Perfect Symmetry (album Keane)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Perfect Symmetry
Artista Keane
Tipo album Studio
Pubblicazione 13 ottobre 2008
Durata 50:41
Dischi 1
Tracce 11
Genere Alternative rock
Pop rock
Etichetta Island
Produttore Keane
Registrazione gennaio 2008-luglio 2008, Teldex, Berlino (Germania), Studio de la Grande Armée, Parigi (Francia), Olympic Studios, Londra (Regno Unito), The Barn, East Sussex (Regno Unito)
Formati CD, 2CD, CD+DVD, LP, download digitale
Keane - cronologia
Album precedente
(2006)
Singoli
  1. Spiralling
    Pubblicato: 4 agosto 2008
  2. The Lovers Are Losing
    Pubblicato: 20 ottobre 2008
  3. Perfect Symmetry
    Pubblicato: 29 dicembre 2008
  4. Better Than This
    Pubblicato: 16 marzo 2009

Perfect Symmetry è il terzo album in studio del gruppo musicale britannico Keane, pubblicato il 13 ottobre 2008 dalla Island Records.[1]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Perfect Symmetry è il risultato di un processo di registrazione più rilassato e creativa rispetto a quello per Under the Iron Sea. Musicalmente, l'album segna un leggero distaccamento dalle sonorità piano rock caratteristiche del gruppo, con l'impiego di chitarre per la prima volta dai loro esordi musicali e un largo uso di sintetizzatori, così come la sperimentazione con altri strumenti, come il sassofono e arrangiamenti d'archi. Notevole è anche l'emergere di uno stile synth pop anni ottanta nella maggior parte dei brani come in Spiralling e in Again and Again. Uno dei pochi brani piano-driven dell'album è l'omonimo Perfect Symmetry.

La lista tracce è stata resa pubblica dal gruppo il 17 agosto 2008 attraverso il proprio sito ufficiale.[2]

In questo album inoltre ha contribuito anche il bassista Jesse Quin, unitosi ai Keane a partire dal 2007 inizialmente come elemento di supporto dal vivo. Quin sarebbe divenuto un membro ufficiale soltanto tre anni più tardi.[3]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Tim Rice-Oxley, Tom Chaplin e Richard Hughes.

  1. Spiralling – 4:19
  2. The Lovers Are Losing – 5:04
  3. Better Than This – 4:03
  4. You Haven't Told Me Anything – 3:47
  5. Perfect Symmetry – 5:12
  6. You Don't See Me – 4:03
  7. Again and Again – 3:50
  8. Playing Along – 5:35
  9. Pretend That You're Alone – 3:47
  10. Black Burning Heart – 5:23
  11. Love Is the End – 5:38
CD bonus nella Deluxe Edition (Stati Uniti)[4]
  1. Spiralling (Demo Version) – 4:05
  2. The Lovers Are Losing (Demo Version) – 5:18
  3. Better Than This (Demo Version) – 4:48
  4. You Haven't Told Me Anything (Demo Version) – 3:51
  5. Perfect Symmetry (Demo Version) – 4:57
  6. You Don't See Me (Demo Version) – 3:34
  7. Again and Again (Demo Version) – 4:10
  8. Playing Along (Demo Version) – 4:32
  9. Pretend That You're Alone (Demo Version) – 4:28
  10. Black Burning Heart (Demo Version) – 4:42
  11. Love Is the End (Demo Version) – 4:43
DVD bonus nella Deluxe Edition (Regno Unito)[5]
  1. Documentary: The Making of the Album – 20:30
  2. Track by Track Video Commentary by the Band – 13:04
  3. Demo Versions of All Songs – 49:08
  4. Spiralling: Live Rehearsal Footage – 3:43

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti
  • Jesse Quinbasso, chitarra (traccia 10), percussioni, cori
  • Jum Hunt – sassofono (traccia 9)
  • Anaël Train – cantato francese (traccia 10)
  • Stephen Hussey – violino (traccia 11)
  • Chris Fish – violoncello (traccia 11)
  • Jo Silverston, Ian Harris – sega musicale (traccia 11)
Produzione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) A message from the band, Keane, 31 luglio 2008. URL consultato il 31 luglio 2008.
  2. ^ (EN) Tracklisting announcement, Keane, 17 agosto 2008. URL consultato il 25 agosto 2008.
  3. ^ (EN) Jesse joins Keane, Keane, 3 febbraio 2011. URL consultato il 24 aprile 2013.
  4. ^ (EN) Keane ‎– Perfect Symmetry (Deluxe Version) in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 4 gennaio 2015.
  5. ^ (EN) Keane ‎– Perfect Symmetry (Deluxe Edition) in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 4 gennaio 2015.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock