Pero Sudar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pero Sudar
vescovo della Chiesa cattolica
Pero Sudar Rotterdam misa3.jpg
BishopCoA PioM.svg
Titolo Selja
Incarichi attuali Vescovo ausiliare di Sarajevo
Nato 3 luglio 1951 a Bare
Ordinato presbitero 29 giugno 1977
Consacrato vescovo 6 gennaio 1994 dall'arcivescovo Vinko Puljić (poi cardinale)

Pero Sudar (Bare, 3 luglio 1951) è un vescovo cattolico bosniaco, vescovo ausiliare dell'arcidiocesi di Sarajevo.

Note biografiche[modifica | modifica wikitesto]

Sudar frequentò il liceo a Zagabria e a Ragusa. Completò la sua educazione presso il seminario arcivescovile di Vrhbosna dove conseguì la laurea in Teologia.

Fu ordinato sacerdote il 29 giugno 1977. Quale primo incarico, svolse per due anni la funzione di cappellano a Komušina, in Bosnia ed Erzegovina. Ha studiato successivamente a Roma presso la Pontificia Università Urbaniana, dove ha coseguito il dottorato in diritto canonico.

Dal 1986 è professore di diritto canonico alla facoltà teologica a Sarajevo, inoltre dal 1989 è rettore del seminario arcivescovile.

Il 28 maggio 1993, quando ancora la città era assediata dall'esercito serbo, Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo ausiliare di Vrhbosna-Sarajevo, assegnandogli il titolo di Selja. Fu consacrato vescovo dall'arcivescovo, Vinko Puljić, il 6 gennaio 1994, co-consacranti il cardinale Franjo Kuharić ed il vescovo Ćiril Kos.

Incaricato per i cattolici croati all'estero, per i rapporti con lo Stato, è presidente della commissione giustizia e pace.

Scuole per l'Europa[modifica | modifica wikitesto]

Promotore delle scuole interetniche, le scuole per l'Europa, è considerato una delle personalità più importanti nella lenta ma inesorabile ricostruzione civile e morale nel dopoguerra della ex Jugoslavia. Nel 2005 questo suo impegno fu riconosciuto con il premio "Cardinale-Re" dalla fondazione viennese Communio et Progressio che gli attribuì una borsa di 10.000 euro[1]. Renovabis, un'associazione promossa dalla conferenza episcopale tedesca per lo sviluppo dei paesi dell'Europa orientale, ha sostenuto all'agosto del 2008 questo progetto per circa 4,2 milioni di euro[2].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo su Die Tagespost
  2. ^ Homepage di Renovabis

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Selja Successore BishopCoA PioM.svg
Eurico dos Santos Veloso dal 28 maggio 1993 in carica