Personaggi di C'era una volta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Once Upon A Time logo.svg

Questa voce contiene un elenco dei personaggi presenti nella serie televisiva C'era una volta; questi sono diversi personaggi delle favole classiche, che vivono nella Foresta Incantata e che sono stati maledetti a rimanere congelati nel tempo nella cittadina di Storybrooke, nel Maine, dove sono obbligati a vivere senza poter raggiungere i loro lieti fine e senza aver alcun ricordo di chi che erano.

La serie ruota attorno a Emma Swan, solitaria garante per le cauzioni che rincontra Henry Mills, il figlio che aveva dato in adozione dieci anni prima. Non volendo aver niente a che fare con lui, Emma lo riaccompagna a Storybrooke; durante il viaggio, Henry le rivela che tutte le storie racchiuse nel suo libro delle favole sono vere: i cittadini di Storybrooke sono tutti personaggi del libro e sono stati maledetti dalla Regina Cattiva; inoltre, in quanto figlia di Biancaneve e del Principe Azzurro, Emma è l'unica in grado di spezzare la maledizione. La donna riaccompagna Henry dalla madre adottiva, Regina Mills, sindaco della città e, secondo il ragazzino, alter-ego della Regina Cattiva. L'atteggiamento scontroso di Regina insospettisce Emma e la convince a trasferirsi in città. Inavvertitamente, così facendo, Emma inizia a indebolire la maledizione. Gli altri personaggi della serie sono cittadini di Storybrooke le cui vere identità come personaggi delle favole vengono rivelate tramite flashback degli avvenimenti accaduti nella Foresta Incantata: Mary Margaret Blanchard, insegnante di Henry, è in realtà Biancaneve; David Nolan si risveglia dal coma e scopre che i falsi ricordi d'amore per la moglie Kathryn Nolan sono in conflitto con i sentimenti che, in quanto Principe Azzurro, prova per Biancaneve; il signor Gold, il cittadino più ricco e temuto della cittadina, è in realtà Tremotino; Archie Hopper, psicoterapeuta, è in realtà il Grillo Parlante; lo sceriffo Graham è il cacciatore incaricato dalle Regina Cattiva di uccidere Biancaneve; August Booth, misterioso scrittore condannato a morte da una misteriosa malattia, ha bisogno della magia per non ritrasformarsi in un tronco, in quanto Pinocchio; una misteriosa ragazza ricoverata nel reparto psichiatrico dell'ospedale locale è in realtà Belle, interesse amoroso del signor Gold; e Ruby, cameriera nella tavola calda gestita dalla nonna, è la nuova identità di Cappuccetto Rosso.

Personaggi principali[modifica | modifica sorgente]

Emma Swan[modifica | modifica sorgente]

Emma Swan (Jennifer Morrison) è una garante di cauzioni e cacciatrice di taglie. È figlia di Biancaneve e del Principe Azzurro. Appena nata, lei e il piccolo Pinocchio furono inviati a Storybrooke in una speciale teca, ricavata da un albero magico e costruita da Geppetto. August disse di aver trovato Emma sul ciglio di una strada, ed entrambi furono accolti in un orfanotrofio, in cui lei fu inserita nel sistema affidatario. Viene affidata ad una famiglia (probabilmente i Swan), ma quando Emma compie tre anni viene mandata via perché i suoi genitori adottivi erano riusciti ad avere un bambino loro. L'esperienza negativa e l'apparente abbandono la portarono a provare risentimento nei confronti dei genitori biologici; nonostante ciò, ha tenuto una raccolta di pagine di giornali che parlavano di lei e la copertina in cui fu trovata nella speranza di riuscire, un giorno, a trovare i suoi genitori. A diciotto anni, Emma rimase incinta del suo primo ed unico grande amore, Neal Cassidy (in realtà Baelfire, il figlio di Tremotino). Poco dopo ebbe dei guai con la legge e partorì in prigione; richiese un'adozione chiusa, per "dargli l'opportunità migliore". Nel suo ventottesimo compleanno, esprime il desiderio di non passare mai più da sola un altro compleanno, e immediatamente Henry Mills, suo figlio, bussa alla sua porta. Questi le spiega chi sono i suoi veri genitori, e che lei è l'unica in grado di liberare loro e l'intera Storybrooke dalla maledizione. La donna riaccompagna Henry dalla madre adottiva, Regina Mills, non volendo avere alcun rapporto con lui, ma l'atteggiamento scontroso di Regina insospettisce Emma e la convince a trasferirsi in città. Capisce infatti che Regina non è la miglior figura materna per Henry e di voler far parte della vita di suo figlio. Regina, però, le proibisce di vedere Henry a meno che lei non le dia il permesso.

Jennifer Morrison interpreta Emma Swan

La decisione di Emma di rimanere a Storybrooke dà il via a una serie di cambiamenti nella città e nei suoi abitanti, e la mette costantemente in conflitto con Regina. Emma cerca di convincere Henry ad abbandonare le sue teorie sulla maledizione, perché crede che il solo pensiero sia folle, ma accetta il fatto che Henry non si arrenderà molto facilmente. Si trasferisce così a vivere a casa di Mary Margaret, dopo essere stata cacciata (per volere di Regina) dal Bed & Breakfast gestito dalla nonna di Ruby (Cappuccetto Rosso). Nonostante l'opposizione di Regina, lo sceriffo Graham dà ad Emma il ruolo di vicesceriffo, per la sua esperienza. Al resto dei cittadini appare evidente che tra i due c'è una forte attrazione, ma Emma si sente tradita quando scopre della relazione tra Regina e Graham. Disperato, Graham la bacia, iniziando a recuperare alcuni dei suoi ricordi come Cacciatore. Lascia così Regina per iniziare una relazione con Emma, ma pochissimo dopo muore tra le sue braccia. Due settimane dopo Emma vince le elezioni per diventare nuovo sceriffo, ma scopre che, chiedendo l'aiuto del sig. Gold, questi ha sfruttato la paura dei cittadini per lui in modo da aiutarla a vincere, in modo da metterla in una migliore posizione per saldare il loro debito. Poco dopo è obbligata ad arrestare Mary Margaret per l'omicidio di Kathryn Nolan; le prove dimostrano la sua colpevolezza, ma Emma, nonostante le evidenze, crede che Regina l'abbia incastrata. Emma ammette al sig. Gold che intende spingersi fin dove necessario per trovare prove contro Regina, diventando così, secondo le parole del sig. Gold, una "donna di fede". Mary Margaret poco dopo scompare e anche Emma, durante le ricerche, viene rapita da Jefferson, che la obbliga a fabbricare un cappello magico che gli consenta di tornare a casa: una cosa che solo lei può fare, in quanto ha portato la magia a Storybrooke. Emma cerca di convincerlo del fatto che né la maledizione né la magia siano reali, ma Jefferson è frustrato nel vedere che ha scelto di non credere in Henry. Lei e Mary Margaret riescono a fuggire facendolo precipitare da una finestra. Emma convince l'amica a tornare nella sua cella e ad affrontare il processo. Poco dopo, Emma vede la figlia di Jefferson, da cui l'uomo pretendeva di essere stato separato ventotto anni dopo, e chiede ad Henry di mostrarle il libro delle favole. Quando vede che le illustrazioni del Cappellaio Matto e di sua figlia sono identiche a Jefferson e a sua figlia, comincia a domandarsi se la maledizione esista realmente. Alla fine, comunque, si rifiuta di credere, anche se August la porta all'albero dove l'aveva trovata, le rivela di essere Pinocchio e le mostra come la sua gamba si stia lentamente ritrasformando in un pezzo di legno. Il suo rifiuto è però così forte da farle vedere una normalissima gamba, insistendo di non volere le responsabilità che derivano dall'essere la "Salvatrice". Emma chiede a Henry se vuole andare a vivere con lei. Alla sua risposta positiva, gli annuncia che stanno lasciando Storybrooke. Il figlio, però, la ferma per farle accettare il suo destino e per farle spezzare la maledizione. Alla fine Emma decide di voler rimanere nella vita di Henry, di fargli visita quando può, ma decide anche di lasciare la cittadina. Dopo averlo detto a Regina, riceve da questa un Appelflap, fatto con la mela avvelenata morsa da Biancaneve. Prima di riuscire a mangiarlo, Henry gli dà un morso per proteggerla e dimostrarle la verità e cade a terra svenuto. Con il ricovero di Henry in ospedale, Emma tocca il suo libro delle fiabe e comincia finalmente a credere alla maledizione, accettando la verità e il suo destino come Salvatrice. Per salvare Henry, collabora con Regina e chiede aiuto al sig. Gold. Questi rivela che Henry può essere salvato solo dal vero amore, un'ampolla del quale è nascosta in Malefica, nella sua forma di drago. Emma sconfigge Malefica usando la spada di suo padre e recupera l'ampolla, ma il sig. Gold la ottiene con l'inganno. Henry muore prima che Emma e Regina riescano a tornare in ospedale. Al suo capezzale, ammette di credergli e gli dice di volergli bene, dandogli un bacio sulla fronte. Il bacio risveglia il ragazzino e spezza la maledizione, restituendo a tutti i cittadini i loro ricordi. In ogni caso, questi non fanno però ritorno alla Foresta Incantata, mentre una nuvola viola intrisa di magia avvolge l'intera cittadina.

Nella seconda serie, Emma ormai crede che tutti siano personaggi delle favole, si riunisce così con i suoi genitori: Biancaneve e Principe Azzurro, ma il rapporto con loro è difficile in quanto Emma gli rinfaccia il fatto che sia stata abbandonata. Aiuta Regina a salvarsi da un demone che vuole strapparle l'anima, ma mentre attivano il Magico Cappello di Jefferson, Emma per salvare Regina viene risucchiata dal Cappello e Mary Margaret deciderà di seguirla. Entrambe finiscono in una parte del Regno delle Favole che è rimasta ancora intatta, ma vengono catturate da Mulan e dalla principessa Aurora che le credono responsabile della morte del principe Filippo. Nel villaggio conosce Cora, la quale ammette di essere pentita e di voler ritornare da Regina; Emma le rivela il nome del figlio Henry. In seguito con l'aiuto di Lancillotto, Mulan e Aurora, tornano nel castello di Biancaneve per attraversare il portale magico e tornare a Storybrooke, ma Lancillotto si rivelerà Cora: l'inganno infatti viene scoperto in quanto Emma aveva rivelato il nome del figlio solo a Cora. Emma brucia l'albero magico per impedire a Cora di raggiungere Henry a Storybrooke. In seguito dopo aver capito perché la madre l'abbia abbandonata, Emma inizia a provare affetto filiare verso Mary Margaret. Dopo lo scontro, Mulan e Aurora inizieranno a fidarsi di Emma e Mary Margaret. Le quattro donne incontreranno Cora e Capitan Uncino sul loro cammino, ma con un po' di fortuna, coraggio e magia, madre e figlia riescono a tornare a Storybrooke. Quando il signor Gold scopre che suo figlio Baelfire si trova a New York, Emma e Henry partono con lui. Nella Grande Mela, Emma ritroverà Neal, scoprendo così che anche lui proviene dal mondo delle fiabe e che ha anche una fidanzata, Tamara, e Henry scoprirà che lui è suo padre. Sfortunatamente, Uncino arriva a New York e ferisce gravemente il signor Gold, ma Emma riesce a stenderlo e ad imprigionarlo e torna con Henry, Neal e il signor Gold a Storybrooke usando la Jolly Roger. Affronta Regina e Cora insieme ai suoi genitori e a Neal, ma Mary Margaret uccide Cora con una candela magica. Emma cerca di affrontare il fatto che l'uomo che in realtà ama ancora stia con un'altra, ma scoprirà che Tamara non è quella che sembra.

Biancaneve/Mary Margaret Blanchard[modifica | modifica sorgente]

Ginnifer Goodwin interpreta Biancaneve

Biancaneve (Ginnifer Goodwin/Bailee Madison da giovane) è la figlia di Re Leopold e figliastra della Regina Cattiva. Da piccola, fu salvata da Regina dopo che il suo cavallo si imbizzarrì. Come segno di gratitudine, Leopold scelse di sposare Regina, anche per ridare a Biancaneve la figura materna di cui la ragazzina aveva bisogno, dopo la recente morte della madre. Biancaneve scoprì che Regina in realtà amava lo stalliere Daniel, e innocentemente lo rivelò a Cora, la malvagia madre di Regina. Sfortunatamente, questo portò alla morte di Daniel. Regina vuole uccidere Biancaneve per aver rivelato questo segreto e per averle reso impossibile sposare il suo vero amore, venendo invece obbligata a sposare Re Leopold. Dopo l'omicidio del Re, avvenuto anni dopo, il Cacciatore fu incaricato dalla Regina di uccidere Biancaneve, ma questi le risparmiò la vita per l'altruismo dimostrato dalla giovane donna. Continuò così a vivere nella Foresta, derubando i nobili del regno di Regina nella speranza di avere abbastanza denaro per fuggire. Incontrò il Principe James dopo averlo derubato, e gli diede il soprannome di Principe Azzurro dopo che egli la catturò per riottenere l'anello di fidanzamento sottrattogli, anello già venduto da Biancaneve. La coppia si innamorò nel tempo passato insieme a recuperare il gioiello, ma egli decise di tornare dalla promessa sposa. Realizzando di non poter stare con James, Biancaneve ottenne da Tremotino una pozione per cancellarne ogni ricordo. Pochissimo dopo, però, ricevette una lettera di James, in cui le chiedeva di raggiungerlo al suo castello per fuggire poi insieme, prima che venisse celebrato il matrimonio con la Principessa Abigail. Poco prima di reincontrarsi, Re George, finto padre di James, la catturò e la obbligò a mentire al figlio, dicendogli di non amarlo. Da quel momento Biancaneve andò a vivere con i Sette Nani. James annullò il fidanzamento, ma prima che la notizia la raggiunse, Biancaneve bevve la pozione di Tremotino. La pozione la trasformò in una persona meschina e crudele, e si rese conto che la sua rabbia scaturiva dalla perdita del padre. Cercò così di uccidere Regina, persona responsabile dell'omicidio, con un arco donatogli da Tremotino, ma James si intromise sulla traiettoria della freccia a lei indirizzata, dicendo a Biancaneve di preferir morire piuttosto di vederla diventare malvagia. La ragazza capì come nessuno aveva mai offerto la propria vita per lei; baciandolo, riacquistò la memoria. La coppia venne nuovamente separata quando i cavalieri di Re George catturarono James. Biancaneve chiese così aiuto agli amici Nani per salvare James. Dopo aver scoperto che lui veniva tenuto prigioniero nelle segrete della Regina Cattiva, Biancaneve accettò di incontrarla. In cambio della vita di James, Biancaneve diede spontaneamente un morso alla mela avvelenata offertale dalla matrigna, che la lasciò in uno stato di morte apparente. Dopo qualche tempo, James la trovò in una bara di vetro, custodita dai Nani, e la baciò, risvegliandola. I due si sposarono, ma il matrimonio fu interrotto dalla Regina Cattiva, che promise di distruggere la loro felicità scatenando una maledizione su tutti i personaggi del regno. Biancaneve presto scoprì di essere incinta, e diede alla luce Emma pochissimi istanti prima che la maledizione prese il sopravvento.

Bailee Madison interpreta Biancaneve da giovane

Nella vita reale a Storybrooke, è Mary Margaret Blanchard, insegnante di Henry a cui ha dato il suo libro delle favole per dargli la speranza di un lieto fine. Ha anche accolto Emma a casa sua, dopo aver scoperto che questa è stata cacciata dal Bed & Breakfast della città. Mary Margaret è volontaria dell'ospedale, dove, su insistenza di Henry, legge la favola di Biancaneve e del Principe Azzurro a David Nolan, in realtà proprio James. Questi si risveglia e la coppia si innamora, nonostante lui sia sposato con Kathryn. Mary Margaret abbandona il suo lavoro da volontaria dell'ospedale per il dolore che prova stando con un uomo sposato e cerca di iniziare una relazione con il dottor Whale. In ogni caso, inizia a sviluppare un atteggiamento da "stalker": conosce le routine giornaliere di David e cerca sempre di essere dove lui si trova. Quando cerca di dimenticarlo, i due si rendono conto di non riuscire a stare lontani l'uno dall'altra e iniziano una relazione segreta. Dopo che la loro storia diventa di dominio pubblico e il matrimonio di David fallisce, soprattutto per colpa del sindaco Regina Mills, Mary Margaret viene etichettata dalla popolazione come una sgualdrina e viene emarginata. Alcuni le si riavvicinano dopo che questa vende delle candele per aiutare le suore locali a pagare il loro affitto. Viene però arrestata per l'apparente omicidio di Kathryn dopo che le sue impronte vengono ritrovate su uno scrigno contenente un cuore umano, poco dopo la scomparsa di Kathryn. Viene appurato che lo scrigno è di Mary Margaret e che il cuore ha lo stesso DNA di Kathryn. Emma crede nell'innocenza di Mary Margaret e le chiede di avere fiducia in lei, per provare di essere stata incastrata. Invece, Mary Margaret trova una delle chiavi a forma di teschio di Regina nella sua cella e scappa. Viene però catturata da Jefferson, che crede (a ragione) di essere il Cappellaio Matto. Emma la libera e la convince a farsi trovare nella sua cella per affrontare il processo. Quando Kathryn riappare, Mary Margaret viene rilasciata. La sua relazione con David diventa molto difficile, perché questi non aveva creduto nella sua innocenza. David decide così di lasciare Storybrooke, spezzando il cuore alla povera Mary Margaret. Quando la maledizione viene spezzata, i due si riuniscono dopo aver riottenuto i loro ricordi.

Regina Cattiva/Ursula/Regina Mills[modifica | modifica sorgente]

La Regina Cattiva (Lana Parrilla) è la seconda moglie di Re Leopold, che però non ama, e matrigna di Biancaneve. Da giovane era completamente diversa da quella che è ora e si innamorò di uno stalliere, Daniel (Noah Bean). Quando Biancaneve era una ragazzina, Cora, madre di Regina, fece imbizzarrire il cavallo sul quale la bambina stava cavalcando, per far sì che Regina la salvasse. Re Leopold, come segno di gratitudine, volle sposarla per ridare a Biancaneve una figura materna. Avendo deciso di fuggire con Daniel, Regina fece promettere a Biancaneve di mantenere il loro segreto, ma questa fu ingannata da Cora e le rivelò il piano di fuga della coppia, portando all'uccisione di Daniel e al matrimonio obbligato di Regina con il Re. Da allora, Regina desiderò di distruggere la felicità di Biancaneve per vendicare la morte di Daniel. Come prima fase del suo piano di vendetta, uccise il Re sfruttando l'amore per lei provato dal Genio della lampada, divenendo unica sovrana del Regno. Dopo ciò, iniziò a cercare un modo per uccidere Biancaneve, inizialmente assoldando un Cacciatore. Questi ebbe però pietà di Biancaneve, e Regina lo punì strappandogli il cuore dal petto e rendendolo suo servitore. Accusò poi Biancaneve di tradimento, mettendo una taglia sulla sua testa e riuscendo a farla cadere in uno stato di morte apparente, facendole mangiare una mela avvelenata. Invece, fu risvegliata da un bacio del Principe Azzurro, con cui si sposò. Il giorno delle nozze, Regina promise che avrebbe gettato una maledizione su tutti gli abitanti della Foresta Incantata, una maledizione che le avrebbe garantito di essere la sola ad avere un lieto fine. Aveva precedentemente consegnato la formula di questa maledizione all'amica Malefica, in cambio dell'incantesimo del sonno da utilizzare per la mela di Biancaneve, ma se lo riprese con la forza. Inizialmente ebbe difficoltà ad evocare il Sortilegio, e per questo fece visita al suo creatore, Tremotino/Signor Gold. In cambio dell'aiuto richiesto, questi le chiese lusso e rispetto nel "nuovo mondo" in cui sarebbero stati mandati e la promessa che Regina avrebbe fatto qualsiasi cosa lui avesse voluto, se chiesto "per favore". Regina capì così di dover usare il cuore della persona che più amava, suo padre Henry; con riluttanza, lo uccise e diede atto al Sortilegio Oscuro. Poco dopo, si recò al castello di Biancaneve, dove annunciò alla Principessa e al Principe che la maledizione li avrebbe portati in un posto "assolutamente orribile". Apparentemente, il suo desiderio di "vincere almeno una volta" la portò ad ottenere la sua vendetta.

Lana Parrilla interpreta Regina Mills

A Storybrooke, è il sindaco Regina Mills. Inizialmente è felice per essere riuscita a compiere la sua vendetta, ma poi s'intristisce perché non la può condividere con nessuno in città, essendo l'unica a ricordarsi tutto della sua vita nel mondo delle fiabe. Incontra il piccolo Owen e suo padre, che si trovavano nelle vicinanze proprio mentre Storybrooke veniva creata dal sortilegio. Regina si affeziona a Owen e invita lui e suo padre a rimanere in città, ma loro rifiutano, così Regina ordina alla sceriffo Graham, tenendo il suo cuore in mano, di arrestare il padre, ma Owen riesce a scappare e a oltrepassare il confine della città. Regina non lo può più rivedere e questo addio fa nascere in lei il desiderio di avere un bambino. Diciotto anni dopo, con l'aiuto del Signor Gold adotta un maschietto che chiama Henry, come suo padre. A causa dei continui pianti del bambino, Regina cerca informazioni sui suoi genitori biologici e scopre così che Henry è il figlio della figlia di Biancaneve e il Principe Azzurro. Inizialmente Regina decide di rispedire Henry a Boston e di adottare un altro bambino, ma all'ultimo momento cambia idea e lo riporta a casa sua. Inoltre, beve una pozione magica per non tormentarsi con il pensiero di un possibile arrivo della madre biologica di Henry a Storybrooke. Dopo che Henry trova Emma Swan, la relazione tra lui e Regina diventa molto tesa: egli preferisce passare più tempo con la madre naturale e costantemente si ribella e mente per stare con lei. A causa di ciò, e dopo aver capito chi fosse in realtà Emma, Regina le è ostile ed è determinata a tenerla lontana da Henry, arrivando a proibirle di vederlo senza il suo permesso e a minacciarla di richiedere un ordine restrittivo. Regina è anche determinata a convincere Henry che la sua teoria sulla maledizione non è vera; per questo, cominciò a richiedere delle sedute al psicoterapeuta Archie Hopper per il figlio. Quando i metodi di questo si rivelano però troppo deboli, Regina lo obbliga a convincere Henry della pazzia delle sue teorie; Archie però si rifiuta e la minaccia di dichiararla una madre inadatta se avesse continuato a interferire con le sessioni. Regina ha anche una relazione sessuale con lo sceriffo Graham, in realtà il Cacciatore, che però la lascia una volta recuperati alcuni ricordi della sua vita passata. In preda alla gelosia, Regina stritola il suo cuore, uccidendolo, dimostrando di ricordarsi della sua identità come Regina Cattiva. Inoltre, manipola la fiducia di Emma in Sidney Glass per tenerla d'occhio. Cerca anche di evitare la relazione tra David Nolan e Mary Margaret Blanchard, facendo ricongiungere David con la moglie Kathryn, sfruttandola per screditare Mary Margaret quando il matrimonio dei coniugi giunge a termine, e bruciando la lettera scritta da Kathryn, in cui la donna ammetteva di non aver mai amato David e gli consigliava di stare con Mary Margaret. La lotta per il potere tra Regina e Tremotino continua anche a Storybrooke: i due sono sempre in contrasto l'un l'altra. Il Signor Gold aiuta, infatti, Emma a vincere le elezioni da sceriffo contro il prescelto di Regina, Sidney. Alla fine le rivela anche di ricordarsi di essere Tremotino. Regina tiene rinchiusa Belle, il vero amore di Tremotino, nel reparto psichiatrico dell'ospedale di Storybrooke. Nonostante la rivalità, Regina si accorda con lui per assicurarsi il coinvolgimento di Mary Margaret nel presunto omicidio di Kathryn, nascondendo una chiave nella sua cella, conscia che Mary Margaret l'avrebbe usata per scappare. Regina si arrabbia con Gold quando scopre che Mary Margaret ha fatto esattamente le mosse che si aspettava, se non che poi è tornata nella sua cella. È ancor di più sconvolta quando scopre che Gold non ha mai ucciso Kathryn, ma l'ha liberata dopo averla tenuta prigioniera. Convince così Sidney a prendersi la colpa di tutto, ma Emma rivela a Regina di sapere la verità e di voler impegnarsi per ottenere la custodia esclusiva di Henry. Durante un incontro nel cortile della scuola dove insegna, Mary Margaret dice Regina di sentirsi dispiaciuta per lei, perché si sente in bisogno di ferire gli altri per stare meglio. Henry ammette poi a Regina di sapere che ha cercato di incastrare Mary Margaret, ma che questo non cambierà nulla, perché Biancaneve e il Principe alla fine si ritroveranno. Quando il Signor Gold le suggerisce che forse il prezzo da pagare per aver scatenato la maledizione è dire addio a Henry, questa replica che deve semplicemente liberarsi di Emma. Gold rifiuta di continuare ad aiutarla, così lei si rivolge a Jefferson. Con l'aiuto della poca magia rimastole, i due riescono a recuperare la mela avvelenata, appena morsa da Biancaneve, dalla Foresta Incantata. Regina la usa per preparare un Appelflap, e quando Emma le annuncia che l'intenzione di lasciare Storybrooke solo se Regina le permetterà di vedere Henry, accetta l'accordo e dà ad Emma il dolce come regalo per il viaggio. Quando Gold capisce il suo piano, le ricorda che la magia ha sempre un prezzo. Infatti Henry mangia il dolce per convincere Emma dell'esistenza del sortilegio e viene ricoverato, incosciente, all'ospedale; Regina aiuta Emma a recuperare un'ampolla contenente il vero amore messo al sicuro nel corpo di Malefica, nella sua forma di drago. Il Signor Gold inganna però Emma e le sottrae il filtro. Al capezzale del figlio ormai "morto", Emma lo bacia sulla fronte, risvegliandolo e rompendo il Sortilegio Oscuro. Quando gli altri personaggi, recuperati i loro ricordi, avvertono Regina di trovarsi presto un posto sicuro, questa dice ad Henry che lo ha sempre amato, e torna a casa piangendo, triste di non essere più la madre di Henry. Non appena, però, una nuvola viola densa di magia comincia ad avvolgere la città, sorride compiaciuta. In seguito Regina scopre che la magia non funziona più come nel Regno delle Favole e dopo essere attaccata da cittadini infuriati con lei, viene arrestata da Emma, David e Mary Margaret. Nel frattempo, Tremotino adirato con lei per aver tenuto rinchiusa Belle per ventott'anni, decide di "marchiarla" e manda un demone che dovrà ucciderla succhiandole via l'anima. Regina riesce a salvarsi con l'aiuto di Emma, che si sacrifica al posto suo e viene rusucchiata dal Cappello Magico con Mary Margaret. Dopo la scomparsa della madre, Henry adirato con lei, deciderà di andar a vivere con David e la implora di lasciarli in pace. Regina si fa dare un libro di incantesimi da Tremotino, un tempo appartenuto a prima alla madre e poi a lei e inizia a riprendere i suoi poteri; Minacciando di fare del male ad altre persone con i poteri appena recuperati, riuscirà a convincere Henry ad andare con lei, ma di fronte l'infelicità del figlio deciderà di lasciarlo andare con suo nonno.

Nel Regno delle Favole, Regina cerca di scappare dalla madre. Inizia ad avere delle strane visioni su di lei che uccide Biancaneve. Per paura di diventare come sua madre, Regina deciderà di invocare colui che ha dato i poteri a sua madre per aiutarla: Tremotino. Tremotino aiuterà Regina dandole uno specchio che l'aiuterà a liberarsi di Cora. Regina spinge la madre attraverso lo specchio e riesce a liberarsi di lei. In seguito, afferma che ha provato felicità ad usare la magia e perciò chiederà a Tremotino di aiutarla ad imparare, senza farla diventare come sua madre.

Principe Azzurro/David Nolan[modifica | modifica sorgente]

Josh Dallas interpreta David Nolan

Il Principe James "Azzurro" (Josh Dallas) era inizialmente un povero pastore, il cui gemello fu dato a Re George come erede in seguito a un accordo stipulato tra quest'ultimo e Tremotino. Il vero Principe James fu ucciso durante un combattimento, subito dopo aver accettato la proposta di Re Mida di uccidere un drago, in cambio di oro; il pastore prese così il posto del gemello in cambio di prosperità per la fattoria della madre e la promessa che un giorno sarebbe potuto tornare a casa. Prese così il nome del fratello e, inaspettatamente uccise da solo il drago. Mida dichiarò così James degno di sposare la figlia Abigail e unire così i due regni, inconsapevole che né il vero James né il falso erano di sangue reale. James, volendo sposarsi per amore, cercò di rifiutare, ma George gli ricordò la promessa fatta e minacciò di uccidere sua madre se il matrimonio non fosse stato celebrato. James, con riluttanza, accettò. Disse così addio a sua madre, da cui ricevette l'anello di fidanzamento donatole dal padre. L'anello fu però rubato e rivenduto da Biancaneve, che gli diede il soprannome di "Principe Azzurro". La coppia si innamorò nel tentativo di recuperare il gioiello dai troll, cui la Principessa l'aveva venduto. Dopo aver ripreso ognuno la propria strada, James le scrisse una lettera, dicendole che se lo amava doveva raggiungerlo al castello prima del matrimonio, così che potessero fuggire insieme. Biancaneve lo raggiunse, ma Re George la catturò e la obbligò a dire a James di non amarlo, ricattandola con la promessa che, se lei non avesse fatto altrimenti, lo avrebbe ucciso, finto la sua morte per un incidente, e con un po' di fortuna facendo comunque unire i due regni grazie alla pietà di Mida per George. Biancaneve accettò, ma James fuggì comunque prima del matrimonio. Abigail capì che James non voleva sposarla, e ammise che neppure lei desiderava sposarlo, poiché era innamorata di un altro. Così lo aiutò a scappare, dandogli anche delle provviste e un cavallo per il viaggio, durante il quale dovette combattere contro i cavalieri di Re George per sopravvivere; in questo, fu aiutato anche da Cappuccetto Rosso. Ritrovata Biancaneve, scoprì che lei, a causa di una pozione magica, non aveva alcun ricordo di lui e che stava diventando malvagia. Per evitare che uccidesse la Regina Cattiva, si frappose tra quest'ultima e la freccia scagliatole contro da Biancaneve, dicendole che avrebbe preferito morire piuttosto che lasciarla diventare malvagia. Quando capì che egli era disposto a morire per salvarla, Biancaneve lo baciò e riacquistò la memoria. La coppia venne nuovamente separata quando i cavalieri di Re George catturarono il Principe. Al momento della sua decapitazione, fu salvato dalla Regina, che lo incatenò nelle sue segrete e lo usò per convincere Biancaneve a mordere spontaneamente una mela avvelenata, che la fece cadere in uno stato di morte apparente. James riuscì però a ritrovarla e a risvegliarla dal suo sonno incantato con un bacio, e i due si sposarono. Al matrimonio, la Regina annunciò che avrebbe scatenato sulla Foresta Incantata un Sortilegio, che avrebbe privato tutti i suoi abitanti dei loro lieti fine. James e Biancaneve chiesero consiglio a Tremotino, il quale rivelò che Emma, la figlia che stavano aspettando, avrebbe rotto la maledizione. Emma nacque poco prima che la maledizione prendesse il sopravvento, e James riuscì a nasconderla nella teca magica (costruita da Geppetto e Pinocchio, su indicazione della Fata Turchina) che l'avrebbe protetta dal Sortilegio. Viene però ferito gravemente dai cavalieri della Regina poco dopo averlo fatto: l'ultima cosa che vide prima di svenire, furono i cavalieri aprire la teca, ma non trovarvi la bambina.

