Personaggi de Il re leone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Banzai, Shenzi e Ed

Questa è la lista dei personaggi del franchise de Il re leone.

Il re leone[modifica | modifica sorgente]

Simba[modifica | modifica sorgente]

Simba è il figlio di Mufasa e Sarabi

Mufasa[modifica | modifica sorgente]

Mufasa
Voce orig. James Earl Jones
Voci italiane

Mufasa

Mufasa è il padre di Simba, nonché il re della savana. Dal punto di vista della personalità, ricalca l'archetipo del monarca saggio, buono e generoso, dal punto di vista fisico appare come il leone maschio per eccellenza, distinguendosi tra i suoi simili per maestosità e possanza fisica. Pur essendo Simba il vero protagonista del film, Mufasa è un personaggio di innegabile importanza poiché ricorre spesso nei ricordi del figlio e rimane la sua guida anche dopo la morte. Il suo nome significa "Re" in lingua manazoto. Data la sua grande saggezza sotto il suo regno tra gli animali delle Terre del Branco c'era solo armonia e giustizia. Nonostante ciò Mufasa è odiato da Scar, suo fratello, cresciuto nel rancore nei suoi confronti per non essere stato scelto dal loro padre come futuro re. Questi, pertanto, imbastisce un piano per uccidere lui e Simba, in modo da poter salire al trono al posto loro. Il primo tentativo di uccidere Simba viene sventato dall'intervento di Mufasa, il quale mette in fuga le tre iene, Ed, Shenzi e Banzai. Il giorno dopo, Scar attua un nuovo piano per uccidere il fratello e il nipote. Dopo aver attirato Simba, con l'inganno, in una gola, aizza un enorme branco di gnu, mettendo in pericolo il giovane principe. Mufasa salva ancora una volta suo figlio e, per salvarsi dagli zoccoli dei terrorizzati gnu, tenta una faticosa scalata su una parete rocciosa, ma troverà la morte dopo essere stato spinto giù dalla parete da Scar. Dopo molti anni, Simba viene a contatto con la sua vecchia amica Nala, che tenta di convincerlo a tornare alla Rupe dei Re e riprendersi il trono. Simba, ancora attanagliato dai sensi di colpa per la morte del padre (Scar gli fece credere che Mufasa morì nel tentativo di salvarlo) rifiuta e si allontana in un campo in cui incontra il saggio mandrillo Rafiki, vecchio amico di Mufasa, e rimasto in "contatto" con il suo spirito. Questi, facendolo specchiare in un piccolo stagno, gli mostrerà l'immagine di Mufasa sovrapporsi alla sua, e di li a poco, lo spirito di Mufasa in persona apparirà al figlio per ricordargli il suo ruolo, spronandolo a riprendere il suo posto come unico e vero re. Dopo aver affrontato e sconfitto Scar, Simba sale finalmente al trono e, un attimo prima di prendere il suo posto come re, osserva le nubi diradarsi e sentirà nuovamente la voce del padre che, solennemente, gli raccomanderà ancora di ricordarsi chi è.

Mufasa compare anche ne Il re leone II - Il regno di Simba, ancora una volta in forma di spirito. Presenzia alla cerimonia di presentazione della nipote Kiara, ed in seguito progetta insieme a Rafiki, la riappacificazione dei due branchi tramite l'unione di Kovu e Kiara. Compare anche in un sogno di Simba in cui questi rivive il terribile momento della sua morte. Sua ultima apparizione è in forma di "luce guida", per consigliare l'indeciso Simba, dopo lo scontro tra i Rinnegati (capeggiati da Zira) e il suo branco, di mettere fine alle inimicizie tra i due branchi. Al termine del film, si congratulerà con il figlio per le sagge decisioni da lui prese.

Ne Il re leone 3 - Hakuna Matata, Mufasa appare in tre scene: alla presentazione di Simba, nel cimitero degli elefanti e quando il suo spirito incontra Simba, ma, nel corso del film non ha nessun dialogo.

Nala[modifica | modifica sorgente]

Nala
Voci orig.
Voci italiane

Nala

Nala è una leonessa, figlia di Sarafina (che appare in una scena de Il re leone), e quando è cucciola è la migliore amica di Simba e sua compagna di giochi. Quando diventa adulta scappa dalle Terre del Branco in cerca di aiuto e ritrova Simba. Subito il leone si rifiuta di tornare a casa ma grazie all' intervento di Rafiki Simba capisce che il suo branco ha bisogno di lui. Dopo la sconfitta di Scar Simba diventa Re e Nala sarà sua moglie e diventerà regina della Rupe dei Re.

InIl re leone II - Il regno di Simba, Nala diventa la mamma di Kiara e futura suocera di Kovu. Nala ha un ruolo anche in Il re leone 3 - Hakuna Matata, dove si può vedere nella sequenza di Can You Feel the Love Tonight (che riprende la medesima scena del primo film).

Rafiki[modifica | modifica sorgente]

Rafiki
Interpretato da Tsidii Le Loka musical di Broadway[1]
Voce orig. Robert Guillaume
Voce italiana Sergio Fiorentini

Rafiki

Rafiki è un vecchio e saggio mandrillo, amico di Mufasa. Porta sempre con sé un bastone che usa per padroneggiare, a quanto sembra, la magia o come semplice arma da mischia, che utilizza durante lo scontro con le iene.

Ha inoltre dimostrato di essere un esperto di arti marziali, in quanto col suddetto bastone riesce a stendere molte iene. È la guida spirituale di Mufasa e, in seguito, di Simba. È una figura fondamentale che indica la strada da percorrere affinché i due sovrani non commettano errori irreparabili; la sua figura incarna quella di uno stregone africano.

Il simpatico mandrillo intona spesso un motivetto che fa:"Asantesana cocco banana!".

Il suo nome "Rafiki", in Swahili significa "amico". Ha la colorazione del muso simile ad un vero mandrillo, con la barba bianca anziché gialla, e la coda lunga da babbuino.

Sarabi[modifica | modifica sorgente]

Sarabi è madre premurosa di Simba e compagna di Mufasa. È doppiata da Madge Sinclair e in Italia da Paola Giannetti. Il suo nome in swahili significa "miraggio". Nel film svolge un ruolo secondario e la si vede spesso insieme alle altre leonesse del branco in alcune scene come nella scena iniziale durante la presentazione del figlio Simba, la scene del bagnetto di Nala e Simba, della salita al trono di Scar, nello scontro finale tra Simba e Scar insieme alle altre leonesse ed alla salita al trono del figlio.

Nel sequel Il re leone II - Il regno di Simba Sarabi non appare e non viene nemmeno menzionata, una delle ipotesi più plausibili dei motivi della sua assenza è il fatto che la sua doppiatrice originale è morta un anno dopo l'uscita del primo film, mentre nel midquel Il re leone 3 - Hakuna Matata fa soltanto un cameo di pochi secondi insieme a Mufasa durante la presentazione di Simba.

Sarafina[modifica | modifica sorgente]

Sarafina è la madre di Nala, ha gli occhi azzurri come la figlia. Appare in poche scene, e recita una sola battuta. Si trova per lavare Nala con la madre di Simba. Il nome Sarafina deriva da sarafino, il più alto grado nella gerarchia angelica. Il loro nome deriva dall' ebraico e significa "splendente".

Scar[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Scar (Disney).

Shenzi, Banzai e Ed[modifica | modifica sorgente]

Shenzi, Banzai e Ed
Voci orig.
Voci italiane

Shenzi, Banzai e Ed sono un trio di iene che aiutano Scar nella sua scalata al trono.

  • Shenzi: è l'unica femmina, che comanda sugli altri due: infatti, nella società delle iene, le femmine sono al vertice. Sul suo capo si nota un ciuffo che la distingue donandole un tocco di femminilità. Le labbra sottili e nere, nonché la stessa voce nel doppiaggio italiano la fanno somigliare impressionantemente all'attrice statunitense Whoopi Goldberg, che la doppia in originale. Shenzi è il capo e anche l'unica iena che tratta con Scar. Il trio tende un primo agguato a Simba, Nala e Zazu nel cimitero degli elefanti e in quell'occasione Shenzi viene leggermente ferita dal futuro Re; in un secondo episodio sarà attaccata dal facocero Pumbaa. Nel film Il re leone 3 - Hakuna Matata, Timon rivela il suo nome completo: Hyena di Shenzi Marie Predatora Veldetta Jacquelina. Inizialmente il personaggio doveva essere un maschio, con la voce di Tommy Chong, che successivamente rifiutò il ruolo.
  • Banzai: uno dei due maschi del trio. È anche il personaggio più "sfortunato", poiché si fa male per ben tre volte nel corso del film Il re leone: la prima volta da Mufasa nel cimitero degli elefanti; la seconda volta dopo la morte di Mufasa, mentre insegue Simba, finisce in una foresta di spine; infine la terza volta è malmenato da Pumbaa insieme a Shenzi. In quell'occasione a causa di una frase rivolta a Pumbaa: "Ehi! Chi è quel maiale?" che provoca la rabbia del facocero, che pretende di essere chiamato "Signor Maiale".
  • Ed: il secondo maschio del trio e non possiede una grande intelligenza, ma è innocuo ed estremamente iperattivo. Incarnando appieno l'appellativo affibbiato alla iena ridens ride per ogni nonnulla, soprattutto delle disgrazie che capitano al compagno Banzai. Il personaggio è ispirato, per la sua scatenata ilarità, al noto chitarrista hard rock Eddie Van Halen.

Le tre iene, al pari di altri personaggi del film, sono caratterizzate fisicamente in maniera piuttosto insolita, prendendo "a prestito" le caratteristiche di diverse specie animali. Nonostante, infatti, l'apparenza generale sia quella della Iena macchiata (Crocuta crocuta), alcune caratteristiche, quali la lunga criniera e le grandi orecchie membranose, sembrano piuttosto mutuate da un'altra specie di iena, la Iena striata (Hyaena hyaena).

Questo bizzarro trio sono comparse come antagoniste principali nel terzo film e appaiono anche in alcune puntate delle serie TV su Timon e Pumbaa e House of Mouse: Il Topoclub e fanno parte del gruppo di malvagi nello Special Topolino e i Cattivi Disney, e hanno inoltre una certa somiglianza con le faine alle dipendenze del giudice Morton in Chi ha incastrato Roger Rabbit (il doppiatore di Ed Giampiero Dell'olio ha doppiato 4 delle faine) oltre che con i cattivi delle Time Bokan, celebri anime giapponesi prodotti dalla Tatsunoko.

Nel videogioco Kingdom Hearts II il trio compare spesso nella missione dei protagonisti nel mondo, e in particolare ci sono 2 combattimenti nei 2 episodi: nel primo, le tre vogliono mangiare Timon e Pumbaa nella tana del Re, ostacolando Sora, Paperino e Pippo nell'inseguimento a Scar; nel secondo scontro, che avviene nel vasto cimitero degli elefanti, il quartetto degli eroi vuole avere informazioni sullo spettro di Scar. In entrambi i casi bisogna sconfiggere tutte e 3 le iene, dotate ognuna di una propria barra della vita.

Timon e Pumbaa[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Timon e Pumbaa.

Zazu[modifica | modifica sorgente]

Zazu
Voci orig.
Voce italiana Roberto Del Giudice

Zazu

Zazu è il maggiordomo reale che ha l'incarico di accudire il giovane principe e di comunicare al re tutte le novità. È un esemplare di Bucero beccogiallo. Nel primo film della saga, Zazu si trova in disaccordo con Simba e Nala, quando sono ancora cuccioli, sul fatto che egli ha il compito di proteggere il futuro re. Dopo la morte di Mufasa sarà costretto a servire il fratello Scar divenuto il nuovo re, che lo imprigiona in una gabbia fatta di ossa e lo obbliga a cantare per lui. Con l'arrivo di Simba (ormai diventato adulto) viene liberato da Pumbaa.

Il re leone II: il regno di Simba[modifica | modifica sorgente]

Kiara[modifica | modifica sorgente]

Kiara
Voci orig.
Voci italiane

Kiara

Kiara è la figlia del re Simba e della regina Nala e quindi futura regina delle Terre del Branco. È una cucciola molto curiosa e tende a cacciarsi nei guai proprio come il padre da cucciolo. Quando diventa adulta si innamora di Kovu, l'erede di Scar, ma il padre le vieta di vederlo però la principessa scappa dalla Rupe dei Re e raggiunge l'innamorato. Invece di scappare e creare un branco, i due tornano indietro e fermano la guerra tra Zira e Simba. Simba capisce il suo errore e accetta Kovu come sposo per Kiara. I due si sposano e diventano i futuri sovrani della savana.

Kovu[modifica | modifica sorgente]

Kovu
Voci orig.
Voci italiane

Kovu

Kovu è il figlio della leonessa Zira ed erede di Scar, l'antagonista del primo film Il re leone.

Nato negli ultimi giorni di regno di Scar, Kovu venne scelto personalmente da quest'ultimo per succederlo come re delle Terre del Branco. Per mantenere fede a questo triste destino di vendetta, Kovu verrà addestrato da Zira per uccidere Simba e diventare re. Diventato adulto, Kovu viene mandato dalla madre nelle Terre del Branco, allo scopo di avvicinarsi a Kiara, la figlia di Simba e Nala, per poter conquistare la fiducia del re e poi ucciderlo. Inaspettatamente, Kiara e Kovu si innamorano. Questo nuovo sentimento porta Kovu a ribellarsi al destino che gli è stato affidato e portandolo a tradire la malvagia madre. Dopo molte prove, Kovu riesce a farsi accettare da Simba, riuscendo a portare la pace, tramite l'unione del suo branco con quello di Kiara.

Nuka[modifica | modifica sorgente]

Nuka
Voce orig. Andy Dick
Voce italiana Francesco Pezzulli

Nuka

Nuka è un personaggio del film Disney Il re leone II - Il regno di Simba.

Il nome di Nuka significa "puzza" in swahili; probabilmente, il nome gli è stato assegnato a causa dell'aspetto trasandato: Nuka si distingue per una scarsa criniera nera, una costituzione magrissima ed un gran numero di parassiti, che infestano il suo pelo scuro e ha occhi rossi, come la madre. Nel film non è specificato se Nuka sia o meno il figlio di Scar, infatti, nell'elencare le ragioni per cui lui sarebbe stato un miglior erede, cita solo la sua età, la forza e l'intelligenza, non la diretta discendenza (anche se precedentemente, nel lamentarsi del fatto che Kovu è il prescelto, pronuncia la frase "Scar non era neanche suo padre, lo ha solo adottato!". Questo, quindi, potrebbe far intendere che, a differenza del fratello minore, egli sia figlio diretto di Scar). Oltre a Kovu, che invidia profondamente, Nuka ha una sorellina, Vitani, che a dispetto dell'età è molto più matura di lui e con la quale si ritrova spesso a battibeccare. Nuka desidera profondamente essere riconosciuto dalla madre, Zira, a tal punto da sacrificare la sua stessa vita per realizzare il desiderio di questa di vendicare Scar: morirà schiacciato da dei pesanti tronchi durante l'inseguimento di Simba e la sua morte segna profondamente Vitani, che per questo finirà per abbandonare a sua volta la madre, schierandosi dalla parte di Simba. È probabile che Nuka sia stato il figlio più amato da Zira, poiché ella è profondamente disperata dalla sua morte, mentre non aveva avuto problemi a minacciare Vitani e Kovu. Anche per questo è probabile che Nuka fosse figlio di Scar.

Vitani[modifica | modifica sorgente]

Vitani
Voci orig.
Voci italiane

Vitani

Vitani è l'unica figlia femmina dell'antagonista Zira. Vitani ha due fratelli: Nuka, fratello maggiore, e Kovu si direbbe suo coetaneo. L'aspetto della leoncina ricorda poco quello della madre per il suo mantello che appare dorato e i suoi occhi che sono azzurri, ma una volta adulta i suoi tratti appaiono più simili. Le piace fare la lotta, è diretta e sarcastica, ma non per questo poco giudiziosa. Il lato saggio del personaggio emerge durante lo scontro finale: dopo aver vissuto nella violenza e nell'odio, decide di prestare ascolto a Kiara e rinuncia a perseguire il piano della madre per uccidere Simba. Questo gesto scatena la rabbia di Zira, che minacciandola si aliena la lealtà delle altre leonesse al suo seguito, ponendo così fine la guerra fra i due regni.

Gli animatori inizialmente l'avevano chiamata Shetani, che in Swahili significa "diavolo".

Il suo nome, Vitani significa "guerra".

Zira[modifica | modifica sorgente]

(EN)
« Oh the battle may be bloody, but that kind of works for me! »
(IT)
« Una caccia insanguinata, ma fantastica per me! »
Zira
Voce orig. Suzanne Pleshette
Voce italiana Paola Tedesco

Zira

Zira è l'antagonista principale del film Il re leone II: il regno di Simba. Il suo nome deriva dal swahili e significa "odio". Madre di Nuka, Vitani e Kovu, Zira è il leader del gruppo dei rinnegati, ovvero i leoni rimasti fedeli a Scar dopo la salita al trono di Simba.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

« Io non dimenticherò mai! »

Zira è particolarmente cinica, spietata e opportunista, come dimostrato quando si prepara ad attaccare Simba in pieno giorno, mentre si trova da solo. È un'abile manipolatrice, riuscendo a instaurare nella mente di Kovu la convinzione ossessiva di uccidere Simba e inoltre, sembra non avere troppi problemi ad uccidere i membri della propria famiglia (quando minaccia di morte la figlia Vitani, che si rifiuta di combattere ancora Simba), il che fa di lei una sociopatica. Zira si lascia spesso trascinare dalle emozioni, perdendo il controllo di sé e prendendo spesso decisioni impulsive. Nonostante tutto però, Zira può essere anche considerata una figura in qualche modo "tragica", e le ragioni della sua vendetta sono forse più complesse del semplice "essere stata esiliata". Il regista del film Il re leone II: il regno di Simba, Darrel Rooney ha descritto la leonessa come "molto scaltra e matura, caratteristica espressa perfettamente dai suoi movimenti felini".

Storia[modifica | modifica sorgente]

Zira fa la sua prima apparizione nel film Il re leone II: il regno di Simba. Prima degli eventi del film Zira era fedele a Scar (presumibilmente era la sua compagna), ma quando quest'ultimo venne ucciso a causa di Simba, la leonessa venne esiliata e costretta a vivere nelle Terre di Nessuno insieme ad un branco di leonesse (i rinnegati) e i suoi tre figli: Nuka, Vitani e, soprattutto, Kovu, il quale era stato scelto da Scar come suo legittimo erede,pure se Zira era la sua amante: i figli in realtà erano nati da una precedente relazione con un leone vagabondo, poi ucciso da Zira in segreto. Esiste tuttavia l' ipotesi che Nuka sia il figlio di Scar.

Una volta che Kovu cresce, Zira decide di infiltrare il figlio nelle Terre del Branco, in modo tale da uccidere Simba dopo essersi guadagnato la sua fiducia. Tuttavia Kovu rinnega l'ordine della madre e si innamora di Kiara, figlia di Simba. Zira, sentendosi tradita, tende un'imboscata a Simba; in questa occasione Nuka muore accidentalmente nel tentativo di catturare Simba, mentre quest'ultimo riesce a fuggire. Qui Zira mostra il suo lato più "umano", disperandosi alla morte del figlio. Zira accusa Kovu di aver provocato la morte di Nuka e, dopodiché, guida le sue leonesse nelle terre del Branco dove dà inizio ad una dura lotta con Simba e i suoi sudditi. A fermarli intervengono Kovu e Kiara, i quali riescono a convincere i rinnegati ad abbandonare la lotta e a schierarsi dalla parte di Simba. Nonostante la proposta di dimenticare il passato e la possibilità di essere accolta da Simba, Zira attacca il Re, ma Kiara le si para davanti, salvando il padre. Nella colluttazione, le due leonesse precitano in una profonda gola, solcata dalle acque vorticose di un fiume: Kiara riesce a mettersi al sicuro su uno sperone di roccia, mentre Zira si ritrova in equilibrio precario. Rifiutando l'aiuto di Kiara (per orgoglio), Zira finisce per precipitare e morire annegata.

La mia ninna nanna[modifica | modifica sorgente]

(EN)
« The sinphony of death, oh my... That's my lullaby! »
(IT)
« L'odio avvelena ogni zanna... E' la mia ninna nanna! »

La mia ninna nanna (My lullaby) è la canzone cantata da Zira (e seppur in ruolo minore, da Nuka e Vitani) e può essere considerata una delle canzoni Disney più oscure e complicate. Il brano rivela molto sulla personalità di Zira, dal suo modo di trattare i nemici, ai suoi piani per il figlio Kovu. Durante la canzone, Zira spiega a Nuka e a Vitani il suo piano per sbarazzarsi di Simba per mezzo di Kovu; vi sono molti riferimenti espliciti alla morte e all'assassinio (anche se per ragioni di musicalità, non così frequenti come nella versione inglese).

(EN)
« The sound of Simba's dying gasp/ his daughter squealing in my grasp/ his lionesses' mournful cry/ that's my lullaby! »
(IT)
« Simba passa a miglior vita/ e con lui la figlia tanto amata/ son finalmente morti, osanna/ è la mia ninna nanna! »

L'intera canzone è una vera e propria parodia di una ninna nanna; infatti Zira, si rivolge inizialmente a Kovu con parole dolci e affettuose, per poi esprimere ferocemente (una volta che Kovu si è addormentato) tutta la sua rabbia e il suo rancore verso Simba e, pianificando appunto, di ucciderlo. È curioso vedere come durante la canzone, Zira si muova costantemente attraverso il termitaio dove vivono i Rinnegati, restando però quasi sempre nell'ombra mentre pianifica la morte di Simba. Il brano termina con una scena che vede la leonessa arrampicata sul punto più alto del termitaio, circondata dagli altri Rinnegati, e che conclude la canzone con una folle risata. Questa scena ricorda molto la fine della canzone Sarò re, cantata da Scar nel primo film, Il re leone.

(EN)
« Payback time is nearing/ and then our flag will fly/ against a blood-red sky.../ that's my lullaby! Hahahahaha!!! »
(IT)
« La riscossa è in atto/ per noi sarà la manna/ per voi una condanna.../ è la mia ninna nanna! Ahahahahah!!! »

Il re leone 3: Hakuna Matata[modifica | modifica sorgente]

Nel terzo film della serie appaiono alcuni parenti di Timon, in particolare sua madre (doppiata da Julie Kavner) e lo zio Max (doppiato da Jerry Stiller). I due sono fortemente caratterizzati e stereotipati: da un lato c'è la madre, apprensiva come ogni genitore, che tende a difendere il figlio e a preoccuparsi per lui in ogni circostanza. Dall'altro lo zio, personaggio pauroso e nevrotico, sempre ossessionato dalle minacce esterne (a sua detta i suricati sono delle prede naturali impossibilitate a difendersi). Proprio lui in diverse occasioni accusa Timon davanti agli altri. Alla fine del film compariranno nelle terre del branco e mostrando coraggio e spirito di gruppo, aiuteranno gli eroi principali a sconfiggere Scar e le iene.

Timon e Pumbaa[modifica | modifica sorgente]

Questi personaggi appaiono in tutti e tre i film del re leone e nella serie televisiva Timon e Pumbaa.

Amici di Timon e Pumbaa[modifica | modifica sorgente]

Avversari[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda del musical The Lion King sull'Intenet Broadway Database
  2. ^ a b c d e f Il Re Leone II: Il regno di Simba in Il mondo dei doppiatori, AntonioGenna.net.