Perimede

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Perimede è un personaggio dell'Odissea (canto IX, XI e XII) di Omero. Compagno di Ulisse (nonché suocero), accompagnò il suo capitano nelle molte peripezie. Fu uno dei più fedeli compagni del re di Itaca.

Insieme a Euriloco legò Ulisse all'albero maestro della nave quando la flotta incontrò le Sirene. Poi accompagnò Ulisse nella Terra dei Ciclopi e nell'Ade, dove sgozzò una capra in sacrificio all'indovino cieco Tiresia. Come tutti i compagni di Ulisse morì risucchiato dalla bocca di Cariddi dopo aver mangiato le vacche del Sole.

La figura di Perimede nell'arte[modifica | modifica wikitesto]

Nel film di Andrei Michalkov-Konchalovsky (1997) interpretato da Andoni Anastasse, Perimede viene rappresentato come un guerriero un po' codardo.

Omonimi[modifica | modifica wikitesto]

Pseudo-Apollodoro nella Biblioteca cita altri personaggi di nome Perimede: uno dei figli di Euristeo[1], una delle cinque figlie di Eolo[2] e la sorella di Anfitrione[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biblioteca, II, 8; nell'edizione Mondadori è traslitterato in Perimedo.
  2. ^ Biblioteca, I, 7
  3. ^ Biblioteca, II, 4

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]