Neon Genesis Evangelion così come appaiono nel film Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance. Da sinistra a destra: Rei Ayanami, Kensuke Aida, Pen-Pen, Shinji Ikari, Tōji Suzuhara e Asuka Sōryū Langley.

I personaggi di Neon Genesis Evangelion sono i protagonisti dell'omonima serie televisiva d'animazione, dei sei manga basati su di essa, dei videogiochi da essa tratti, dei due film conclusivi del 1997, della tetralogia cinematografica Rebuild of Evangelion e dell'ONA Petit Eva - Evangelion@School. Il design dei personaggi è stato curato da Yoshiyuki Sadamoto, ed anche il regista della serie, Hideaki Anno, intervenne durante la loro creazione.

Ideazione e design[modifica | modifica sorgente]

A detta dell'autore e regista della serie, Hideaki Anno, con Evangelion si è cercato di riunire differenti punti di vista in un unico solo, creando personaggi che potessero rappresentare differenti cose e significati a differenti spettatori, in modo da rendere impossibile per chiunque la formulazione di una singola teoria sul significato dell’opera. Per alcuni spettatori e fans, i personaggi sono rappresentazioni psicologiche, per altri religiose o figure storiche[1]. Anno ha dichiarato che ciascuno dei personaggi riflette in parte la sua personalità[2].

La narrazione della serie si focalizza gradualmente sempre di più sui problemi mentali e gli stati emotivi dei protagonisti, ciascuno dei quali è attanagliato da profonde ferite psicologiche e affronta diverse lotte interiori e problematiche relazioni interpersonali[3]. Ognuno dei personaggi principali ha vissuto infatti un'esperienza traumatica[4], e per tanto la serie si concentra principalmente sulla loro psicologia[5].

Le principali fonti da cui Anno ha attinto per i nomi dei personaggi sono il romanzo del 1987 di Ryū Murakami, Ai to Gensō no Fashizumu (愛と幻想のファシズム,? lett. "Fascismo dell'amore e della fantasia"), diversi manga, e anche nomi di colleghi o amici[6]. Quasi tutti i cognomi dei personaggi sono invece ispirati ai nomi di navi della seconda guerra mondiale, per lo più quelle della marina imperiale giapponese[7]. Anno ha affermato che per comprendere meglio i sentimenti delle donne e creare personaggi femminili maggiormente realistici, ha letto molti romanzi rosa scritti da donne[8]. Il character design è stato curato da Yoshiyuki Sadamoto, mangaka della versione cartacea della serie, il quale ha dichiarato di averli concepiti in modo che le loro personalità fossero individuate «più o meno a colpo d'occhio»[9]. Secondo Sadamoto, per il concept design di Evangelion i personaggi stessi avrebbero dovuto «propendere verso un aspetto relativamente contenuto»[10].

Nella prima metà della serie animata, i personaggi vengono presentati positivamente nella loro lotta per superare il loro trauma doloroso. Tuttavia, dal 16º episodio e l'ultima metà della serie, Anno fa in modo che i personaggi perdano la loro comunicazione, facendosi seriamente male e morendo[5].

Children[modifica | modifica sorgente]

Nell'edizione giapponese della serie originale, i piloti degli Eva sono chiamati "Children" (チルドレン chirudoren?), anche quando ci si riferisce ad un singolo. Questa scelta è stata mantenuta nell'edizione in lingua italiana, mentre nell'edizione inglese, si è scelto di cambiare il nome al singolare in "Child". Nella tetralogia cinematografica Rebuild of Evangelion, invece, i piloti sono semplicemente indicati come "ragazzo/a", come nel caso di Shinji, indicato come "terzo ragazzo" (第三の少年 dai-san no shōnen?), o Rei, denominata "prima ragazza" (第一の少女 dai-ichi no shōjo?)).

Shinji Ikari[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Shinji Ikari.

Shinji Ikari (碇 シンジ Ikari Shinji?) è il figlio di Gendo e Yui Ikari[11]. Da piccolo è stato affidato ad un tutore dal padre Gendo, dopo la morte di sua madre Yui. Nonostante in seguito a ciò i due abbiano vissuto a lungo senza incontrarsi quasi mai[12], il padre lo richiama a Neo Tokyo-3 all'età di quattordici anni per comunicargli di essere stato scelto come "third children" e pilota dell'Evangelion 01, compito che il ragazzo accetta a malincuore[13].

L'abbandono subito da parte dal padre è il motivo per cui si considera un ragazzo indesiderato; molte volte egli afferma che: «Nessuno mi ama, a nessuno importa di me». A sua volta, lui stesso non ha amato né alcunché né qualcun altro[14].

Anno ha descritto Shinji come un ragazzo che fugge dal contatto con il prossimo e si è convinto di essere una persona completamente inutile, a tal punto che non sarebbe neanche capace di suicidarsi[15]. Inoltre è una spaventato dall'idea di poter essere ferito, ed inadatto — mancando di un atteggiamento positivo — ad essere definito eroe di una storia[15]. Rispetto all'eroe stereotipato, Shinji è infatti caratterizzato da una mancanza di energia ed emozione e dalla profonda chiusura verso gli altri più che da ogni sorta di eroismo e coraggio[16][17]. A differenza del tipico eroe di un anime, non è convinto del suo ruolo di pilota ed il suo compito di combattente. Frequentemente durante la serie, si domanda il perché lui piloti gli Eva, che costituisce il tema centrale dell'opera, e ripete che le persone lo possano apprezzare solo quando «pilota l'Eva»[18].

Il personaggio è divenuto molto popolare ed ha vinto numerosi premi e sondaggi di popolarità. È doppiato in giapponese dalla seiyu Megumi Ogata, che l'ha definito uno dei suoi ruoli «più memorabili»[19], e in italiano da Daniele Raffaeli[20].

Rei Ayanami[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Rei Ayanami.

Rei Ayanami (綾波 レイ Ayanami Rei?) è il "first children" e pilota dell'Evangelion 00[21]. Ragazza taciturna e schiva, esegue meccanicamente ogni ordine le venga impartito e vive limitando al minimo i contatti con il prossimo, ad eccezione di Gendo Ikari, padre di Shinji.[22].

Al momento delle realizzazione del character design della serie, Anno ha illustrato a Sadamoto la sua concezione del personaggio in questo modo: «A prescindere dal resto, deve essere mostrata come una ragazza profondamente triste e di scarsa presenza»[23]. Rei si dedica alla lotta per proteggere gli esseri umani, come se questo fosse l'unico punto di collegamento tra lei stessa e gli altri. Differentemente da Shinji ed Asuka, risponde ad ogni ordine della Nerv, come se fosse l'unico motivo per cui ella esiste, e pare che accetti il suo destino come un clone, cosa che è effettivamente. Tuttavia, dietro il suo atteggiamento freddo, soffre di solitudine[24]. La doppiatrice inglese del personaggio, Amanda WinnLee, sostiene che sia errato dire che Rei sia completamente priva di personalità, sottolineando che in lei vi è una «piccola scintilla di umanità», offuscata da «questo grande senso di autostima negativa e la concezione che sia sacrificabile»[25].

Personaggio di notevole influenza nel mondo dell'animazione giapponese e di grande popolarità tra gli appassionati di anime[26] — tanto popolare da essere stata definita dai media come «la premium girl»[27] — ha ricevuto diversi riconoscimenti e vinto numerosi sondaggi di popolarità. È doppiata in giapponese da Megumi Hayashibara e in italiano da Valentina Mari[20].

Asuka Sōryū Langley[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Asuka Sōryū Langley.

Asuka Sōryū Langley (惣流 • アスカ • ラングレー Sōryū Asuka Rangurē?) è il "second children" e pilota dell'Evangelion 02. Ragazza cresciuta ed educata in Germania, è una quattordicenne estremamente sicura di sé. Il suo carattere forte, aggressivo e competitivo fornisce un chiaro contrasto con Shinji. Tuttavia, a sua volta anche Asuka soffre dello stesso senso di alienazione di Shinji, il quale deriva dalla sua esperienza traumatica vissuta per via della madre[24]. Sua madre, che lavorava presso la Nerv anch'essa, divenne insana mentalmente dopo un incidente, nel quale cercava di sincronizzarsi con un Eva, e dopo si è suicidata. Da allora, Asuka si è immersa nel suo orgoglio, come se fosse un modo per far fronte alla sua tragica perdita. Come risultato di ciò, lei non è disposta ad accettare alcun tipo di aiuto o consiglio da altri, ma lotta costantemente, per via del fatto che cerca disperatamente un riconoscimento della sua persona, che la madre non le ha mai offerto[24].

Sadamoto ha disegnato Asuka con l'idea che avrebbe occupato la posizione di una «idol nel mondo di Evangelion» e ha modellato il rapporto tra lei e Shinji sulla base della relazione tra Jean e Nadia in Nadia - Il mistero della pietra azzurra[28].

Nella serie Rebuild of Evangelion il suo nome viene cambiato in Asuka Langley Shikinami (式 波) e le viene attribuito il grado di capitano dell'aeronautica militare europea[29]. È doppiata in giapponese da Yuko Miyamura e in italiano da Ilaria Latini e Domitilla D'Amico per le scene da bambina[20].

Tōji Suzuhara[modifica | modifica sorgente]

Tōji Suzuhara (鈴原 トウジ Suzuhara Tōji?) è un compagno di classe di Shinji, amico di Kensuke Aida (altro compagno di classe), che nutre sentimenti per la capoclasse Hikari Horaki. Dimostra inizialmente un forte astio nei confronti di Shinji, ritenendolo direttamente responsabile dell'incidente che ha colpito la sorella più piccola durante lo scontro tra il terzo Angelo e l'Unità 01[30], e per questo motivo lo picchia[31]. Tuttavia, vedendolo affrontare direttamente l'Angelo Shamshel, cambia idea su di lui[32] e ne diventa successivamente un grande amico. Scelto come "fourth cildren" dall'Istituto Marduk, diventa pilota dell'Evangelion 03; tuttavia, nel primo collaudo dell'Unità con lui a bordo, essa viene presa in possesso dall'Angelo Bardiel, che ne controlla tutte le funzioni. A seguito del violento scontro tra la sua Unità Eva e l'Eva 01 rimane perennemente menomato[33]. Nel manga di Sadamoto, invece, questo scontro segna la sua morte[34], e nel film Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance il ruolo di Toji come pilota per l'esperimento dell'Eva 03 è ricoperto invece da Asuka. Il suo nome deriva da quello dell'omonimo protagonista del libro di Ryū Murakami Ai to Gensō no Fashizumu (愛と幻想のファシズム,? lett. "Fascismo dell'amore e della fantasia")[35][6].

È doppiato in giapponese da Tomokazu Seki[36] e in italiano da Corrado Conforti[20].

Kaworu Nagisa[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kaworu Nagisa.

Kaworu Nagisa (渚 カヲル Nagisa Kaworu?) è il "fifth children", mandato alla Nerv dalla Seele come pilota di rimpiazzo per l'Unità 02, una volta che il rapporto di sincronizzazione di Asuka con il mecha è sceso a livelli troppo bassi[37]. È in realtà il diciassettesimo Angelo, Tabris, e il suo scopo è quello di avviare il Progetto per il Perfezionamento dell'Uomo, così come pianificato dalla Seele. Penetra nel Terminal Dogma per ricongiungersi con Adam e scatenare così il Third Impact, ma scoprendo che l'essere che vi è rinchiuso è in realtà Lilith, chiede a Shinji (con cui aveva precedentemente instaurato un grande legame effettivo) di ucciderlo[37].

Negli schizzi preparatori, Kaworu era rappresentato in compagnia di un gatto, come un normale studente in grado di assumere un aspetto da Angelo[38]. È doppiato in giapponese da Akira Ishida e in italiano da Massimiliano Alto nella serie originale e nel The Feature Film[20] e da David Chevalier nelle restanti apparizioni'[39].

Mari Illustrious Makinami[modifica | modifica sorgente]

Mari Illustrious Makinami (真希波 • マリ • イラストリアス Makinami Mari Irasutoriasu?) è un personaggio introdotto in 2.0 You Can (Not) Advance, secondo capitolo della tetralogia Rebuild. Originaria dell'Inghilterra, è una pilota della filiale europea della Nerv. In un primo momento compare come pilota dell'Unità provvisoria 05, ed in seguito combatterà sull'Eva 02[40].

Sadamoto ha cercato di rappresentarla con un aspetto che sembrasse inglese[40] e le ha aggiunto gli occhiali come «espediente semplice ma efficace per differenziarla dagli altri personaggi»[41]. All'inizio, non fu utilizzato il colore rosa per la Plug Suit di Mari, ma si pensarono al verde o al giallo. Quando però si provò il rosa, che fu a lungo tempo un colore molto popolare nell'industria anime, si optò sul posto per questo colore. In quanto la Plug Suit di Rei Ayanami è bianca e quella di Asuka è rossa, il rosa avrebbe perso un certo impatto, quindi Sadamoto pensò di fare un colore più "scandaloso". Il mangaka in particolare ha dichiarato: «Il nero sarebbe stato più britannico, ma un po' troppo forte, e così optai per il verde. Il vecchio modello della Plug Suit di Mari è verde, ma sono rimasto sorpreso di quanto il rosa le donava»[42].

Nell'edizione del giugno 2010 della rivista Newtype, Mari si è classificata al primo posto nel sondaggio sui dieci personaggi più amati del mese. È doppiata in giapponese da Maaya Sakamoto, la quale ha dichiarato che nel momento in cui ha letto la sceneggiatura del film Evangelion 2.0 non sapeva quasi nulla, e ha dovuto chiedere istruzioni ad Anno e a Kazuya Tsurumaki per comprendere il personaggio, poiché in un primo momento ha dovuto doppiare in maniera «intuitiva». Anno ha dato a Sakamoto delle istruzioni piuttosto vage, mentre Tsurumaki molto più dettagliate, e solo dopo le istruzioni, è diventa «a poco a poco coinvolta»[43]. Nel doppiaggio, è stata doppiata invece da Monica Ward[44].

Personale della Nerv[modifica | modifica sorgente]

Gendō Ikari[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gendō Ikari.

Gendō Ikari (碇 ゲンドウ Ikari Gendō?) è il comandante supremo della Nerv nonché padre di Shinji, con cui vive un rapporto conflittuale. È doppiato in giapponese da Fumihiko Tachiki e in italiano da Massimo Corvo[20].

Kōzō Fuyutsuki[modifica | modifica sorgente]

Kōzō Fuyutsuki (冬月 コウゾウ Fuyutsuki Kōzō?) era, prima del Second Impact, un professore di bio-tecnologia all'università di Kyoto: tra i suoi studenti, la più brillante e geniale era Yui Ikari, per la quale provava un certo affetto. Nel 1999 conobbe Gendo Rokubungi, uno studente molto intelligente ma anche indisciplinato: convinto da Yui, che ne parlava bene, Fuyutsuki fece da garante a Gendo, e riuscì a farlo scarcerare.

In seguito al Second Impact si dedicò alla medicina e all'assistenza dei tantissimi sfollati che il cataclisma aveva causato. Nel 2003 fu contattato da Gendo Ikari, ora marito di Yui, per far parte della commissione di indagine sulle vere cause del Second Impact, ma in realtà lo scopo era un altro, ovvero quello di metterlo a conoscenza degli intenti della Seele e aiutarlo nel suo progetto: gli mostrò i primi prototipi dell'Eva 00 e riuscì a convincerlo. Così il dottor Fuyutsuki assunse il ruolo di vice-comandante dell'agenzia speciale Nerv affiancando Gendo e in talune occasioni sostituendosi ad esso; tuttavia le reali cause della sua adesione al progetto rimangono avvolte nel mistero. Nonostante inizialmente disprezzasse non poco Gendo, arrivando persino a definirlo “un uomo sgradevole”, infine Fuyutsuki divenne il suo unico amico e confidente nonostante ancora non gradisce il distacco freddo di Gendo da suo figlio. Fuyutsuki è un personaggio che può sembrare inizialmente un po' marginale, ma è in realtà depositario di innumerevoli segreti e proprio grazie ad esso nel corso della serie verrà svelato l'oscuro passato dell'organizzazione. Mentre è in atto il perfezionamento dell'uomo, osservando l'eva 01 che assorbe la lancia di Longino unendosi col dispositivo S2 ottenuto divorando l'angelo, Fuyutsuki conferma che ora Shinji è divenuto pari a una divinità e che il destino dell'umanità; la sua salvezza o il suo annientamento, si trova ora nelle sue mani e che deciderà secondo la sua volontà. Durante il Third Impact, Rei/Lilith gli apparirà sotto forma di Yui, la sua vecchia studentessa e, tra le sue braccia, appagato, si trasformerà in LCL.

Anche in questo personaggio (specie nell'abbigliamento) si può notare una citazione della coppia di comandanti della serie televisiva UFO, in questo caso del colonnello Alec Freeman, omologo di Fuyutsuki come secondo in comando dell'organizzazione segreta SHADO. È doppiato in giapponese da Motomo Kiyokawa e in italiano da Oliviero Dinelli[20].

Misato Katsuragi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Misato Katsuragi.

Misato Katsuragi (葛城 ミサト Katsuragi Misato?), Capitano[45] e Direttore Operativo della Nerv[46], dirige gli Eva nelle loro battaglie contro gli Angeli[47]. È doppiata in giapponese da Kotono Mitsuishi e in italiano da Stella Musy[20], sebbene nella prima edizione dei film Death & Rebirth e The End of Evangelion, è doppiata da Francesca Guadagno[48][49], e da Rachele Paolelli in Evangelion: 3.0 You Can (Not) Redo[50].

Ritsuko Akagi[modifica | modifica sorgente]

Ritsuko Akagi (赤木 リツコ Akagi Ritsuko?) è la responsabile del progetto "E" all'interno della Nerv, ha sviluppato gli Evangelion, gestisce il Magi System e segue personalmente gli esperimenti con Rei e la creazione dal Dummy Plug. Figlia di Naoko Akagi, sviluppatrice del supercomputer Magi e a suo tempo capo-scienziato della Nerv, Ritsuko è amica di Misato Katsuragi fin dai tempi dell'università ed ha una relazione con Gendo Ikari[51]. È doppiata in giapponese da Yuriko Yamaguchi e in italiano da Liliana Sorrentino[20].

Il suo nome deriva, a quanto dichiarato da Anno, da un'amica di quest'ultimo delle scuole medie[15], mentre il cognome "Akagi" dall'omonima portaerei della Marina imperiale giapponese[6]. Secondo Anno, a differenza di Misato, lei è l'unica persona che pianifica le sue strategie[52]. In The End of Evangelion, Ritsuko affronta Gendo e Rei nel Central Dogma, e tenta di attivare l'autodistruzione di Neo Tokyo-3 per impedire a Gendo di iniziare il Third Impact. Tuttavia il comando viene respinto dal supercomputer Kaspar e la donna viene uccisa con un colpo di pistola da Gendo. Nel manga nonostante il colpo di pistola di Gendo la ferisca, è ancora viva anche se ormai morente. Mentre Rei si fonde con Lilith, Ritsuko riesce a riprendere la pistola e spara a Gendo ferendolo mortalmente alla gola, affermando che fin dall'inizio l'unica persona che abbia amato e che abbia continuato ad amare era Yui.

La doppiatrice giapponese del personaggio, Yuriko Yamaguchi, ha detto, a proposito dello sviluppo del personaggio nel film conclusivo The End of Evangelion[53]:

« Dal punto di vista dei sentimenti di Ritsuko Akagi come scienziata, può essere considerata una donna che ha ciecamente dato il suo amore a Gendo Ikari, ed anche una donna sciocca che ha seguito lo stesso cammino di sua madre Naoko, che si è suicidata dopo essere stata tradita da Ikari. Personalmente volevo che la sua fine fosse quella di una donna opportuna, remissiva, che semplicemente voleva morire dignitosamente. Ma nello scorso film (Death and Rebirth) la sua fine è stata quella di una donna profondamente gelosa piena di nient'altro che odio nei confronti di Ikari. »

Ryōji Kaji[modifica | modifica sorgente]

Ryoji Kaji (加持 リョウジ Kaji Ryōji?), ex ragazzo di Misato ai tempi dell'università, è un personaggio misterioso. Accompagna Asuka dalla Germania dove ha il proprio lavoro nella locale sede della Nerv. In realtà è una spia della Seele, ed è giunto in Giappone per indagare sugli intenti della Nerv di Neo Tokyo-3.

Il personaggio di Kaji sembra essere un agente per tre organizzazioni diverse, essendo ufficialmente un ispettore speciale della Nerv, mentre indaga segretamente sull'organizzazione per conto del governo giapponese e contemporaneamente agisce come informatore sia per conto di Gendo Ikari che della Seele. Inoltre sembra avere motivazioni personali dietro la fedeltà alle varie organizzazioni e parla spesso del proprio desiderio di scoprire la verità.

Nel manga viene raccontato il passato di Kaji. A causa del Second Impact perse la casa e i genitori finendo a vivere con suo fratello minore per le strade. Insieme ad un gruppo di amici rubava scorte di viveri destinate ai militari quando il cibo scarseggiava. Uno dei militari si accorse di Kaji mentre stava rubando, e dopo un violento pestaggio minacciò di ucciderlo sul momento se non gli avesse rivelato dove stava il loro nascondiglio. Per paura di essere ucciso rivela dove erano nascosti. Riesce infine a scappare, osserva un camion militare allontanarsi dal suo rifugio e scopre in seguito che suo fratello e i suoi amici sono stati tutti uccisi. In seguito venne adottato da lontani parenti che gli permettono di iscriversi all'Università dove incontra Misato Katsuragi. L'obiettivo di Kaji è scoprire il responsabile del Second Impact per potersi vendicare di coloro che gli hanno distrutto la vita.

Kaji e Misato erano fidanzati durante il periodo del college, ma si separarono e si persero di vista fino a quando l'uomo non si recò in Giappone per scortate l'Unità 02 e Asuka Soryu Langley. Dopo aver fatto ritorno alla Nerv, Kaji e Misato hanno iniziato uno strano rapporto di amore-odio, che ha finito per farli rimettere insieme sul finale della serie, quando Misato gli confessò di averlo lasciato perché gli ricordava suo padre. Anche Asuka è apertamente infatuata di Kaji, anche se lui si comporta nei suoi confronti, ed in quelli di Shinji come se fosse un padre.

Kaji ha una passione per il giardinaggio e coltiva cocomeri, in un orto vicino alla sede della Nerv, come viene mostrato nell'anime, mentre l'angelo Zeruel sta attaccando il Geofront.

Gli viene ordinato dalla Seele di rapire Kōzō Fuyutsuki per poterlo interrogare per il pericolo che Shinji, ottenuto il dispositivo S² dopo aver divorato il quattordicesimo Angelo Zeruel, si stia avvicinando sempre di più a diventare una divinità. Kaji segue inizialmente gli ordini, ma poi decide di liberare Fuyutsuki e riportarlo alla Nerv perché sente che è proprio la Nerv quella più vicina alla verità sul Second Impact. In seguito a queste azioni Kaji dà a Misato una capsula che contiene importanti informazioni sul Progetto di perfezionamento dell'uomo, e in seguito lascia alla donna un messaggio di addio sulla segreteria telefonica, sapendo che di lì a poco sarebbe stato ucciso. Kaji, effettivamente, viene colpito da un colpo di arma da fuoco e ucciso da un assassino la cui identità non viene mai rivelata. In Evangelion 3.0 non è risaputo cosa gli sia successo.

È doppiato in giapponese da Kouichi Yamadera e in italiano da Francesco Prando[20].

Shigeru Aoba[modifica | modifica sorgente]

Shigeru Aoba (青葉 シゲル Aoba Shigeru?), l'operatore addetto alle trasmissioni e al radar, ha il compito di seguire gli spostamenti e le condizioni degli obiettivi nemici prima, durante e dopo le battaglie, ma anche quella di segnalare eventuali danni subiti dalle Unità Eva. Ama la musica, in particolare suonare la chitarra, e parla raramente. Obbedisce sempre ai comandi senza obiezioni. Sembra quasi che quello che succede intorno a lui scivoli addosso e non lo riguardi. Dimostra un profondo rispetto per la privacy delle persone e lo pretende dagli altri nei suoi confronti. Come gli altri operatori della Nerv, muterà in LCL durante il Third Impact, ma curiosamente vedrà Rei/Lilith per quello che è, e non sotto forma di una persona cara. È doppiato in giapponese da Takehito Koyasu e in italiano da Davide Marzi nel primo doppiaggio di Death & Rebirth e The End of Evangelion e da Vittorio Guerrieri in tutte le altre apparizioni[20].

Makoto Hyūga[modifica | modifica sorgente]

Makoto Hyūga (日向 マコト Hyūga Makoto?) è uno dei tre principali operatori della Nerv che, dal ponte di comando, segue e controlla tutte le operazioni delle Unità Eva. Il suo compito principale è quello di verificare lo status dei piloti, monitorando le loro condizioni fisiche e psicologiche. È un ragazzo molto semplice nella vita privata, ma anche molto professionale sul lavoro. Ha l'hobby dei manga e prova una certa attrazione per il Maggiore Katsuragi. Come tutti gli altri esseri umani, si trasformerà in LCL nel corso del Third Impact, ingannato da Rei/Lilith che assumerà le sembianze di Misato. È doppiato in giapponese da Hiro Yūki e in italiano da Francesco Bulckaen[20].

Maya Ibuki[modifica | modifica sorgente]

Maya Ibuki (伊吹 マヤ Ibuki Maya?), la più giovane dei tre operatori è deputata a controllare la sincronizzazione dei piloti con le Unità Eva, e si rende pertanto indispensabile non solo durante le battaglie, ma anche per tutti i test di sincronia e le simulazioni di addestramento piloti. È una timida ragazza che nutre una profonda stima professionale nei confronti della sua senpai (cioè la sua collega più anziana ed esperta) Ritsuko Akagi, di cui è la principale collaboratrice. Questo però non le impedisce di notarne il tratto profondamente cinico. Durante il Third Impact, Rei/Lilith le apparirà proprio con le sembianze di Ritsuko. È doppiata in giapponese da Miki Nagasawa e in italiano da Barbara De Bortoli[20].

Personale della Gehirn[modifica | modifica sorgente]

Yui Ikari[modifica | modifica sorgente]

Yui Ikari (碇 ユイ Ikari Yui?) è la moglie di Gendō e madre di Shinji. È una scienziata straordinaria, tanto da aver attirato l'attenzione del professor Fuyutsuki ai tempi dell'università per le sue teorie geniali. Conosciuto e sposato Gendō, con lui lavora al progetto che causerà il Second Impact. Alcune voci affermavano che Gendō si fosse messo con lei solo perché interessato ai progetti ai quali lavorava e alla società segreta che la ragazza sembrava avere alle spalle, la Seele. Con Gendo ha un figlio, Shinji Ikari appunto.

Durante uno dei primi esperimenti di sincronizzazione con gli Eva, e più precisamente con l'Unità 01, per un incidente, un incredibile incremento dei valori di sincronizzazione che raggiungeranno il 400%, il suo corpo si dissolve e rimane all'interno dell'Eva stesso. È un avvenimento che si scoprirà in seguito, quando anche a Shinji capiterà in un episodio della serie. Shinji però decide di ritornare, di uscire dall'Eva, mentre Yui decise di restare. Gendo impazzito dal dolore per avere perso l'amata Yui da quell'esperimento, sogna il momento del Third Impact, unico momento nel quale potrà riunirsi con la sua amata moglie fraintendendo così le sue intenzioni che lei aveva deciso di rimanere nell'Eva per dare al loro figlio un futuro migliore. Nel film Evangelion 3.0 si scopre che il suo vero nome è Yui Ayanami. È doppiata in giapponese da Megumi Hayashibara e in italiano da Valentina Mari[20].

Naoko Akagi[modifica | modifica sorgente]

Naoko Akagi (赤木 ナオコ Akagi Naoko?), madre di Ritsuko, è la vera creatrice del "MAGI System", sistema di biocomputer ai quali ha fornito le sue tre personalità: il suo essere quale donna, quale madre e infine quale scienziata. Membro del Gehirn fin dalla sua creazione, Naoko divenne, una volta morta Yui, della quale era estremamente gelosa, l'amante di Gendo. Uccise la prima Rei quando questa aveva nove anni, nel 2010, occasione nella quale scoprì che Gendo in realtà la usava soltanto per i suoi scopi; dopodiché si suicidò e fu questo il motivo per cui fu l'unica a non essere presa dalla Nerv quando tutto lo staff del Gehirn si trasferì nella nuova sede[51]. È doppiata in giapponese da Mika Doi e in italiano da Serena Verdirosi[20].

Altri personaggi[modifica | modifica sorgente]

Lorenz Keel[modifica | modifica sorgente]

Lorenz Keel (キール • ローレンツ Rorentsu Kiiru?), anziano il cui corpo presenta parti cibernetiche, è il presidente della Seele, nonché capo del Comitato per il Perfezionamento dell'uomo. Quando nella sala congressi della sua organizzazione è presente in modalità "Sound Only", ovvero rappresentato da un enorme monolito nero, il numero che lo identifica è lo "01", e la nazione che rappresenta è con ogni probabilità la Germania. Ha come unico obiettivo proprio il Progetto per il Perfezionamento, per il quale ha fondato la Seele a seguito del ritrovamento delle Pergamene segrete del Mar Morto. È anche l'unico che sembra conoscere, o per lo meno intuire, i veri piani di Gendo Ikari. Intuisce che il progetto rischia di cambiare a causa di eventi che lui e gli altri membri della Seele non sono riusciti a prevedere nel proprio copione. Come impedire agli Eva di acquisire il dispositivo S2, mentre l'Unità 01 guidato da Shinji in modalità Berserk ha assimilato divorando il quattordicesimo angelo Zeruel. Questo portò crisi nell'organizzazione, temendo Shinji prossimo ad avvicinarsi sempre più ad una divinità. È doppiato in giapponese da Mugihito. In italiano è stato doppiato da Gianni Musy nei film e nella serie tv, tranne che negli episodi 14, 21 e 24 dove il suo ruolo è stato preso da Glauco Onorato. Il suo personaggio fa un'apparizione anche in Evangelion: 3.0 You Can (Not) Redo, dove è doppiato da Luciano De Ambrosis[20].

Kensuke Aida[modifica | modifica sorgente]

Kensuke Aida (相田 ケンスケ Aida Kensuke?), orfano di madre anche lui come molti dei suoi compagni, è un patito di tutto ciò che concerne l'arte militare, la guerra, l'aviazione, la marina e le armi. Entra infatti in estasi ogni volta che sente parlare di cose del genere o anche quando vede un Eva: il suo sogno nel cassetto è infatti quello di pilotarne uno, ed è per questo che prova grande invidia nei confronti di chi può pilotarlo (come per esempio Shinji e Toji). I suoi due migliori amici sono proprio Toji e Shinji, e insieme a loro fa parte del "Trio degli Stupidi", titolo canzonatorio loro attribuito da Asuka e Hikari. Nel gioco Battle Orchestra per PlayStation 2, Kensuke è il pilota assegnato all'Unità 04 e indossa un plugsuit verde. È doppiato in giapponese da Tetsuya Iwanaga e in italiano da Stefano Crescentini[20].

Nel manga gli sarà ignota per molto tempo la morte di Toji. Scoprendolo infine lascia un messaggio di addio nella segreteria di Shiji dicendo che se ne sarebbe dovuto andare perché la città non era più sicura. Ammette anche lui di sentirsi tradito da Shinji per aver ucciso Toji e lo saluta senza tanto dispiacere.

Hikari Horaki[modifica | modifica sorgente]

Hikari Horaki (洞木 ヒカリ Horaki Hikari?), la capoclasse di Shinji e compagni è un'altra ragazza molto più matura e responsabile dei suoi coetanei maschi; proprio per questo è l'unica persona che l'altera Asuka degna della sua amicizia. Innamorata di Toji, questo personaggio mostrerà la sua sensibilità e le sue paure quando il precipitare degli eventi investirà il ragazzo. È doppiata in giapponese da Junko Iwao e in italiano da Federica De Bortoli[20].

Nel manga, quando scopre la morte di Toji in seguito alle azioni dello 01 mentre era comandato dal dummy system, ritiene Shinji responsabile. Da quel momento evita ogni possibile contatto con lui, ammettendo che non potrebbero più essere amici come prima neanche se Shinji si ripresentasse in classe.

Pen-Pen[modifica | modifica sorgente]

Pen-Pen (ペンペン Penpen?), detto anche Pen2, è un pinguino della nuova razza delle sorgenti termali[54], geneticamente modificato che Misato tiene come un animale domestico. Pen-Pen ha chiaramente un alto quoziente intellettivo, in quanto può comprendere gli esseri umani e leggere il giornale[55]. È doppiato in giapponese da Megumi Hayashibara e in italiano da Fabrizio Mazzotta, tranne nella serie tv dove è stato mantenuto il doppiaggio originale[20].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Amanda Winn Lee, Taliesin Jaffe e Jason Lee (2005) Death and Rebirth; End of Evangelion, DVD Audio Commentary. Manga Entertainment (in inglese).
  2. ^ (EN) Yoichi Kosukegawa, Cartoon 'Eva' captures sense of void among Japanese youth in Japan Economic Newswire, 8 maggio 1997.
  3. ^ Napier 2002, op. cit., p. 425
  4. ^ Ishikawa, op. cit., p. 76
  5. ^ a b (EN) Azuma Hiroki, Anime or Something Like it: Neon Genesis Evangelion, InterCommunication No. 18. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  6. ^ a b c (JA) Hideaki Anno, Essay, Gainax, 17 novembre 2000. URL consultato il 6 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  7. ^ Fujie, Foster, op. cit., pp. 120-121
  8. ^ (EN) Virtual Panel! Meet Hideaki Anno in Animerica, vol. 4, nº 9, Viz Media, 1996, p. 27.
  9. ^ (EN) Thomas Lamarre, The Anime Machine: A Media Theory of Animation, Minneapolis, University of Minnesota Press, 2009, p. 204, ISBN 0816651558.
  10. ^ (EN) Yoshiyuki Sadamoto, Commentario di Yoshiyuki Sadamoto del secondo volume in Neon Genesis Evangelion 3-in-1 Edition, vol. 1, Viz Media, 2012, p. 341, ISBN 978-1-4215-5079-4.
  11. ^ Sony magazines, op. cit., v. 1, p. 6
  12. ^ Anime di Neon Genesis Evangelion, episodio 15: "Bugie e silenzi".
  13. ^ Anime di Neon Genesis Evangelion, episodio 1: "L'attacco dell'Angelo".
  14. ^ Ishikawa, op. cit., pp. 73-74
  15. ^ a b c (EN) Hideaki Anno, What were we trying to make here? in Neon Genesis Evangelion, vol. 1, Viz Media, 1998, ISBN 1-56931-294-X.
  16. ^ Napier 2002, op. cit., pp. 424-425
  17. ^ Manabu Tsuribe, La prigione della coscienza: un saggio su Evangelion, traduzione italiana di Daniele Chetta e Viviana Esse, Landolt-C: Recommended Music and Anime, febbraio 1999. URL consultato il 2 agosto 2013.
  18. ^ Ishikawa, op. cit., p. 74
  19. ^ (EN) Rocking the Boat, Akadot.com, 27 aprile 2001. URL consultato il 2 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2008).
  20. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Antonio Genna, Neon Genesis Evangelion - Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  21. ^ Yoshiyuki Sadamoto, Gainax; Saburo Murakami (traduzione); Gianluca Milandri (adattamento e lettering), Art File - Profile 03 in Evangelion Collection, vol. 2, Panini Comics, p. 168, ISBN 978-88-63462838.
  22. ^ Yoshiyuki Sadamoto, khara/Gainax, Cast in Evangelion, vol. 25, Panini Comics, 2012, p. 3, ISBN 977-1126356906.
  23. ^ Fujie, Foster, op. cit., p. 97
  24. ^ a b c Ishikawa, op. cit., p. 75
  25. ^ (EN) Roderick Lee, EX.org. URL consultato il 5 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2006).
  26. ^ (EN) Patrick W. Galbraith, Moe - Exploring Virtual Potential in Post-Millennial Japan. URL consultato il 5 dicembre 2013.
  27. ^ Fujie, Foster, op. cit., p. 39
  28. ^ (JA) Intervista a Yoshiyuki Sadamoto in Der Mond: Newtype Illustrated Collection - Limited Edition, Kadokawa Shoten, 1999, ISBN 4-048530488.
  29. ^ (JA) Evangelion: 2.0 You Can (Not) Advance Complete Records Collection (ヱヴァンゲリヲン新劇場版:破 全記録全集 Evangerion shin gekijō ban: yabu zen kiroku zenshū?), Ground Works, 2012, ISBN 978-4-905033-00-4.
  30. ^ (JA) Evangelion Story, gainax.co.jp. URL consultato l'8 dicembre 2013.
  31. ^ Anime di Neon Genesis Evangelion, episodio 3: "Un telefono che non squilla".
  32. ^ (JA) Yoshiyuki Sadamoto, Stage 9 in Neon Genesis Evangelion, vol. 2, Kadokawa Shoten, 12 marzo 1996, ISBN 4-04-7131326.
  33. ^ Anime di Neon Genesis Evangelion, episodio 18: "Selezione di vita".
  34. ^ (JA) Yoshiyuki Sadamoto, Stage 40 in Neon Genesis Evangelion, vol. 6, Kadokawa Shoten, 15 dicembre 2000, ISBN 4-04-7133808 .
  35. ^ (EN) EPISODE:03 A Transfer in Platinum Edition Booklets - Episode Commentaries, A.D. Vision, 2004.
  36. ^ (JA) 鈴原トウジ, Gainax.co.jp. URL consultato il 4 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2001).
  37. ^ a b Anime di Neon Genesis Evangelion, episodio 24: "L'ultimo messaggero sacrificale".
  38. ^ (JA) Gainax, Intervista a Yoshiyuki Sadamoto in Neon Genesis Evangelion Newtype 100% Collection, Kadokawa Shoten, 1997, ISBN 4-04-852700-2.
  39. ^ Antonio Genna, "Evangelion: 1.01 You are (not) alone", Antoniogenna.net. URL consultato l'8 dicembre 2013.
  40. ^ a b Dynit, Evangelion 2.22 You Can (Not) Advance - DVD Booklet.
  41. ^ (EN) Intervista a Yoshiyuki Sadamoto in Osada-bon 2009, Young Ace, nº 3, Kadokawa Shoten, 2009.
  42. ^ (EN) Mr. Sadamoto Yoshituki - Interview, Sekai-seifuku.org. URL consultato il 4 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2012).
  43. ^ (JA) Shinichiro Inoue (a cura di), Maaya Sakamoto as Makinami mari Illustraious in Newtype, Tokyo, Kadokawa Shoten, luglio 2009, p. 91.
  44. ^ Antonio Genna, "Evangelion: 2.0 You can (not) advance", Antoniogenna.net. URL consultato l'8 dicembre 2012.
  45. ^ Nella serie originale ottiene una promozione a Maggiore nell'episodio 12, "il valore di un miracolo". Nel primo capitolo della tetralogia Rebuild è di nuovo presente come Capitano.
  46. ^ Dennis Redmond, The World is Watching: Video as Multinational Aesthetics, 1968-1995, SIU Press, 2004, p. 126, ISBN 9780809389612.
  47. ^ Fujie, Foster, op. cit., p. 85
  48. ^ Antonio Genna, "Neon Genesis Evangelion: Death and Rebirth", Antoniogenna.net. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  49. ^ Antonio Genna, "Neon Genesis Evangelion: The End Of Evangelion", Antoniogenna.net. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  50. ^ Antonio Genna, "Evangelion: 3.0 You can (not) redo", Antoniogenna.net. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  51. ^ a b Anime di Neon Genesis Evangelion, episodio 21: "Nerv, la nascita".
  52. ^ (JA) Shinichiro Inoue, "Interview with Hideaki Anno" in Newtype, Kadokawa Shoten, giugno 1996, pp. pp. 162-177.
  53. ^ (JA) 山口由里子 - Yamaguchi Yuriko in The End of Evangelion Theatrical Pamphlet, Koganei, GAINAX, 1997, p. 23.
  54. ^ Yoshiyuki Sadamoto, Gainax; Saburo Murakami (traduzione); Gianluca Milandri (adattamento e lettering), Cast in Evangelion Collection, vol. 2, Panini Comics, p. 6, ISBN 978-88-63462838.
  55. ^ Fujie, Foster, op. cit., p. 178

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Susan J. Napier, When the Machines Stop: Fantasy, Reality, and Terminal Identity in "Neon Genesis Evangelion" and "Serial Experiments Lain" (abstract) in Science Fiction Studies, vol. 29, nº 3, SF-TH Inc., novembre 2002, pp. 418-435. URL consultato il 2 ottobre 2013.
  • (EN) Kazuhisa Fujie, Martin Foster, Neon Genesis Evangelion: The Unofficial Guide, DH Publishing Inc., 2004, ISBN 978-0974596143.
  • (JA) Sony Magazines (a cura di), Evangelion Chronicle, Volumi 1 - 30, Tokyo, De Agostini Japan, 2006.
  • (EN) Satomi Ishikawa, Seeking the Self: Individualism and Popular Culture in Japan, Bern, Peter Lang, 2007, ISBN 3039108743.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]