A Storybrooke, appare inizialmente come lo sconosciuto John Doe, in stato comatoso da diversi anni. Si risveglia dopo che Mary Margaret gli ha letto la storia di Biancaneve e del Principe Azzurro. Poco dopo rincontra la moglie Kathryn Nolan (Principessa Abigail), e viene identificato come David Nolan. Viene rivelato come i due si sono separati dopo un litigio e, senza che Kathryn lo sapesse, lui finì in coma. Risvegliatosi, David soffre di amnesia e non riesce a ricordarsi della sua vita con Kathryn; capisce però di amare Mary Margaret, e lascia la moglie per stare con lei. Quando però i falsi ricordi del suo matrimonio cominciano a ritornare, decide di cercare di risolvere le cose con Kathryn. Non riesce però a sopprimere l'amore per Mary Margaret, e i due iniziano una relazione segreta. Kathryn viene più tardi ammessa ad una facoltà di legge a Boston, ma David le dice di non poterla seguire, e suggerisce di porre fine al matrimonio. Kathryn scopre della sua relazione con Mary Margaret, ma capisce che nel suo matrimonio non c'era mai stato amore; decide così di partire per Boston da sola. Scrive una lettera a David, in cui augura il meglio a David e a Mary Margaret e che li perdona. Regina brucia però la lettera prima che David possa leggerla, e Kathryn scompare poco dopo. David diventa il primo sospettato, a causa di una telefonata fatta alla moglie poco prima della sua scomparsa e perché comincia a mostrare comportamenti molto strani, di cui non riesce però a ricordarsi. I sospetti su David cadono quando le impronte digitali di Mary Margaret vengono trovate su un cofanetto contenente un cuore umano, il cui DNA appartiene a Kathryn. Per provare l'innocenza di Mary Margaret, chiede aiuto a Archie Hopper per ricordare le sue azioni durante i suoi black-out; invece, riottiene alcuni ricordi del Principe James, e in particolare dell'istante in cui diceva a Biancaneve di non uccidere la Regina. Pensando che si trattino di ricordi ben più recenti, crede di aver chiesto a Mary Margaret di non uccidere Kathryn. Inizia così a dubitare della sua innocenza. Quando Kathryn viene ritrovata viva, David va a trovarla in ospedale, dove Kathryn ammette di non essere più arrabbiata, in quanto è la prima a vedere che Mary Margaret e lui sono fatti per stare insieme; il loro matrimonio finisce così in buoni rapporti. Invece, Mary Margaret è arrabbiata per i dubbi di David sulla sua innocenza, e rifiuta di parlare con lui. David decide così di trasferirsi a Boston e chiede a Mary Margaret una ragione per rimanere a Storybrooke, ma questa non gliene dà alcuna. Nel momento in cui si trova ai confini della cittadina, il Sortilegio viene spezzato e David riacquista tutti i suoi ricordi. Ritorna così in città e si riunisce con Biancaneve e sua figlia e insieme aiutano Regina a liberarsi dal demone succhia-anime, ma sua moglie ed Emma verranno risucchiate dal Cappello Magico. Prenderà in custodia Henry, dando inizio all'Operazione Vipera che consiste nel ritrovamento di Mary Margaret ed Emma. Prometterà ai cittadini di Storybrooke che li proteggerà.

Henry Mills[modifica | modifica sorgente]

Henry Mills (Jared S. Gilmore) è il figlio di dieci anni per cui Emma richiese un'adozione chiusa dopo averlo partorito in prigione; è quindi nipote di Biancaneve e del Principe Azzurro. È stato adottato da Regina Mills tramite l'aiuto del Signor Gold; il nome Henry gli è stato dato in onore del padre di Regina. Henry ha ricevuto il suo prezioso libro di favole dalla sua insegnante, Mary Margaret, e tramite questo ha scoperto che gli abitanti di Storybrooke sono in realtà personaggi del suo libro, dopo aver notato di essere l'unica persona in tutta la cittadina a subire delle modifiche nell'aspetto. La consapevolezza che Regina è la Regina Cattiva lo estrania maggiormente da lei, così la madre adottiva lo obbliga a delle sedute con lo psicoterapeuta Archie Hopper, con la speranza di domare la sua ribellione e l'incrollabile consapevolezza della reale esistenza della maledizione. Sperando di rompere il Sortilegio e di scoprire perché è stato dato in adozione, Henry trova la madre biologica, Emma, e la porta a Storybrooke. Inizia così con lei un progetto segreto, denominato "Operazione Cobra", per aiutare Emma a far rivivere nei cittadini i ricordi della Foresta Incantata, nonostante il suo rifiuto. Inizia così a passare più tempo che può con Emma, spesso mentendo a Regina per allontanarsi da lei. Questa vieta, però, a Emma di vedere Henry senza il suo permesso. Questo non tiene però il ragazzino lontano dalla sua vera madre. Il suo desiderio più grande è vivere con Emma, ma solo dopo che questa avrebbe spezzato la maledizione. Scopre che August Booth è in realtà Pinocchio e che si sta ritrasformando in un pezzo di legno; poco dopo viene a conoscenza del fatto che Emma ha ricevuto un Appleflap da Regina e capisce che è avvelenato. Per proteggere Emma e dimostrarle la veridicità della maledizione, ne mangia un pezzo e cade a terra incosciente. Quando viene ricoverato in ospedale, Emma inizia finalmente a credere al Sortilegio. Poco dopo che i dottori comunicano che non c'è più niente da fare e ne sentenziano la morte, Emma, in lacrime, dice ad Henry di volergli bene e gli dà un bacio sulla fronte. Il bacio lo risveglia e rompe la maledizione.

Grillo Parlante/Archibald "Archie" Hopper[modifica | modifica sorgente]

Raphael Sbarge interpreta Archie Hopper

Il Grillo Parlante (Raphael Sbarge/Adam Young da bambino) era il figlio di due truffatori. Disapprovando gli inganni dei genitori, desiderava vivere una vita onesta, ma era troppo poco coraggioso per abbandonarli. Chiese così a Tremotino una pozione che potesse aiutarlo a liberarsi dei genitori. Inavvertitamente, però, la pozione fu ingerita da una coppia, che fu trasformata in un paio di marionette. Chiese quindi alle stelle, come desiderio, che i due tornassero normali, ma la Fata Turchina, apparsale, gli disse che non era in suo potere annullare la magia nera di Tremotino. Così, lui desiderò di fare solo la cosa giusta, e la fata lo trasformò in grillo così che potesse abbandonare i genitori e guidare il figlio della coppia, Geppetto, per tutta la sua vita. Più tardi aiutò i Sette Nani a confrontarsi con Biancaneve riguardo l'indole aggressiva causatale da una pozione; il confronto portò però la Principessa a comprendere di voler uccidere la Regina Cattiva. Più tardi informò il Principe James che l'unico modo per farle riacquistare i ricordi era farle ricordare chi fosse in realtà. Più tardi, consigliò agli abitanti della Foresta Incantata di non muovere guerra contro la Regina, ma di trovare una soluzione più pacifica. Quando la Fata Turchina chiese a Geppetto di costruire una teca magica per salvare Emma, questi obbligò la Fata a trovare un modo per far andare anche Pinoccho assieme alla piccola. Il Grillo Parlante sottolineò a Geppetto come questo fosse sbagliato, ma questi gli rinfacciò il fatto di aver trasformato i suoi genitori in burattini mettendolo davanti alla cruda realtà che non avrebbe mai potuto ripagare veramente il debito che aveva nei suoi riguardi, e che se voleva cominciare a farlo doveva tirarsi fuori da quella storia.

A Storybrooke, è il dottor Archie Hopper, lo psicoterapeuta della cittadina. Ha un dalmata di nome Pongo e molto spesso porta con sé un ombrello, proprio come faceva nella Foresta Incantata. È molto amico di Marco, che in realtà è Geppetto. Ad Archie viene chiesto da Regina di convincere Henry che le sue idee sulla maledizione e sulle vere identità dei cittadini di Storybrooke sono assolutamente folli. Quando i progressi sono scarsi, Regina lo obbliga a prendere un approccio più radicale. Nonostante questo significhi andare contro ciò che gli dice la sua coscienza, inizialmente ubbidisce alla richiesta. Archie più tardi confida ad Henry che vuole essere libero di fare quello che vuole, e Henry gli dice che il Grillo Parlante era un uomo che richiese parecchio tempo a decidere quale fosse la cosa giusta da fare. Archie si scontra così con Regina e la minaccia che, se continua a interferire nelle sue sedute con Henry, la dichiarerebbe una madre inaffidabile. Archie più tardi ipnotizza David per aiutarlo a ricordare i fatti avvenuti quando questi era in stato confusionale, riportandogli alla mente alcuni fatti avvenuti nella Foresta Incantata. Riceve pure una visita dal signor Gold e lo aiuta a trovare il coraggio di essere sincero con il suo (falso) figlio. Quando Emma rompe la maledizione, riacquista tutti i ricordi del Grillo Parlante.

Cacciatore/Sceriffo Graham Humbert[modifica | modifica sorgente]

Il Cacciatore (Jamie Dornan), il cui vero nome è sconosciuto, era un uomo solitario e senza amici. Abbandonato dai genitori ancora piccolo, fu allevato e cresciuto dai lupi. La Regina lo considerò come l'assassino perfetto, e lo assoldò per uccidere Biancaneve, cui avrebbe dovuto strappare il cuore e portarlo, come prova dell'avvenuto omicidio, alla Regina stessa. Essendo stato allevato dai lupi, li considerava la sua vera famiglia, ed era sempre molto commosso nell'uccidere un animale; non esitava però ad uccidere altri uomini, che vedeva come creature egoiste e senza onore. Quando riuscì ad isolare Biancaneve, le dimostrò inavvertitamente la purezza del proprio cuore e il suo altruismo, lasciandola fuggire e offrendo alla Regina il cuore di un cervo. Quando questa scoprì di essere stata ingannata, strappò il cuore dal petto al cacciatore, inserendolo nel suo mausoleo adibito a collezione e usandolo per renderlo suo schiavo, minacciandolo di morte solo strizzando il cuore in caso di un ulteriore tradimento. Quando il Principe James fu scortato al luogo della sua esecuzione, il Cacciatore lo aiutò a fuggire uccidendo una guardia che aveva cercato di fermarlo. Quando James gli propose di seguirlo, il Cacciatore rifiutò, chiedendogli di non lasciare che il suo sacrificio (la perdita del suo cuore) fosse stato vano. Dopo la fuga di James, il Cacciatore propose alla Regina di andare lui stesso a cercarlo, ma questa usò lo Specchio Magico per rintracciarlo.

Jamie Dornan interpreta lo sceriffo Graham

A Storybrooke, è lo sceriffo Graham, il bell'ufficiale di polizia di grado più alto della cittadina, la cui controparte è meno ovvia di quella degli altri cittadini di Storybrooke (viene rivelata solo nel settimo episodio della prima stagione). Prova di avere un'ottima mira nell'usare le frecce, e conosce molto bene la foresta che circonda Storybrooke. È anche uno dei pochi abitanti che si oppongono apertamente a Regina: prima rifiutandosi di arrestare nuovamente Emma Swan dopo averlo già fatto (Emma lo aveva convinto della sua innocenza), e poi nominandola suo vice. Diventa presto chiaro ai cittadini (e a Regina) che lui e Emma provano un'attrazione reciproca. Graham ha però una relazione segreta con Regina e Emma si sente tradita per non esserne stata messa a conoscenza e per il fatto che lo sceriffo l'ha tenuta nascosta fingendo di avere altri impegni lavorativi. Graham ammette che per Regina "non prova niente" e di voler provare qualcosa con qualcun altro. Per provargli questo, bacia Emma, riacquistando inavvertitamente alcuni dei suoi ricordi come Cacciatore. Emma però lo rifiuta, disgustata dalla sua relazione con Regina. Vedendo i continui flashback della sua vita passata, Graham chiede aiuto a Henry, che gli racconta la storia del Cacciatore e del suo cuore strappato. Graham va così alla ricerca del suo cuore nella cripta di Regina, nascosta sotto il mausoleo di suo padre, non riuscendo però a trovarvi l'entrata. Pone così fine alla loro relazione, insistendo che Emma non ha niente a che fare con ciò. Poco dopo, bacia nuovamente Emma, ma questa volta il bacio è reciproco: riottiene così tutti i suoi ricordi di Cacciatore. Regina, però, recupera il suo cuore dalla sua cripta e lo stritola, facendo morire Graham tra le braccia di Emma. Le sue ultime parole sono di ringraziamento verso quest'ultima, per averlo aiutato a ricordare chi fosse davvero.

L'attore Jamie Dornan affermò di sapere della morte di Graham prima dell'inizio delle riprese dell'episodio pilota della serie.[1] I produttori Edward Kitsis e Adam Horowitz commentarono che la morte di Graham era programmata da sempre, come prova di quanto il Sortilegio fosse serio e pericoloso; pensavano infatti che l'uccisione di un personaggio minore non avrebbe sortito lo stesso effetto. Nonostante la morte di Graham, i produttori hanno affermato che, vista la popolarità del personaggio, avrebbero provato a "smuovere cielo e terra" per riproporre nuovamente il Cacciatore. Nell'episodio finale della prima stagione, questo ha infatti fatto un'apparizione a sorpresa, e la possibilità di un eventuale ritorno sotto forma di flashback è ancora aperta.[2]

Tremotino/Coccodrillo/Bestia/Signor Gold[modifica | modifica sorgente]

Tremotino (Robert Carlyle) era inizialmente un povero filatore che aveva disertato le Guerre degli Orchi (in seguito alle previsioni infauste di una giovane veggente), portando così la ex moglie ad abbandonare lui e il giovane figlio Baelfire (fuggendo con un pirata, Killian Jones). Quest'ultimo sarebbe dovuto essere arruolato per un'altra Guerra al compimento dei quattordici anni, così come erano obbligati tutti i fanciulli del loro villaggio. Per salvarlo dalla Guerra, cercarono di fuggire, ma furono scoperti dai soldati. Tremotino fu umiliato pubblicamente, e a Baelfire fu rivelato il passato da disertore del padre. I due incontrarono poco dopo un povero mendicante, che gli raccontò la storia del magico pugnale su cui era inciso il vero nome del Signore Oscuro, uno stregone sfruttato dai soldati per tenere gli abitanti del villaggio sotto il loro controllo. Il Signore Oscuro serviva il possessore del pugnale e, se fosse stato ucciso con lo stesso, l'assassino avrebbe ottenuto tutti i suoi poteri e sarebbe diventato il nuovo Signore Oscuro. Tremotino rubò così il pugnale e uccise lo stregone, che rivelò, solo dopo essere stato pugnalato, di essere il mendicante incontrato poco tempo prima: infatti questo pensava che l'essere il Signore Oscuro fosse un fardello troppo pesante, e usò così la disperazione di Tremotino per passare a lui questo peso, affermando di saper "riconoscere un'anima disperata". Il nome sul pugnale divenne quello di Tremotino, e questi si trasformò nel nuovo Signore Oscuro. Uccise così i soldati, salvando Baelfire dalla guerra, ma il figlio e gli altri abitanti divennero intimiditi da lui. Più tardi, Tremotino accettò l'offerta del figlio di trovare un modo per liberarsi dei suoi poteri; quando Baelfire ricevette dalla Fata Turchina un fagiolo magico che avrebbe potuto portarli entrambi in un mondo senza magia, Tremotino si impaurì al pensiero di perdere i suoi poteri, e Baelfire attraversò il portale tra i due mondi da solo. Il Signore Oscuro incolpò così la Fata per la scomparsa di Baelfire e promise di creare un Sortilegio che potesse riunirli, un giorno. Divenne così l'essere più potente e più temuto di tutta la Foresta Incantata, e iniziò uno scontro per il potere con Regina Cattiva, causando una profonda rivalità tra i due. Ottenne anche il potere di vedere il futuro, datole dalla veggente che aveva incontrato anni prima alla morte di lei. Tremotino iniziò a stringere accordi con gli abitanti della Foresta, continuando ad avvertirli che "la magia ha sempre un prezzo". Tra gli accordi più infami ci furono quelli con il Grillo Parlante e Cenerentola; strinse un accordo con la giovane Cora, madre di Regina, per insegnarle a tessere oro dalla paglia (fu da ciò che Cora venne iniziata alla magia, dimostrando ben presto la sua astuzia e perfidia, raggirando lo stesso Tremotino, con cui ebbe una breve relazione a seguito della quale si tolse il cuore per non essere debole a causa dell'amore per l'Oscuro); fu lui ad insegnare a Regina le arti magiche, prima usandola per liberarsi di Cora (spedita nel Paese delle Meraviglie con uno specchio magico), diventata opprimente per la donna, poi raggirandola più volte (facendole credere che era possibile resuscitare i morti tramite le arti del Dottor Frankenstein) per far sì che diventasse decisa a far uso della magia (in quanto, avendo il potere di vedere il futuro, lei sarebbe stata indispensabile per il Sortilegio); diede a Biancaneve una pozione che le avrebbe fatto perdere ogni ricordo di James in cambio di un capello; successivamente le diede un arco per uccidere Regina, sostenendo di volerla vedere insieme a James. A quest'ultimo, invece, rivelò la posizione in cui Biancaneve avrebbe attentato alla vita di Regina, in cambio del suo mantello, da cui prese un capello. Con i capelli dei due giovani, Tremotino riuscì a imbottigliare il vero amore.

Robert Carlyle interpreta il signor Gold

Per salvare il regno di sir Maurice dalla Guerra degli Orchi, la figlia di quest'ultimo, Belle, divenne sua governante. Nel tempo i due cominciarono a creare un legame, e Tremotino le permise di lasciare il suo castello per comprare della paglia, non aspettandosi che tornasse. Fu però sorpreso dal suo ritorno, e i due si baciarono: Tremotino iniziò a ritornare ad essere un umano. Dopo aver scoperto dell'incontro tra Belle e Regina, però, si convinse che la giovane fosse una spia di Regina, e questo fermò la trasformazione. Nella sua furia, rifiutò Belle e la chiuse nelle segrete. Preso dalla collera, distrusse tutti gli oggetti preziosi che possedeva, con l'eccezione di una tazza da tè accidentalmente sbeccata dalla giovane. Poco dopo, cacciò la ragazza dal castello, affermando che il suo potere era più importante di lei. Belle lo lasciò non prima di averlo avvertito che avrebbe rimpianto la sua decisione. Mesi dopo, Regina fece visita al castello di Tremotino, e gli mentì, dicendogli che Belle fu imprigionata e torturata dal padre a causa del tempo trascorso con lui, e alla fine si uccise. Con il cuore spezzato, posizionò la tazza sbeccata al posto d'onore della sua collezione, piangendo silenziosamente. Dopo aver incontrato nuovamente il pirata con cui era scappata la moglie, scopre che lei è ancora viva. Deluso per la mancanza di amore che lei gli aveva sempre dimostrato dopo la aver disertato, la uccise sbriciolandone il cuore. In seguito, strinse un nuovo accordo con il Principe James: in cambio di un aiuto su come ritrovare Biancaneve, il giovane avrebbe dovuto nascondere l'ampolla contenente il vero amore dentro allo spaventoso mostro che dimorava nel castello posizionato sulla Montagna Proibita; il mostro si rivelò in realtà essere la strega Malefica. Compiuta la sua parte dell'accordo, Tremotino fece un incantesimo all'anello di fidanzamento destinato a Biancaneve, in modo che si potesse illuminare sempre più mano a mano che la distanza tra lei e James diminuiva. Grazie a questo, il Principe la ritrovò e poté risvegliarla dal suo sonno mortale con un bacio. Fu imprigionato da una piuma incantata dalla Fata Turchina, in modo da permettere a Cenerentola di tenere il figlio che ancora doveva nascere, a lui dovuto come parte dell'accordo stipulato tra i due. Venne così rinchiuso nelle segrete del Principe James. A un certo punto, la Regina si impossessò del suo Sortilegio. Quando, però, non riuscì a compierla e chiese al suo creatore consiglio, Tremotino pretese di vivere nel lusso e nel rispetto nel "nuovo mondo", e la promessa da parte di Regina di fare qualunque cosa lui le chiedesse "per favore".

A Storybrooke, è il Signor Gold, il cittadino più ricco della città nonché proprietario di un negozio di pegni. Ha aiutato a costruire la città e ne possiede la maggior parte, incluso il Bed & Breakfast "Da Granny". È lui che ha procurato l'appena nato Henry a Regina, più che certo che fosse il figlio biologico di Emma (l'unica in grado di rompere la maledizione). Così come nella Foresta Incantata, anche a Storybrooke continua a stringere accordi con i cittadini. Accetta di pagare Ashley Boyd (Cenerentola) in cambio di suo figlio ancora non nato, ma accetta anche di rescindere questo contratto in cambio di un futuro favore da parte di Emma. Dopo la morte di Graham, appoggia quest'ultima nelle elezioni del nuovo sceriffo, appiccando un incendio e manipolando il timore nei suoi confronti degli elettori per farla eleggere. Quando Emma vince le elezioni, le ricorda che le deve ancora un favore. Poco dopo, il fioraio Moe French, in realtà padre di Belle, commise un furto a casa del Signor Gold. Emma recuperò tutto tranne la tazza sbeccata che Gold teneva come tesoro in ricordo di Belle. Per recuperarla, questi rapisce Moe e lo tortura; le sue invettive sembrano però mostrare che la punizione di Moe è per aver causato la morte di Belle. Emma li trova e ferma il Signor Gold giusto in tempo, per poi arrestarlo. Poco dopo, Regina gli fa visita in cella, e, in cambio della tazza, vuole sapere il vero nome di Gold. Questi ammette così di ricordarsi di essere Tremotino, e le assicura di essere più potente di quanto lei possa immaginarsi. Quando Mary Margaret viene accusata dell'omicidio di Kathryn Nolan, diventa suo avvocato. Più tardi, Emma inizia a pensare che Regina possa aver incastrato Mary Margaret e gli chiede aiuto per trovare delle prove. In realtà Regina aveva fatto un accordo con lui per assicurare la condanna di Mary Margaret, e Regina aveva messo una delle sue chiavi nella cella di Mary Margaret su suo suggerimento. Quando il signor Gold scopre August nel suo negozio, inizia a pensare che possa essere Baelfire. Ammette così di rimpiangere di non averlo seguito, e che vuole essere perdonato. Gold capisce però che August non è suo figlio quando questi cerca di controllarlo usando il pugnale seppellito da lui stesso. August rivela di avere una malattia mortale, e che la sua unica speranza è la magia; ma vedendo la perseveranza di Emma a non credere, crede che la magia tornerà a Storybrooke troppo tardi per lui. Neppure il signor Gold può aiutarlo, vista l'assenza di magia, e dice ad August di trovare un altro modo. Regina gli chiede aiuto per sconfiggere Emma; Gold però rifiuta, poiché spera nella rottura del Sortilegio. Quando Henry morde il dolce fatto dalla matrigna e destinato a Emma, viene avvelenato; Gold informa Emma come trovare un'ampolla di vero amore, l'unico antidoto al coma di Henry: è ancora nel corpo di Malefica, la cui punizione consiste nel rimanere imprigionata nelle caverne sotterranee della città sottoforma di drago. Riesce però a sottrargliela con l'inganno e a portarla nel suo negozio. Qui, Belle lo trova e gli dice che Regina l'ha tenuta prigioniera: un commosso Gold la abbraccia e le promette di proteggerla. Quando il Sortilegio viene spezzato, i due sono nella foresta. Gold scopre che Belle ha riacquistato i suoi ricordi, e le rivela il suo amore per lei. La conduce poi a un pozzo che possiede "il potere di restituire ciò che è stato perso": gettando l'ampolla di vero amore nelle sue acque, ne fa fuoriuscire una nuvola viola che avvolge l'intera cittadina, una nuvola che riporterà la magia a Storybrooke. Nella seconda stagione viene approfondito il suo rapporto con Belle, alla quale regalerà le chiavi della biblioteca di Storybrooke. Continua la ricerca di Baelfire, e parte insieme ad Emma e Henry per New York, dove troverà finalmente suo figlio, che altri non è che Neal, ma verrà pugnalato al cuore da Uncino. Prima della partenza, Belle era stata colpita alle spalle dal pirata, oltrepassando il confine della città e perdendo la memoria. In punto di morte, le telefona e riafferma il suo amore. Salvatosi grazie a Mary Margaret, che uccide Cora, cercherà in tutti i modi di far sì che Belle ricordi la propria identità, ma lei non gli crede, e, anzi, Regina le dà dei falsi ricordi, rendendola un'alcolizzata. . Dopo aver perso di nuovo Baelfire/Neal, che cade in un portale aperto da Tamara e Greg, restituisce la memoria a Belle con una pozione, e, nella terza stagione, parte per l'Isola Che Non C'è per salvare Henry insieme ad Emma, Mary Margaret, David, Regina e Uncino. Lì nasconde il pugnale, privandosi della propria ombra, ritrova Neal e affronta Peter Pan (che è in realtà suo padre Malcolm, corrotto dal potere dell'Ombra), imprigionandolo. A causa di un errore, Pan riesce a fuggire dal suo negozio recandosi al pozzo di Storybrooke e, sacrificando il suo più leale servitore Felix, lancia nuovamente la maledizione sulla città, che questa volta la distruggerà insieme ai suoi abitanti. Per contrastare il nuovo sortilegio Regina, unica persona in grado di romperlo, strappa la pergamena magica riportando Storybrooke nel mondo delle favole e Tremotino si sacrifica per uccidere Pan con il pugnale del Signore Oscuro. Belle e Baelfire lo riportano in vita, e suo figlio si sacrifica, ma lui lo "assorbe" nel proprio corpo per evitare di perderlo, rischiando la pazzia a causa della presenza di due menti nello stesso corpo. Dato che Zelena, la Malvagia Strega Dell'Ovest (sua "alunna"), ha il suo pugnale, è costretto a servirla una volta tornati a Storybrooke, dove Neal si distacca da lui, morendo, per permettergli di sconfiggere la strega. Riesce a tornare libero e aiuta Regina a sconfiggere la sorellastra, che uccide usando il pugnale stesso, vendicando suo figlio. Poi dà il pugnale a Belle, e le chiede di sposarlo. Lei accetta, e con il loro matrimonio si chiude la terza stagione. Ma Emma e Uncino, che erano stati nel passato e lo avevano incontrato, riportano dalla sua cripta una misteriosa urna, dalla quale esce del ghiaccio, che prende la forma di Elsa.

Pinocchio/August Wayne Booth[modifica | modifica sorgente]

Eion Bailey interpreta August Wayne Booth

Pinocchio (Eion Bailey, Jakob Davies da giovane) era una marionetta costruita da Geppetto utilizzando il legno di un albero incantato. Da giovane, si sacrificò per salvare Geppetto durante una tempesta. Come ricompensa, la Fata Turchina lo trasformò in un bambino vero, ricordandogli che l'incantesimo sarebbe durato solo se fosse rimasto buono e altruista. Invece il ragazzino rimase malizioso, anche se con ottime intenzioni. La Fata, poco dopo, chiese a Geppetto di costruire una teca magica che potesse salvare due persone, Biancaneve, incinta, e il Principe James, dalla maledizione della Regina Cattiva; questo, però, avrebbe comportato che Pinocchio, quando la maledizione avrebbe colpito e li avrebbe portati tutti in un altro mondo, sarebbe tornato un burattino, in quanto vero solo per magia. Geppetto si accordò con la Fata per riservare a Pinocchio il secondo posto, e questa mentì agli altri abitanti della Foresta, dicendo che la teca poteva salvare solo una persona. I piani cambiarono quando Emma nacque prima del tempo prestabilito. Invece di cedere a Biancaneve il posto riservato a Pinocchio, come richiesto dalla Fata, Geppetto fece nascondervi il figlio, dopo avergli fatto promettere di proteggere la bambina e di farle credere quando sarebbe arrivato il momento giusto. Dopo essere giunti nel mondo reale, Pinocchio e la neonata Emma furono portati in un orfanotrofio, dove Pinocchio lasciò sola Emma per fuggire dall'edificio con altri ragazzini, in quanto l'uomo che doveva prendersi cura di loro era malvagio.

August Wayne Booth è un giovane uomo misterioso giunto in visita a Storybrooke. Compare in città su una motocicletta e chiede a Henry ed Emma dove può passare la notte, senza però rivelare il suo nome. Egli è arrivato a Storybrooke in quanto, una volta che Emma aveva deciso di rimanere in città (indebolendo così il Sortilegio), lui (che nel frattempo si era dato a divertimenti e vizi) aveva ricominciato a ritrasformarsi in burattino (non essendo rimasto fedele ai principi di altruismo, coraggio e lealtà). Per questo motivo, prima di giungere in città, aveva cercato varie cure, fino ad affidarsi ad un guaritore cinese (che, in qualche modo, era essere dotato di qualche vero potere magico tanto da conosce la sua vera identità): in questa circostanza, incontra Tamara, anche lei in visita al guaritore per motivi di salute. Da lei ruberà alcuni soldi per pagarsi una pozione in grado di bloccare la trasformazione, ma subito scoperto perde tale cura. A questo punto, decise di cercare Emma e farle rompere il sortilegio, come da sua missione. Porta sempre con sé uno scrigno di legno il cui contenuto non viene mai rivelato, finché Emma non lo affronta: le rivela così che le mostrerà il contenuto solo se lei accetterà di farsi offrire da bere. Così, le mostra la macchina da scrivere che porta sempre con sé, in quanto scrittore. Poco dopo, si scopre che il libro di favole di Henry, scomparso dopo una tempesta, è in suo possesso. Infine rivela il suo nome quando chiede a Emma di uscire per bere qualcosa insieme, come promesso, ma lei rifiuta perché crede che un uomo che non dice a nessuno come si chiama probabilmente nasconde qualcosa. Più tardi lo si vede riassemblare il libro di favole, danneggiato dalla tempesta; lo nasconde così vicino alla macchina di Emma, per far sembrare che la pioggia l'abbia fatto arrivare fino lì. Quando lo trova, la donna lo restituisce a Henry. Poco dopo, August rivela al ragazzino di credere nella maledizione, e di essere lì per convincere anche Emma. Cerca anche di avere un controllo sul Signor Gold (Tremotino), utilizzando il pugnale della sua controparte fiabesca. August rivela a questo di essere malato mortalmente, e che la sua unica speranza di guarigione è la magia; per questo cerca in tutti i modi di riportarla a Storybrooke, convincendo Emma a credere nella maledizione, anche se pensa che la donna si convincerà troppo tardi. Si scopre che quella che chiama malattia è in realtà una lenta trasfigurazione in burattino, perché ha infranto la promessa fatta a Geppetto. Disperato, cospira con Gold per portare Emma a chiedergli aiuto su come sconfiggere Regina. Quando lo fa, August la porta fuori da Storybrooke per raccontarle la sua storia: le rivela così di essere lui il bambino di sette anni che aveva trovato la neonata Emma. Quando Emma ha deciso di rimanere a Storybrooke, era in giro per il mondo a godersi la vita, e da quel momento e le sue gambe hanno iniziato a provocargli dolore. Cerca così di dimostrare l'esistenza del Sortilegio mostrando a Emma una delle sue gambe, interamente di legno, ma il rifiuto di Emma è così forte da non farle vedere la realtà. Dopo questo va a trovare Marco (Geppetto), e gli dice di aver deluso suo padre e, anche se ha cercato di mantenere la promessa fattagli, ormai è troppo tardi. Marco ammette che se solo avesse un figlio, sarebbe abbastanza. August si offre così di lavorare come suo assistente anche senza essere pagato, affermando che semplicemente gli piace aggiustare gli oggetti. Quando Emma cerca di lasciare Storybrooke, Henry va da August, che gli mostra come anche le sue braccia siano diventate di legno e dice che molto presto tutto il resto del suo corpo farà la stessa fine. Si arrende così nel convincere Emma per passare tutto il tempo che gli resta con suo padre. Quando Emma finalmente crede, cerca aiuto da August, che purtroppo è ormai diventato completamente di legno, eccetto che per gli occhi. Dopo che Emma è riuscita a rompere il Sortilegio, August si rifugia nei boschi in una roulotte, in quanto, pur essendo di nuovo vivo, è rimasto di legno. Il giorno in cui Mary Margaret lo scopre, riceve la visita di Tamara, arrivata a Storybrooke al seguito di Neal, che lo esorta a lasciare la città. Egli, scoperte le sue vere intenzioni, cerca di avvertire Emma e la famiglia, perdendo, a causa della donna, la vita. Prima di morire usa le sue ultime parole per cercare di mettere in guardia Emma; per questo suo gesto leale, coraggioso e altruista, la Madre superiora lo ritrasforma di nuovo in umano: August ritorna bambino, perdendo così tutti i suoi ricordi della vita dopo aver abbandonato la piccola Emma, ma può vivere ora con suo padre a Storybrooke.

Cappuccetto Rosso/Ruby[modifica | modifica sorgente]

Meghan Ory interpreta Ruby

Cappuccetto Rosso (Meghan Ory) viveva insieme alla Nonna, che insisteva sempre per farle indossare un mantello rosso. Era innamorata di un suo amico d'infanzia, il maniscalco Peter, ma la nonna disapprovava questa relazione, per questo la coppia progettava di fuggire insieme, un giorno. Cappuccetto Rosso incontrò Biancaneve quando quest'ultima trovò rifugio nella sua stalla durante il Tempo dei Lupi (periodo di luna piena), quando un lupo uccisore di bestiame ed esseri umani minacciava il loro villaggio. Quando il mostro massacrò una squadra di cacciatori, la gente del villaggio decise di ucciderlo, anche dopo che la Nonna rivelò che lo stesso lupo aveva massacrato la sua famiglia e lasciato a lei una vistosa cicatrice su un braccio. Cappuccetto Rosso e Biancaneve decisero di andare a caccia del lupo da sole, così che la ragazza e Peter potessero stare insieme. Sfortunatamente, le tracce che seguirono indicarono loro come Peter si trasformasse in lupo durante la notte. Biancaneve indossò il mantello rosso per ingannare la Nonna e permettere a Cappuccetto Rosso di raggiungere Peter e convincerlo a incatenarsi per la notte, periodo in cui sarebbe rimasta con lui. La Nonna scoprì però l'inganno, e rivelò a Biancaneve che il lupo era in realtà Cappuccetto Rosso, avendo ereditato una maledizione che la trasformava in lupo nei periodi di luna piena; solo il magico mantello rosso, ottenuto da uno stregone, poteva prevenire la trasformazione. Biancaneve e la Nonna raggiunsero Cappuccetto Rosso troppo tardi: la ragazza, nelle sue sembianze di lupo, aveva già ucciso Peter. La coprirono così con il mantello per farla tornare umana: inorridita dal sapere di aver ucciso Peter, abbandonò il villaggio con Biancaneve. Per tutto il periodo successivo portò a Biancaneve delle provviste ogni mese, e un giorno la informò che il Principe James non aveva ancora annullato il suo matrimonio. Quando il Principe giunse alla ricerca di Biancaneve, Red lo informò che questa non era mai tornata dopo essere partita per il regno di Re George. Quando le guardie del Re raggiunsero James per ucciderlo, questi scappò con Cappuccetto Rosso per trovare Biancaneve. A un nuovo attacco dei soldati, la ragazza si trasformò in lupo per permettere a James di fuggire. Più tardi, lei e la Nonna aiutarono Biancaneve a salvare il Principe dalle segrete del Re, e aiutarono a trovare la soluzione migliore per eludere la Regina Cattiva e la sua maledizione.

A Storybrooke, è Ruby, una giovane ribelle il cui desiderio è lasciare la cittadina, ma è trattenuta dai problemi di salute della nonna. Lavora come cameriera alla tavola calda "Granny's Café" e vive al Bed & Breakfast "Granny's Inn", entrambi gestiti dall'autorevole nonna; i rapporti tra le due sono tesi, poiché sua nonna disapprova il suo comportamento e il suo abbigliamento provocante. È molto amica di Mary Margaret e Ashley Boyd (rispettivamente Biancaneve e Cenerentola) e diventa amica di Emma quando questa arriva a Storybrooke. Quando Ashley ha dei problemi con il Signor Gold, Ruby la copre con Emma, dandole informazioni elusive per permetterle di guadagnare tempo. Quando sua nonna continua a farle assumere nuove e più pesanti responsabilità, Ruby lascia il suo lavoro e decide di lasciare Storybrooke. Invece si trasferisce temporaneamente a casa di Mary Margaret e diventa assistente sceriffo nell'ufficio di Emma. Grazia alla sua capacità di seguire ottimamente le tracce, ereditata dal suo essere un lupo, riesce a trovare David Nolan svenuto nella foresta, e scopre uno scrigno sotterrato contenente un cuore umano. Quest'ultima scoperta la terrorizza, e decide di riprendere il lavoro da cameriera per la nonna. Grazie alla maturità acquisita con l'esperienza appena vissuta, inizia a vestirsi in abiti meno provocanti e a truccarsi di meno. Si scusa così con sua nonna, che ammette di voler far lavorare Ruby così tanto perché vuole passare a lei la gestione della tavola calda quando sarà il momento di andare in pensione. Quando Emma spezza la maledizione, Ruby riacquista tutti i ricordi di Cappuccetto Rosso.

Belle/Lacey French[modifica | modifica sorgente]

Emilie de Ravin interpreta Belle

Belle (Emilie de Ravin) era la figlia di Sir Maurice, presumibilmente governante di una città che era minacciata da una Guerra degli Orchi. Tremotino si offrì di fermare la guerra se Belle fosse divenuta la governante del suo castello. Il padre e il fidanzato della ragazza, Gaston (Sage Brocklebank), rifiutarono di lasciarla andare, ma Belle accettò l'accordo per diventare un'eroina. Nel tempo, cominciò a formare uno stretto legame, dimostrato dal fatto che Tremotino le salvò la vita quando rischiò di cadere mentre apriva delle lunghe tende e le raccontò anche la storia del suo figlio perduto. Questi le chiese di andare a comprargli altra paglia, aspettandosi che la ragazza sarebbe fuggita. Sulla strada, Belle incontrò la Regina Cattiva e scoprì che un bacio del vero amore sarebbe stato in grado di spezzare qualunque sortilegio, compreso quello che pendeva su Tremotino. Belle tornò così al castello e lo baciò: questi cominciò così a ritornare l'uomo che era prima di divenire il Signore Oscuro. Quando però scoprì che Belle aveva incontrato la Regina, si convinse che la ragazza fosse sua complice nel tentativo di sottrargli i poteri, e la trasformazione si fermò. Preso dalla collera, la respinse e la rinchiuse nelle segrete. Ruppe poi tutti i suoi oggetti più preziosi, con l'eccezione della tazza da tè accidentalmente sbeccata da Belle. La cacciò poi dal castello, affermando come il suo potere fosse più importante per lui di lei. Belle gli rispose chiamandolo codardo per non aver creduto nel suo amore per lui, dicendogli: «Hai fatto la tua scelta, ma la rimpiangerai. E tutto quello che avrai sarà un cuore solo... e una tazza sbeccata». Se ne andò così e Tremotino non la vide più nella Foresta Incantata. Poco dopo fu vista in una taverna frequentata dai nani, mentre dava consigli sull'amore a Brontolo. Quando Regina visitò il castello di Tremotino, gli rivelò che, quando Belle era tornata a casa, il padre l'aveva respinta, rinchiusa in una torre e fatta torturare per aver passato del tempo con lui; dall'esasperazione, la ragazza si era uccisa gettandosi nel vuoto. Tremotino le credette e sostituì un calice di cristallo posto su un piedistallo con la tazza sbeccata, piangendo per il suo amore perduto.

Viene presto rivelato come la Regina aveva mentito a Tremotino, in quanto Belle viene mostrata a Storybrooke quando Regina le fa visita nel reparto psichiatrico dell'ospedale, nella Foresta Incantata dopo aver lasciato la taverna (su consiglio di Sognolo, il futuro Brontolo) per partire all'avventura poiché sogna di poter compiere imprese e apparire nei libri e storie, si dirige in un villaggio cinese dove dopo aver fatto la conoscenza di Mulan si troverà ad affrontare lo Yauguai (un bestione di fuoco) e dopo averlo sconfitto utilizzerà la magia delle fate per riportarlo alla sua vera forma, quella del principe Filippo e dopo aver consigliato a lui e Mulan di fare squadra per sconfiggere Malefica e trovare Aurora viene catturata e rinchiusa dalla Regina che da giorni spiava ogni sua mossa e la terra fino e dopo il Sortilegio come sua prigioniera. Viene liberata da Jefferson, incollerà con Regina, da cui non ha ricevuto alcun aiuto dopo averla aiutata a recuperare la mela avvelenata morsa da Biancaneve nella Foresta Incantata. Le dice così di trovare il signor Gold e di dirgli che è stata tenuta prigioniera da Regina. La ragazza trova Gold, ma non ha alcun ricordo su chi lui sia. L'uomo l'abbraccia, promettendole che l'avrebbe protetta e affermando che presto ricorderà. Quando il Sortilegio su Storybrooke viene spezzato, Belle riacquista tutti i suoi ricordi e confessa il suo amore per Tremotino, il quale finalmente ammette di ricambiarla. I due si abbracciano e Belle è al fianco dell'uomo mentre porta la magia a Storybrooke. Sposerà Tremotino nella terza stagione.

Killian Jones/Capitan Uncino[modifica | modifica sorgente]

Colin O'Donoghue interpreta Capitan Uncino

Capitan Uncino (Colin O'Donoghue), il cui vero nome è Killian Jones, è un pirata che viaggia in lungo e in largo nell' episodio 4 della seconda stagione rapisce Milah (la moglie dell'allora non-oscuro Tremotino), ma su sua richiesta perché lo ama. Tempo dopo Tremotino (ora signore oscuro) lo rivede e il pirata lo chiama "coccodrillo", quando quest'ultimo prova ad ucciderlo la moglie di Killian (Milah appunto) lo prega di non farlo e gli promette un fagiolo magico per ritrovare Bealfire, ma dopo una conversazione spiacevole in cui Milah ammette di non avere mai amato Tremotino lui le strappa il cuore e taglia una mano al pirata per il fagiolo. Killian però ha ancora il fagiolo e lo butta in mare aprendo un portale per "l'isola che non c'è" con al posto della mano un uncino( da lì il suo nome). Si recherà poi al castello di Regina per liberare Belle in cambio di un'informazione per uccidere Tremotino ma, scoperto dalla sovrana, non ci riesce e stipula un accordo con quest'ultima per poterlo uccidere facilmente dando al suo uncino la capacità di estrarre un cuore magicamente. In cambio però dovrà andare nel paese delle meraviglie e uccidere Cora. Stringe però un accordo con lei e fà solo finta davanti a Regina di averla uccisa; dopo Cora protegge un pezzo di terra dal sortilegio e Uncino è con lei. Cercherà di aiutare Emma e Biancaneve a tornare a Storybrooke perché le ritiene più affidabili di Cora, ma Emma lo tradisce bloccandolo temporanemanete sulla pianta di fagiolo con un gigante a guardia. Così Uncino torna ad aiutare Cora e grazie ad un fagiolo magico i due, con la nave del pirata, giungono a Storybrooke. Nella cittadina Cora rapisce Archie e Uncino gli chiede le debolezze di Gold, ferisce poi Belle facendole oltrepassare il confine e perdere la memoria ma verrà investito da un'auto che entrava in città. Dimesso, và poi a New York per avvelenare Tremotino in cerca di Bealfire e viene rinchiuso da Emma in uno sgabuzzino. Tornato, sarà costretto a fare un accordo con Greg e Tamara ed inganna Regina facendole dire del suo piano di distruggere Storybrook e scappare con Henry tramite i fagioli che aveva rubato. Quando i due catturano Regina e progettano di usare lo stesso piano per ditruggere tutto, Hook li tradisce ed avverte Emma e gli altri. Insieme a David recuperano un fagiolo, ma decide di ritirarsi quando il gruppo progetta un piano per salavare la città e viene a sapere che Bealfire è il padre di Henry (quando era ragazzo, Bealfire aveva fatto parte della sua ciurma tempo addietro, ma Uncino fu costretto a darlo ai Bimbi sperduti). Di nascosto a tutti, Uncino ha rubato il fagiolo eparte con la sua nave ma, resosi conto del suo egoismo, decide di tornare indietro. Insieme a Emma, Regina, Mary Margaret, David e Gold il gruppo parte al salvataggio di Henry, rapito da Greg e Tamara e portato all' Isola che non c'è. Arrivati Uncino li mette in guardia dai pericoli, specialmente quello dell'erba velenosa Sogno-ombra che lascia poco margine di vita a chi viene ferito. Si viene a sapere ch Killian una volta era un ufficiale di marina al servizio di un re, il secondo in capo dietro suo fratello, il capitano Liam Jones. I due erano riusciri ad arrivare all'isola che non c'è alla ricerca dell'erba non sapendo delle su proprietà. Liam era rimasto ferito e Peter Pan aveva portato Uncino ad una fonte d'acqua che poteva curarlo. Appena usciti dall'isola però l'effetto dell'acqua svanì e Liam morì; Killian decise allora di diventare un pirata irato per essere stati ingannati dal re che voleva l'erba come arma. Quando david, nel presente, rimane ferito dalla stessa erba Uncino decide di copirirlo e lo porta alla fonte avvertendolo che però non potrà lasciare l'isola. Uncino nel frattempo si rende conto di essere sempre più attratto da Emma e quando Neal riappare ancora vivo, i due finiscono inevitabilmente per litigare. Emma però li costringe a cooperare (nella cattura dell'ombra di Pan, necessaria per andare via dall'isola) mostrando che il suo primo interesse in quel momento è salvare Henry. Dopo l'apparente sconfitta di Pan e il ritorno a StoryBrooke, Uncino, Trilli e Neal si ritrovano a dover affrontare e distruggere l'ombra di Pan liberatasi. Quando Regina è costretta a distruggere l'incantesimo che li tiene in quel mondo, Uncino dice a Emma che sarà sempre nei suoi pensieri.

Malcolm/Peter Pan/Pifferaio Magico[modifica | modifica sorgente]

Peter Pan (Robbie Kay, Stephen Lord da adulto), era in origine Malcolm, padre di Tremotino. Per fuggire dalla propria vita dissoluta di baro al gioco delle tre carte (dal quale comunque non riusciva a guadagnare niente), apre un portale con un fagiolo magico e vi entra con il figlio. Il portale li trasporta sull'Isola che non c'è, una terra visitata dai bambini durante i loro sogni. L'unico abitante dell'isola, chiamato solamente "l'ombra" rivela a Malcolm che l'isola può essere abitata soltanto da bambini, e per ritornare ad esserlo deve rinunciare all'unica cosa che un bambino non può avere: un figlio. Malcolm sceglie l'Isola e il suo magico potere, abbandonando definitivamente Tremotino e trasformandosi in Peter Pan.

Nel presente Peter Pan scopre che il potere dell'isola si sta esaurendo e l'unico modo per rinnovare la sua vita eterna è sacrificare il cuore del vero credente, colui che crede ancora alla magia e al mondo delle favole. Il vero credente è Henry (Pan entra in possesso del suo ritratto secoli prima che lui nascesse), e tramite Tamara e Greg (suoi complici ignari della vera natura della missione) riesce a prendere Henry in ostaggio. Quando Emma e gli altri vanno sull'isola per salvare Henry, Pan comincia a giocare con loro costringendo Emma ad ammettere di sentirsi un orfana e manipolando Tremotino tramite la sua ombra che prende la forma di Belle. Egli inoltre fà credere a Henry di essere stato abbandonato e per convincerlo a passare dalla sua parte lo fà incontrare con Wendy dicendogli che sta morendo perché la magia dell'isola si è indebolita. Henry viene così imbrogliato e Pan gli strappa il cuore riguadagnando potere. Quando però intrappola Emma, Mary Margaret e Regina nell'albero dei rimorsi sottovaluta quest'ultima che si libera, non avendo rimorso per le sue azioni, e gli strappa il cuore di Henry. Alla fine sembra che Pan sia stato sconfitto intrappolato nel vaso di Pandora da Gold mentre, tornati a Storybrooke, si scopre che l'anima di Pan vive dentro il corpo di Henry mentre è Henry ad essere intrappolato nel vaso (a causa di uno scambio di corpi effettuato da Pan prima di farsi intrappolare). Quando l'accaduto si svela, Emma riesce a riconoscere suo figlio nel corpo di Pan e Tremotino scambia nuovamente i due corpi riportando tutto alla normalità. A causa di un errore di Tremotino, Pan riesce a fuggire dal suo negozio recandosi al pozzo di Storybrooke e, sacrificando il suo più leale servitore Felix, lancia nuovamente la maledizione sulla città, che questa volta la distruggerà insieme ai suoi abitanti. Per contrastare il nuovo sortilegio Regina, unica persona in grado di romperlo, strappa la pergamena magica riportando Storybrooke nel mondo delle favole e Tremotino si sacrifica per uccidere Pan con il pugnale del Signore Oscuro.

Malvagia Strega dell'Ovest/Zelena[modifica | modifica sorgente]

Rebecca Mader interpreta Zelena

Zelena (Rebecca Mader) è la figlia primogenita di Cora nonché, a detta di Tremotino, la strega più potente di tutte. Rifiutata dalla sua famiglia adottiva, la giovane Zelena venne a conoscenza della madre e della sua sorellastra Regina. Quando Tremotino la incontra avverte il suo enorme potere e le insegna a controllarlo. A lungo andare Zelena viene a sapere del sortilegio che Tremotino ha preparato per Regina, quello che creerà Storybrooke, e chiede al suo maestro l'onore di essere lei a lanciarlo. Tremotino rivela a Zelena che il sortilegio ha un prezzo: sacrificare la persona a cui si tiene di più. Tremotino le impedisce di prendere parte alla magia perché sa di essere lui stesso quella persona, dato che Zelena è sola al mondo. Dopo il rifiuto di Tremotino, l'invidia di Zelena per la sua sorellastra Regina diventa così potente da farle diventare la pelle verde e da quel momento in avanti la strega cercherà di diventare sempre più potente in modo da tornare nel passato e diventare la figlia prediletta di Cora.

Durante il suo passato, inoltre, entra a far parte di un gruppo di quattro streghe che governano la forza del coraggio, dell'amore, della mente e dell'innocenza. La strega buona Glinda crede erroneamente che Zelena sia destinata ad appartenere al gruppo, posto che in realtà spetta a Dorothy.

Dopo che gli abitanti di Storybrooke vengono riportati nel mondo delle favole in seguito allo scontro con Peter Pan, essi trovano nel vecchio castello di Regina la nuova strega la quale, dopo che Biancaneve lancia nuovamente il sortilegio per ritornare nel mondo reale, aggiunge alla magia una pozione che fa perdere a tutti il ricordo dell'anno trascorso. A Storybrooke Zelina recita la parte di una simpatica e ingenua levatrice. In realtà nella sua casa fuori città ella tiene come suo prigioniero e protettore Tremotino, riportato in vita con un inganno costato la vita di suo figlio. La missione di Zelina è quella di recuperare quattro oggetti che simboleggiano la magia delle quattro streghe: l'elsa della spada del principe (il coraggio), il cuore di Regina (l'amore), il cervello di Tremotino (la mente) ed infine il figlio di Biancaneve e David, frutto del vero amore (l'innocenza). Con questi aprirà un portale per cambiare il passato.

Zelena viene fermata da Regina grazie alla magia bianca appena acquisita e, privata dei poteri, viene messa in cella. All'insaputa di tutti viene uccisa da Tremotino ma il suo spirito rinato si getta nel portale scomparendo misteriosamente.

Elsa[modifica | modifica sorgente]

Georgina Haig interpreta Elsa

Elsa (Georgina Haig) è una misteriosa strega portata nel presente da Emma. Era imprigionata in un'urna nella cripta dove Tremotino, ancora oscuro, conservava la magia che nemmeno lui poteva governare. Elsa ha inoltre il potere di creare forme di ghiaccio dal proprio corpo.

Personaggi secondari[modifica | modifica sorgente]

Principessa Abigail/Kathryn Nolan[modifica | modifica sorgente]

La Principessa Abigail (Anastasia Griffith) era l'altezzosa figlia di Re Mida. Quando il Principe James uccise il drago che affliggeva il suo Regno, il Re lo ritenne degno di sposarla; la Principessa accettò riluttante, affermando un semplice "E sia". James si innamorò però di Biancaneve e cercò di annullare segretamente il matrimonio. Abigail lo trovò prima delle guardie di Re George, e gli rivelò di essere a conoscenza del suo amore per Biancaneve. Gli diede così provviste e aiuto per la sua ricerca di Biancaneve, affermando che la riunione dei due avrebbe potuto arrecarle consolazione per la perdita di Frederick, il cavaliere che amava e che avrebbe dovuto sposare, prima che questi venne tramutato in oro nel tentativo di proteggere Re Mida. James recuperò così l'acqua magica in grado di restituire a Frederick il suo aspetto umano, e permise così ad Abigail di riunirsi con il suo amato.

Anastasia Griffith interpreta Kathryn Nolan

A Storybrooke, è Kathryn Nolan, moglie di David Nolan (James). La coppia è rimasta separata per anni perché David l'aveva lasciata dopo un litigio e, senza che lei lo sapesse, era finito in coma. Quando si risveglia, Regina Mills fa ricongiungere i due, iniziando a stringere un'amicizia con Kathryn. Il matrimonio è però costellato da problemi: David soffre di amnesia e ha difficoltà a ricordare la sua vita con Kathryn; si innamora inoltre di Mary Margaret Blanchard (Biancaneve), con cui inizia una relazione segreta. Kathryn informa David di essere stata accettata per un corso di laurea in legge a Boston, ma David le dice di non poterla seguire e suggerisce di porre fine al loro matrimonio. Kathryn viene informata da Regina della sua relazione con Mary Margaret e capisce, poi, che nel suo matrimonio l'amore è sempre stato assente. Decide così di andare a Boston da sola. Scrive a David una letter in cui gli dice che vuole che sia felice con Mary Margaret, e che perdona entrambi. Regina brucia però la lettera prima che David possa leggerla. L'auto di Kathryn viene ritrovata da un insegnante di ginnastica (Frederick) in panne ai confini della città, e Kathryn sembra scomparsa. Il caso della sua scomparsa diventa un caso di omicidio quando viene ritrovato un cuore umano il cui DNA le appartiene in uno scrigno appartenente a Mary Margaret. Mary Margaret viene così arrestata per il suo omicidio. Ruby scopre però una Kathryn malconcia, ma viva, nel vicolo dietro alla tavola calda di sua nonna. La donna non ricorda nulla della sua scomparsa, se non che è stata tenuta prigioniera in una cantina. Viene rivelato successivamente come Regina, nel tentativo di liberarsi di Mary Margaret e ottenere così la sua vendetta su Biancaneve, abbia stretto un accordo con il Signor Gold per far capitare qualcosa di brutto a Kathryn e far ricadere la colpa sulla rivale. Regina si aspettava però che Gold avrebbe ucciso la donna, mentre invece l'ha liberata dopo averla tenuta rinchiusa.

Vedova Lucas/Granny/Nonna[modifica | modifica sorgente]

La Vedova Lucas (Beverley Elliott), più semplicemente Nonna, viveva con la nipote Cappuccetto Rosso. Era molto protettiva con lei, obbligandola sempre a indossare il suo mantello rosso e non facendola mai uscire dopo il tramonto. Disapprovava anche la relazione della nipote con il giovane maniscalco Peter. Quando un lupo uccise un gruppo di cacciatori, la Nonna avvertì i concittadini che il lupo era un mostro; quando era una ragazzina, un lupo aveva sterminato la sua famiglia e lasciatole un profondo morso su un braccio, prima di fuggire. Cappuccetto Rosso e Biancaneve credevano che Peter fosse in realtà il lupo, e ingannarono così la Nonna cosicché la ragazza potesse passare la notte con Peter, dopo averlo incatenato ad un albero. La Nonna, però, lo scoprì, e rivelò a Biancaneve che Cappuccetto Rosso aveva ereditato la maledizione di famiglia, e che quindi era lei il lupo. Il mantello rosso le fu dato da uno stregone, che lo incantò per prevenire ogni trasformazione. Anche la Nonna soffrì delle stesse trasformazioni, dopo che il defunto marito la marchiò con un morso. Mentre la maggior parte degli effetti della maledizione la abbandonarono con l'avanzare dell'età, mantenne i suoi sensi accentuati. La Nonna e Biancaneve raggiunsero Cappuccetto Rosso troppo tardi: era già trasformata in lupo e aveva già ucciso Peter. La coprirono così con il mantello e la Nonna incoraggiò le ragazze a fuggire prima dell'arrivo dei cacciatori, richiamati dall'ululato del lupo. Sia la Nonna che la nipote aiutarono Biancaneve a salvare il Principe James dalle segrete del castello di Re George, e aiutarono a trovare la soluzione migliore per eludere la Regina Cattiva e la sua maledizione.

A Storybrooke, è proprietaria del Bed & Breakfast "Granny's Inn" e della tavola calda "Granny's Café", ed è nonna di Ruby (Cappuccetto Rosso). Dallo stato del suo Bed & Breakfast e dalla felicità nell'avere come ospite Emma Swan, si nota come in realtà nessuno abbia mai alloggiato per vacanza nella cittadina. È però costretta a cacciare Emma quando questa si mette nei guai con la legge, in quanto esiste una legge cittadina per cui da lei non possono soggiornare dei pregiudicati. I suoi problemi di salute hanno impedito alla nipote di lasciare la cittadina, e per questo la loro relazione è molto tesa; inoltre disapprova gli abbigliamenti e gli atteggiamenti sessualmente provocanti della nipote. Ruby decide di lasciare il lavoro da cameriera, vista la mole di lavoro che sua nonna continuava a delegarle; presto però si scusa con lei, la quale le rivela che la stava facendo lavorare così sodo e le stava dando tante responsabilità perché, quando andrà in pensione, erediterà lei la gestione del locale. Recupera i ricordi nello stesso momento di Ruby, dopo che Emma ha spezzato il Sortilegio.

Sognolo/Brontolo/Leroy[modifica | modifica sorgente]

Lee Arenberg interpreta Leroy

Brontolo (Lee Arenberg) era uno di otto fratelli nani, nati dalle loro uova quasi nello stesso momento. Come tutti i nani, fu immediatamente mandato a lavorare in miniera e gli fu dato un piccone, il quale lo nominò Sognolo. Dato che il suo uovo era accidentalmente entrato in contatto con la polvere di fata persa dall'apprendista Nova, l'immagine di questa gli si incise nella mente ancora prima di nascere, e se ne innamorò. Poco dopo, i due si conobbero, e pianificarono di prendere una barca e visitare il mondo. Ma la Fata Turchina, insegnante di Nova, gli disse che, se fossero fuggiti insieme, lei avrebbe dovuto perdere le ali e non sarebbe mai stata veramente felice. Per evitarle questo, Sognolo pose fine alla loro relazione, spezzandole il cuore. Tornò così in miniera e, a causa del dolore provato, mise tanta forza nel lavoro da rompere il suo piccone; quando gliene fu dato un altro, questo lo rinominò Brontolo. Più tardi fu catturato perché possedeva un prezioso diamante, che però non sapeva essere stato rubato, e fu tenuto prigioniero nelle segrete di Re George, in una cella a fianco di quella di Biancaneve. Fu liberato da Svicolo, uno dei suoi fratelli, e lui liberò Biancaneve. Durante la fuga furono scoperti da Re George, le cui guardie uccisero Svicolo. Per salvare Brontolo, Biancaneve rimase prigioniera del Re. Brontolo si ricongiunse così ai rimanenti sei fratelli, e il gruppo reincontrò Biancaneve fuori dal castello, dopo che questa aveva detto addio (obbligata dal Re) al Principe James; il nano le disse che per maturare come persona doveva convivere con il dolore per l'amore perduto, e la convinse a non bere la pozione che le avrebbe fatto dimenticare ogni ricordo di James. I sette nani la invitarono così a vivere con loro. Poco dopo, Brontolo le portò la notizia che James aveva annullato il matrimonio con la Principessa Abigail, ma scoprì che Biancaneve aveva appena bevuto la pozione. I nani cercarono di far ragionare la ragazza, dopo che la pozione la trasformò in un essere spregevole e egoista, ma invece la portarono al desiderio di uccidere la Regina Cattiva, come vendetta per la morte del padre. Brontolo la portò così da Tremotino, che le aveva dato la pozione, ma invece questi le mostrò il modo migliore per uccidere la Regina. Biancaneve riacquistò però la memoria, e si scusò con i nani. Decise così di salvare James, catturato da George, e Brontolo, con i suoi fratelli, decisero di aiutarla. Molto dopo prese parte ad un concilio sul modo migliore per fermare la maledizione della Regina, e lui propose di dichiararle guerra. Fece anche da guardia sulle mura del castello di Biancaneve e di James, e fu lui ad avvistare il Sortilegio in avvicinamento.

A Storybrooke, è Leroy, inserviente dell'ospedale e "ubriacone del villaggio". Come il resto dei cittadini, è ostile nei confronti di Mary Margaret dopo aver saputo della sua relazione segreta con David Nolan. Incontra però Sorella Astrid (Nova) e decide di aiutare Mary Margaret a vendere candele per conto del convento, il cui ricavato sarà devoluto al convento stesso per pagare l'affitto; così facendo riesce a stare vicino ad Astrid. Quando lui e Mary Margaret non riescono a venderne abbastanza, mente su questo fatto, perché non vuole deludere Astrid. Cerca così di vendere la sua barca al Signor Gold, nella speranza di saldare così l'affitto, ma Gold rifiuta. Astrid scopre poi tutto ed è delusa dal fatto che Leroy le ha mentito. Quella notte, così l'uomo causa un blackout, obbligando i cittadini a comprare le candele: queste vengono vendute tutte, e il convento è ora in grado di pagare l'affitto. Leroy offre poi ad Astrid l'opportunità di essere la prima a fare un giro sulla sua barca.

Genio/Specchio Magico/Sydney Glass[modifica | modifica sorgente]

Giancarlo Esposito interpreta Sydney Glass

Il Genio (Giancarlo Esposito) e la sua Lampada furono ritrovati da Re Leopold, a cui furono quindi concessi tre desideri. Ma il Re pensava di possedere già tutto quello che desiderava, e usò i primi due desideri per liberare il Genio e per cedere a lui il terzo desiderio. Questi ammise che aveva sempre desiderato trovare il vero amore, così il Re lo portò al suo castello, pensando che il Genio potesse trovarvi quello che cercava. Questi si innamorò però di Regina, seconda moglie di Re Leopold, e le regalò uno specchio. Il Re scoprì dal diario della moglie che questa si era innamorata dell'uomo che le aveva donato lo specchio, ma dato che il nome di quest'uomo non era indicato, chiese al Genio di individuarlo. La Regina fu rinchiusa nelle sue stanze, per proibirle di fuggire. Per liberarla, suo padre Henry chiese al Genio di portarle uno scrigno chiuso, che conteneva due vipere provenienti dalla terra di Agrabah: il desiderio di Regina era quello di usarle per togliersi la vita. Invece, il Genio le usò per uccidere il Re e poter così fuggire con la sua amata. Dopo l'omicidio, la Regina gli disse che, dato che le vipere provenivano dalla sua terra, le guardie avrebbero scoperto che l'assassino era lui, e gli consigliò di fuggire. Il Genio capì che la Regina non l'aveva mai amato, ma l'aveva semplicemente usato per uccidere il Re e divenire l'unica sovrana del Regno. Il suo amore per lei era talmente forte che utilizzò il terzo desiderio per rimanere sempre con lei e poter sempre vedere il suo volto. Questo lo intrappolò nello stesso specchio che aveva regalato a Regina. Come spirito dello specchio, ottenne la capacità di muoversi in tutti gli specchi della Foresta Incantata, e vedere così tutto quello che vi succedeva; per questo divenne molto utile come spia per Regina.

A Storybrooke, è Sidney Glass, direttore del giornale locale "The Daily Mirror". Su richiesta di Regina, scava nel passato di Emma per aiutare il sindaco a farla andar via da Storybrooke. Dopo la morte di Graham, Regina cerca di nominarlo nuovo sceriffo, ma il regolamento cittadino prevede un'elezione, che Sidney perde in favore di Emma. Regina lo rimuove così dalla posizione di direttore del giornale, e Sidney chiede aiuto a Emma, affermando di voler far vedere alla cittadinanza quanto la vecchia alleata fosse una persona corrotta. In realtà il suo tentativo porta però a mettere in buona luce Regina nei confronti della cittadina. Nonostante questo, Sidney dice ad Emma che l'aiuterà a battere Regina, ma in realtà è sempre rimasto dalla sua parte: Regina, infatti, sta usando la fiducia di Emma in Sidney per trarne vantaggio. Emma capisce tutto quando scopre che Sidney ha messo una cimice nel vaso di fiori presente alla stazione di polizia: tramite questa, Regina riesce a far sparire una prova cruciale che avrebbe dimostrato l'innocenza di Mary Margaret nel caso di omicidio di Katrhyn Nolan. Emma affronta così Sidney e capisce che l'uomo è innamorato di Regina; cerca comunque di convincerlo ad aiutarla a trovare prove che indichino la colpevolezza di Regina. Quando Kathryn viene ritrovata viva, Sidney concede una falsa confessione: ammette di aver rapito Kathryn, incastrando Mary Margaret, così che poi potesse "ritrovarla" e diventare un eroe. Viene così rinchiuso nel reparto psichiatrico dell'ospedale di Storybrooke.

Fata Turchina/Madre Superiora[modifica | modifica sorgente]

Keegan Connor Tracy interpreta la Fata Turchina

La Fata Turchina (Keegan Connor Tracy), o "Stella Blu", era una potente fata madrina che aiutava le persone buone con la sua magia. Nonostante il suo enorme potere, non era in grado di contrastare la magia di Tremotino; per riparare un problema causato dalla magia del Signore Oscuro, trasformò il giovane Jiminy in Grillo Parlante e lo incoraggiò ad aiutare il piccolo Geppetto. Creò inoltre una piuma in grado di congelare temporaneamente Tremotino quando questi la utilizzò per firmare un accordo con Cenerentola, portando quindi alla sua cattura. Il Signore Oscuro era molto ostile verso di lei in quanto la incolpava per la scomparsa di suo figlio Baelfire: la Fata, infatti, aiutò il ragazzo a trovare un modo per liberare il padre dai suoi poteri, dandogli un fagiolo magico che avrebbe dovuto trasportare entrambi in un mondo senza magia, ma Baelfire attraversò il portale da solo. La Fata Turchina pose fine alla relazione tra l'Apprendista Fata Nova e il nano Sognolo, dicendo a quest'ultimo che il loro amore avrebbe portato Nova a perdere le ali. Propose anche l'idea di ricavare una teca magica per salvare Biancaneve e il Principe James dalla maledizione della Regina Cattiva; chiedendo a Geppetto di costruirla, però, questi pretese che uno dei due posti ricavati venisse ceduto al figlio Pinocchio, mentendo a Biancaneve e a James; quando però la piccola Emma nacque prima del tempo, la Fata Turchina chiese a Geppetto di avvertire Biancaneve del fatto che sarebbe potuta andare anche lei assieme alla neonata, ma Geppetto la ingannò, dicendo a Pinocchio di nascondersi nella teca prima che chiunque potesse vederlo.

A Storybrooke, è la Madre Superiora del convento locale; alcune delle sorelle erano fate prima di giungere a Storybrooke. Il Signor Gold è l'affittuario del convento, e quando Leroy (Brontolo) gli chiede di non far pagare al convento un mese d'affitto in cambio della sua barca, questi rifiuta l'accordo, perché lui e le sorelle hanno una "storia" alle spalle. Quando Henry viene ricoverato in coma in ospedale, la Madre Superiora è presente. Spezzata la maledizione e riacquistati i suoi ricordi, avverte Regina dicendole: «Vostra Maestà, se fossi in voi troverei un posto dove nascondermi».

Dr. Victor Frankenstein/Dr. Whale[modifica | modifica sorgente]

David Anders interpreta il dottor Whale

Il dottor Whale (David Anders) lavora all'ospedale di Storybrooke, e inizialmente appare principalmente mentre cura David Nolan. È fortemente assoggettato a Regina Mills, facendo tutto quello che il sindaco gli chiede senza esitazione. Cerca di iniziare una relazione sentimentale con Mary Margaret Blanchard quando questa cerca di dimenticarsi di David; le manda dei fiori, le offre da bere ed hanno un paio di appuntamenti. Al primo di questi, però, Whale non riesce a togliere gli occhi di dosso da Ruby; quando la ragazza ha lasciato la casa che condivideva con sua nonna, l'uomo viene visto aiutarla a trasportare i suoi bagagli.

Nel quinto episodio della seconda stagione è stato rivelato che nella Foresta Incantata il dottor Whale è il dottor Victor Frankenstein[3][4], anche se in realtà quello non è il suo vero mondo, ma è giunto in esso tramite il cappello magico di Jefferson.

Cappellaio Matto/Jefferson[modifica | modifica sorgente]

Jefferson (Sebastian Stan) era il Cappellaio Matto e possedeva un cappello magico che gli permetteva di viaggiare attraverso vari mondi. In passato, utilizzò questo cappello per aiutare la Regina Cattiva a recuperare diversi oggetti. Abbandonò però questo lavoro dopo che la figlia Grace perse sua madre. Viveva nella foresta con la figlia, e per sopravvivere raccoglievano e vendevano funghi. Quando la Regina gli chiese un ultimo favore, inizialmente Jefferson si rifiutò, ma cambiò idea, rendendosi conto di voler dare alla figlia una vita migliore. Accompagnò così la Regina nel Paese delle Meraviglie, dove questa riuscì a liberare suo padre Henry. Il cappello permetteva però solo a due persone di tornare nel Regno della Regina, dato che solo due persone l'avevano abbandonato. La Regina disse così a Jefferson che se gli importava veramente di Grace, non avrebbe dovuto abbandonarla. Jefferson venne così catturato dai cavalieri della Regina di Cuori. Venne decapitato quando si rifiutò di rivelarle come era giunto nel Paese delle Meraviglie, ma non morì, e gli fu ordinato di fabbricare un altro cappello magico per tornare a casa. La testa gli fu riattaccata, lasciandogli però una vistosa cicatrice sul collo. Dopo aver fabbricato innumerevoli cappelli, non riuscì comunque a infondere in essi la magia che gli avrebbe permesso di tornare a casa, e questo lo portò alla pazzia.

Sebastian Stan interpreta il Cappellaio Matto

A Storybrooke, come parte della sua punizione creata dal Sortilegio, riesce a ricordare la sua vita passata nella Foresta Incantata. Vive vicino alla foresta in una casa immensa, da cui spia, tramite un telescopio, l'ufficio dello sceriffo Emma Swan e la figlia Grace, che ora si chiama Paige. Cattura Mary Margaret Blanchard dopo che questa è fuggita di prigione, ma dice di averlo fatto per proteggerla dal Sortilegio, in quanto voleva abbandonare Storybrooke. Poco dopo rapisce anche Emma, quando questa è impegnata nelle ricerche di Mary Margaret. Ordina quindi a Emma di fabbricare un cappello magico per tornare a casa: infatti pensa che, col suo arrivo, abbia portato la magia a Storybrooke. Dice anche a Emma che il Sortilegio esiste veramente, e per lui consiste nel continuare a guardare Grace essere felice con un'altra famiglia. Emma fabbrica un cappello, che però non è in grado di riportare Jefferson a casa. Lei e Mary Margaret riescono a fuggire, scaraventando Jefferson fuori da una finestra; immediatamente dopo l'uomo scompare, lasciando dietro di sé solo il cappello fatto da Emma. Jefferson si rifà vivo quando Regina gli lascia una carta raffigurante il Coniglio Bianco sulla bicicletta della figlia. Dice a Jefferson che può risvegliare i ricordi di sua figlia, ma l'uomo ribatte che questo porterebbe la sua maledizione anche a Grace (ricordare entrambe le sue vite), e chiede invece che i due possano avere una nuova vita insieme. Regina accetta, chiedendo a Jefferson di aiutarla a liberarsi di Emma. Con la poca magia rimastale, riescono a far funzionare nuovamente il cappello e Jefferson recupera la mela avvelenata, appena morsa da Biancaneve. Quando ricorda a Regina il loro accordo, questa le promette che lo rispetterà una volta che Emma sarà fuori dai giochi. Quando però è Henry a mangiare il dolce fatto con la mela, Regina si rifiuta di aiutare Jefferson. Furioso, Jefferson libera Belle dalla sua cella e le dice di trovare il Signor Gold, a cui dovrà dire che Regina l'ha tenuta prigioniera: sa infatti che questo porterà Gold al desiderio di vendetta. Nella seconda stagione, si riunisce finalmente alla figlia.

Geppetto/Marco[modifica | modifica sorgente]

Tony Amendola interpreta Marco

Geppetto (Tony Amendola, Michael Strusievici da piccolo) era un anziano falegname; rimase orfano quando il Grillo Parlante trasformò accidentalmente i suoi genitori in marionette. Per fare ammenda, il Grillo rimase con lui per consigliarlo. Geppetto, una volta divenuto anziano, fabbricò una marionetta dal legno di un albero magico, e la chiamò Pinocchio, considerandola come un figlio. Quando era una giovane marionetta, Pinocchio si sacrificò per salvare Geppetto durante una tempesta. Come ricompensa, la Fata Turchina lo trasformò in un bambino vero. Successivamente, la Fata chiese a Geppetto di ricavare da un altro albero magico una teca in grado di salvare due persone dal Sortilegio della Regina Cattiva, Biancaneve (incinta) e il Principe James. Dato che però la maledizione avrebbe mandato tutti gli altri abitanti della Foresta Incantata in un mondo senza magia, Pinocchio sarebbe tornato ad essere una marionetta. Geppetto si accordò con la Fata per riservare al figlio uno dei due posti nella teca, e questa mentì a Biancaneve e a James, dicendo che la teca poteva salvare solo una persona. Quando però Emma nacque prima del tempo prestabilito, invece di cedere il posto di Pinocchio a Biancaneve, Geppetto incaricò il figlio di proteggere la bambina e di farle credere nel suo passato, dopo che questa avrebbe compiuto ventotto anni.

A Storybrooke, è Marco, falegname della cittadina e caro amico di Archie (Grillo Parlante). Marco afferma che lui e sua moglie non hanno mai avuto un figlio. August Booth, Pinocchio da adulto, dice a Marco che ha deluso suo padre e, nonostante abbia provato a mantenere la promessa fattagli, era comunque troppo tardi. Marco gli risponde che a lui sarebbe bastato solo avere un figlio. August si offre così di lavorare come suo assistente anche senza essere pagato, e Marco lo accetta come tale. Dopo lo scioglimento del sortilegio, Marco si mette subito alla ricerca di suo figlio Pinocchio. Henry gli rivela che si trova al Bed & Breakfast di Granny, ma tutto quello che il vecchio trova è il cappellino del suo bambino.

Baelfire/Neal Cassidy[modifica | modifica sorgente]

Baelfire (Dylan Schmid) era il figlio di Tremotino, un povero filatore. Viveva da solo con il padre, dopo che la madre era morta qualche anno prima. Il giorno del suo quattordicesimo compleanno, avrebbe dovuto arruolarsi nell'esercito locale per prendere parte alla Guerra degli Orchi; qualche giorno prima, però, lui e suo padre cercarono di fuggire, e furono scoperti. Per salvare il figlio, Tremotino acquisì i poteri del Signore Oscuro, uccidendo i soldati che avrebbero dovuto portare via Baelfire. Nonostante le rassicurazioni del padre sul fatto che ormai era salvo, il ragazzo era terrorizzato dal nuovo carattere di Tremotino; quest'ultimo accettò così l'offerta del figlio di trovare un modo per liberarlo dai suoi poteri senza morire, ma nonostante questo Baelfire temeva che il padre si sarebbe tirato indietro, in quanto i poteri del Signore Oscuro corrompevano la sua anima giorno dopo giorno. Disperato, Baelfire chiese così aiuto alla Fata Turchina, che gli donò un fagiolo magico in grado di trasportare lui e il padre in un mondo senza magia; all'ultimo momento, però, Tremotino, preso dal terrore di perdere i propri poteri, abbandonò il figlio, che attraversò da solo il portale magico creato dal fagiolo.

All'arrivo di August a Storybrooke, questi fece credere al signor Gold di essere suo figlio, solo per poterlo controllare e obbligarlo a fermare la trasformazione che lo stava facendo ritornare ad essere una marionetta. Nel quattordicesimo episodio della seconda stagione, quando Emma, Henry e il signor Gold si dirigono a New York, si scopre che Baelfire è Neal Cassidy (Michael Raymond-James), ovvero l'uomo con cui Emma ha concepito suo figlio.

Principe Thomas/Sean Herman[modifica | modifica sorgente]

Il Principe Thomas (Tim Phillipps) era marito di Cenerentola e amico del Principe James. Incontrò la moglie dopo che questa aveva stretto un accordo con Tremotino: per poter abbandonare il suo stato di vita misero, avrebbe dovuto dare al Signore Oscuro qualcosa di estremamente prezioso. Quando Cenerentola capì che nell'accordo da lei siglato, la "cosa preziosa" era il suo primogenito, decise di fuggire, ma Thomas la convinse a rimanere e i due chiesero aiuo a James. Con un inganno, riuscirono a congelare Tremotino, utilizzando una penna incantata dalla Fata Turchina. Per far capire a Cenerentola che nessuno poteva rompere un patto con lui, Tremotino fece scomparire Thomas.

A Storybrooke, è Sean Herman, un ragazzo che è stato costretto dal padre a lasciare la fidanzata Ashley sola ed incinta, ma grazie ai discorsi di Emma sulle responsabilità, il ragazzo torna dalla fidanzata e dalla figlia appena nata Alexandra. Un paio di mesi dopo, il giorno di San Valentino, chiede ad Ashley di sposarlo e i due si fidanzano.

Re George/Albert Spencer[modifica | modifica sorgente]

Alan Dale interpreta Re George

Re George (Alan Dale) era il padre adottivo del Principe James. George e sua moglie non erano in grado di concepire un figlio, così strinse un accordo con Tremotino. Anni dopo, il Regno cadde in una crisi finanziaria, e James si offrì di uccidere il drago che affliggeva il Regno di Re Mida in cambio di oro; il Principe fu però ucciso poco dopo. Per sostituirlo e ottenere comunque l'oro, George diede a Tremotino le indicazioni per trovare una Fata Madrina, in modo da riavere suo figlio. Tremotino non poteva però resuscitare il Principe morto, ma disse al Re che questo aveva un fratello gemello, che viveva come pastore. George informò il nuovo Principe James che sarebbe potuto tornare a casa dopo aver ucciso il drago. L'impresa fu completata, ma Re Mida ritenne James degno di sposare sua figlia Abigail e unificare così i due regni. George venne meno alla sua promessa e obbligò James a sposarla: lo minacciò infatti di uccidere sua madre e bruciare la sua casa. Più tardi, il Re scoprì che James si era innamorato di Biancaneve. Obbligò così la Principessa a spezzare il cuore del "figlio" per permettergli di sposare la figlia di Mida, minacciandola di uccidere James, facendo passare la sua morte come un incidente e rendendolo martire, e in questo modo forse i due regni si sarebbero comunque uniti, in virtù della pietà provata da Mida per George. James ruppe comunque il fidanzamento, così George e i suoi cavalieri lo inseguirono per tutto il Regno cercando di ucciderlo. Una volta catturatolo, George ordinò che James venisse decapitato, ma la Regina Cattiva lo chiese come suo prigioniero, in modo da attirare così Biancaneve in trappola.

A Storybrooke, è il freddo Procuratore Distrettuale Albert Spencer, che guida l'accusa nei confronti di Mary Margaret Blanchard nel caso dell'omicidio di Kathryn Nolan.

Re Leopold[modifica | modifica sorgente]

Richard Schiff interpreta Re Leopold

Re Leopold (Richard Schiff) era il padre di Biancaneve, figlia della regina Eva sua prima moglie, che fece saltare il primo matrimonio con Cora (il suo primo amore) nonché madre della Regina Cattiva, seconda moglie del re. Dopo che la giovane Regina aveva salvato sua figlia da un cavallo imbizzarrito, Re Leopold la sposò per ridare alla figlia la figura materna che le mancava. Nonostante la morte della prima moglie, la regina Eva, rimase allegro e sempre grato per avere una figlia. Governava il suo Regno con benevolenza e il suo unico desiderio era la felicità dei suoi sudditi. Così, quando trovò la lampada del Genio, utilizzò il suo primo desiderio per liberarlo dalla lampada, e il secondo per cedere allo stesso Genio il terzo desiderio. Questi desideri si rivelarono però un errore, in quanto il Genio si innamorò di Regina e complottò la sua uccisione, per liberare la donna da quel legame senza amore. Il Genio infilò così due vipere velenose nel letto del Re: nel momento in cui questi venne morso a morte, il Genio si scusò con lui, e Leopold gli rivelò che non avrebbe mai dovuto esprimere quei due desideri, per poi morire.

Re Mida[modifica | modifica sorgente]

Alex Zahara interpreta Re Mida

Re Mida (Alex Zahara) era un ricco Re dotato del potere di tramutara in oro ogni cosa che toccava, abilità tenuta sotto controllo solo indossando dei guanti. Nonostante la sua ricchezza, era un Re gentile e caritatevole, i cui unici desideri erano l'annientamento del drago che affliggeva il suo Regno e la felicità della figlia Abigail. Così, promise a Re George dell'oro in cambio della testa del drago; il figlio di George, James, fu incaricato di uccidere la bestia. Senza che Mida lo sapesse, il Principe fu ucciso e il suo fratello gemello prese il suo posto per completare la missione. Mida, inconsapevole del fatto che sia il vero James che il suo sostituto erano stati adottati, e quindi nessuno dei due era di sangue reale, offrì a Re George l'opportunità di unificare i loro regni tramite il matrimonio dei loro figli.

Henry (padre di Regina)[modifica | modifica sorgente]

Henry (Tony Perez) era l'amorevole, ma debole, padre della Regina Cattiva, che serviva come valletto personale nella Foresta Incantata. Henry era sempre stato supportivo verso Regina, ma non era in grado di proteggerla dalle macchinazioni della moglie Cora. Nonostante le obiezioni al carattere crudele e malvagio di Regina una volta divenuta Sovrana, continuò ad amarla enormemente. Quando la figlia fu chiusa a chiave nelle sue stanze del palazzo, Henry consegnò al Genio uno scrigno contenente delle vipere per liberarla. Poco tempo dopo, la Regina di Cuori lo rapì per esercitare una certa influenza su Regina, e lo tenne prigioniero nel Paese delle Meraviglie. Con l'aiuto del Cappellaio Matto, Regina riuscì a liberarlo. Fu lui a consigliare alla figlia di riprendersi il Sortilegio Oscuro, facendo visita a Malefica. Quando Regina non riuscì ad attivare il Sortilegio, fece visita a Tremotino, che le disse che doveva utilizzare il cuore della "cosa che ama di più". Regina capì che Tremotino parlava di suo padre. Henry cercò di convincerla che per loro c'era ancora una possibilità di vivere felici insieme e iniziare una nuova vita, ma la sete di vendetta di Regina era troppo grande: con le lacrime agli occhi, gli strappò il cuore dal petto. Fu sepolto nelle vicinanze del luogo dove Regina scatenò il Sortilegio.

Logicamente a Storybrooke non compare mai, ma viene mostrato come la sua tomba sia diventata un grande mausoleo, visitato da Regina ogni mercoledì. Lo sceriffo Graham e Emma Swan vi fanno irruzione durante la ricerca del cuore del primo. Vengono scoperti da Regina e quindi si allontanano dopo uno scontro con questa. Subito dopo, la donna sposta la tomba del padre e rivela una cripta segreta, in cui conserva i cuori che aveva collezionato come Regina Cattiva, oggetti provenienti dal vecchio mondo e una sala nascosta da uno specchio usata come rifugio. Il nome del figlio adottivo di Regina, Henry Mills, gli è stato dato in ricordo del padre del sindaco.

Cora Mills/Regina di Cuori/ Figlia del mugnaio[modifica | modifica sorgente]

Barbara Hershey interpreta Cora Mills

Cora Mills (Barbara Hershey/Rose McGowan da giovane) è la madre di Regina, moglie del principe Henry, conosciuto ad un ballo in maschera. È una donna crudele e spietata, che usa doppigiochi e inganni per poter ottenere ciò che vuole. È un'abile strega, protettiva nei confronti della figlia. Figlia di un mugnaio, ha vissuto la giovinezza in povertà: l'incontro con Tremotino avviene a causa di una scommessa fatta col re (che avrebbe trasformato la paglia in oro). Da lui, con cui ha avuto una relazione, apprende le prime tecniche magiche (come strappare un cuore, ad esempio, che mette in pratica su se stessa per essere protetta e non avere alcuna debolezza amorosa). Per far diventare sua figlia la regina uccide la mamma di Biancaneve (per ingannare la piccola, si era manifestata con le sembianze della Fata Turchina e aveva consegnato alla ragazza una candela magica), e fa imbizzarrire il cavallo della piccola per far si che Regina la salvasse e il re chiedesse a quest'ultima di diventare sua moglie. Uccide Daniel, il vero amore di Regina, dopo che Biancaneve aveva scoperto la relazione tra i due e lo aveva rivelato, ingannata, a Cora. Regina per vendicarsi chiede aiuto a Tremotino e manda la madre nel Paese delle Meraviglie grazie a un portale fornitole dall'Oscuro.

Rose McGowan interpreta Cora Mills da giovane

Nel Paese delle Meraviglie diventa la Regina di Cuori e cattura il padre di Regina per intimidirla. Tiene prigioniero anche Jefferson (dopo che Regina l'ha tradito per riprendersi il padre) e stringe un accordo con Uncino (mandato da Regina per uccidere definitivamente la madre prima di scagliare il Sortilegio) per ritornare nel Mondo delle Fiabe. Qui, proteggerà un pezzo di terra e ne assumerà il controllo con la figura di Lancillotto. Dopo l'arrivo di Mary Margaret e Emma, cerca di imbrogliarle per impadronirsi della teca con cui Emma era giunta nel Mondo reale: di essa avrà solo le ceneri. Cercherà di ostacolare Emma e Mary Margaret per avere una bussola magica, alleandosi con Uncino: riesce ad avere il cuore di Aurora con cui spia le azioni del gruppo, ma alla fine non riesce ad impedire a Mary Margaret ed Emma di ritornare a Storybrooke. Con l'aiuto di Uncino e un fagiolo magico riesce ad arrivare anche lei nel Mondo reale. Qui prima simulerà l'omicidio del dottor Hopper sottoforma di Regina, poi si alleerà con essa ed Uncino per poter controllare Gold. Mentre Emma e Gold si sono allontanati da Storybrooke, riuscirà a trovare il pugnale che controlla l'Oscuro. Nella battaglia che segue il ritorno di Gold in città perderà la vita: la sua vita verrà data, con l'utilizzo di una candela magica, a Gold per riprendersi dal veleno iniettatogli da Uncino.

Principessa Aurora[modifica | modifica sorgente]

Sarah Bolger interpreta la Principessa Aurora

Principessa Aurora (Sarah Bolger). La principessa Aurora è stata addormentata da Malefica con l'incantesimo del sonno. Dopo che il sortilegio è stato lanciato, è rimasta nella Foresta Incantata. Viene svegliata dal principe Filippo, il quale viene ucciso da uno spettro. Insieme a Mulan, Mary Margaret ed Emma si accampa in un luogo sicuro (protetto grazie ad incantesimo lanciato da Cora prima del Sortilegio) dove si sono rifugiati i sopravvissuti al Sortilegio. Dopo che tutti i sopravvissuti sono stati uccisi da Cora, lei parte con le altre in cerca di un portale. Mentre dorme la sua anima si reca nella Stanza Di Fuoco dove incontra Henry, con cui potrà comunicare le vicende del loro Mondo. Viene rapita da Cora e Uncino le strappa il cuore prima di liberarla affinché possa essere controllata da Cora per scoprire gli spostamenti di Mulan, Mary Margaret e Emma. Riavrà il cuore in seguito grazie a Mulan, una volta che Mary Margaret, Emma, Uncino e Cora saranno partiti per giungere al Mondo reale.

Mulan[modifica | modifica sorgente]

Jamie Chung interpreta Mulan

Mulan (Jamie Chung) è una giovane guerriera proveniente da un lontano regno orientale del Mondo delle Fiabe. Di spirito nobile, focoso, è audace, leale, saggia (conosce molto bene i mostri e le creature che infestano i vari regni), conosce il combattimento e le tecniche di sopravvivenza. Impegnata nella ricerca di una creatura bestiale di fuoco che terrorizzava il suo villaggio, incontra Belle impegnata, alla ricerca di una sua personale avventura, nella caccia dello stesso mostro. Grazie a lei, riesce a catturare il mostro, ma sempre grazie a Belle scopre che la bestia non era altro che un uomo trasformato da un sortilegio in tale creatura: il principe Filippo. Dopo questa avventura, si lega fedelmente al principe. Si attiva nel campo di rifugiati della terra sopravvissuta al sortilegio finché con il principe non riesce a salvare la principessa Aurora, la Bella addormentata, dall'incantesimo del sonno lanciatole da Malefica (la stessa che aveva trasformato in mostro il principe). In seguito alla morte del principe per lo spettro evocato all'arrivo di Emma e Mary Margaret nel Mondo delle Fiabe, si dimostra leale nei confronti della principessa e fredda nei confronti delle due donne. Dopo averle ricondotte all'accampamento, su richiesta di Lancillotto, le aiuterà a raggiungere il loro Mondo, mantenendo però come priorità la salvaguardia di Aurora: più volte si scontrerà con loro per l'incolumità della principessa (come quando la vede ferita per i viaggi della sua anima nel Mondo di fuoco, o la sua scomparsa per il rapimento da Cora). Alla fine, dopo la partenza di Emma e Mary Margaret, e aver aiutato Aurora a riavere il suo cuore (sotrattale da Cora ed Uncino per controllare le mosse del gruppo), rimarrà con lei.

Owen Flynn/Greg Mendell[modifica | modifica sorgente]

Ethan Embry interpreta Greg Mendell

Greg Mendell (Ethan Embry/Benjamin James Stockham da giovane) è un uomo che entrando a Storybrooke schianta la sua macchina contro un albero dopo aver investito Uncino. Dopo l'incidente viene operato e salvato dal Dr. Whale. Al suo risveglio viene interrogato da Emma, l'uomo sostiene di non aver visto nulla poiché impegnato a mandare un messaggio, ma rimasto solo nella stanza chiama una donna misteriosa per informandola che sta bene e che ha qualcosa di strano da riferire. Riuscirà poi a riprendere col cellulare Regina praticare la magia, come quando solleva degli oggetti dalla borsa di Belle all'ospedale o quando strappa e rimette il cuore di Mary Margaret, e ad inviare i video al mondo esterno, confermando le sue supposizioni su Storybrooke e la gente che vi abita.

In realtà, Greg Mendell non è il suo vero nome: egli si chiama Owen Flynn. Nel 1983 (28 anni prima dell'arrivo di Emma a Storybrooke) era in campeggio col padre nei boschi lungo la costa del Maine, quando vennero circondati da una nube viola, che diede origine a Storybrooke. Poiché l'auto del padre si era rotta, era stato costretto a soggiornare per alcuni giorni nella città, facendo la conoscenza del sindaco Mills, la quale, freddo nei suoi confronti, divenne più premurosa, tanto da invitarlo a cena col padre. Il giorno della sua partenza, però, mentre si allontanava col padre da Storybrooke venne inseguito da Regina e dallo sceriffo Graham: Regina desiderava che essi fossero rimasti con lei a Storybrooke poiché il giovane Owen le aveva ammesso che lì si trovava bene. Il padre venne arrestato al confine, mentre lui riuscì a fuggire, confessando a Regina che, nonostante lui si trovasse bene, tuttavia non voleva rimanere così in città. Non riuscirà più a trovare Storybrooke una volta uscito dal confine, fino a quando non si schianta con l'auto la notte dello scontro tra il signor Gold e Uncino. Spronato ad allontanarsi poi da Regina, che, pur essendo lui invecchiato, ne aveva riconosciuto i lineamenti, rimane in città incontrandosi con la sua donna, Tamara.

Tamara[modifica | modifica sorgente]

Tamara (Sonequa Martin-Green) è una giovane donna, fidanzata di Neal, che ha legami profondi con i personaggi di Storybrooke. Conosce August quando questo comincia a ritrasformarsi in burattino in seguito all'indebolimento del Sortilegio: anche lei si era recata ad Hong Kong in visita al guaritore cinese (chiamato Dragone). Viene truffata da August, quando questi le ruba dei soldi per pagarsi una pozione che possa bloccarne il processo di ritrasformazione, ma lo trova subito dopo, inseguendolo e appropriandosi della pozione. Ritorna poi dal guaritore: lei è interessata alla magia, in quanto la medicina che lui aveva dato ad August non conteneva elementi fino ad allora conosciuti. Mentre il guaritore si circondava di una nube rossa, segno di una qualche sorta di magia, lei lo uccide. Poi, tempo dopo, scopre August parlare con Neal a New York, e diventa così la fidanzata di quest'ultimo. Quando Neal torna con Emma, il figlio Henry e il signor Gold, su invito del fidanzato, arriva anche lei a Storybrooke. Finge di non credere alla verità che Neal le aveva raccontato su Storybrooke, e ritrova August, completamente di legno. Lo spinge ad allontanarsi dalla città, in quanto ammette di essere profondamente interessata alla magia, ma quando questi scopre, durante la fuga, che è stata lei ad uccidere il Dragone l'anno prima, e temendo per Emma, lei lo attacca, ferendolo ed uccidendolo. Quando August viene trasformato di nuovo in bambino dalla Fata Turchina, Tamara comunque non viene scoperta, in quanto August aveva perso i suoi ricordi dopo la trasformazione; la donna può così visitare Owen, il suo vero amante.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Tierney Bricker, News/Once Upon a Time Shocker! The Dead Man Dishes on His Departure in E!Online, 12-12-2011. URL consultato il 12-09-2012.
  2. ^ (EN) Renee Phillips, 'Once Upon a Time' spoilers: a fan favorite may return to the show in examiner.com, 24-02-2012. URL consultato il 12-09-2012.
  3. ^ (EN) Rachel Howard, WonderCon 2012: ONCE UPON A TIME Panel Recap; Plus Highlights from Q&A with Creators Edward Kitsis and Adam Horowitz in Collider, 19-03-2012. URL consultato il 19-09-2012.
  4. ^ (EN) Natalie Abrams, Comic-Con: 7 Spoilers From Once Upon a Time Season 2 in TVGuide, 24-07-2012. URL consultato il 19-09-2012.
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione