Pepsi-Cola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pepsi-Cola
Pepsi logo 2008.svg
Categoria Soft drink
Tipo Cola
Marca PepsiCo
Anno di creazione 1898
Nazione Stati Uniti
Slogan Pepsi, The Choice Of A New Generation
Ingredienti

Acqua, zucchero, anidride carbonica, sciroppo di fruttosio, coloranti, acido fosforico, caffeina, acido citrico, aromi naturali.

Valori nutrizionali medi in 100 g
Valore energetico 44 kcal / 147 kJ
Proteine <1 g
Carboidrati 11 g
Grassi 0 g
Sito http://www.pepsi.com/

La Pepsi-Cola, più comunemente conosciuta come Pepsi, è una bevanda analcolica di tipo soft drink prodotta dalla PepsiCo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nasce nel 1898 in una cittadina del Nord Carolina, negli Stati Uniti, quando un farmacista, Caleb Bradham, creò una bibita a base di cola dissetante e digestiva. Già nel 1903 Bradham superò i confini della piccola cittadina di New Bern e fondò la Pepsi Cola Company. Già dagli albori Pepsi inizia ad utilizzare la pubblicità, che porterà il marchio, dopo aver superato la prima guerra mondiale, a diffondersi in tutti gli Stati Uniti. Negli anni trenta la Pepsi si espande a livello internazionale arrivando in America latina, in Canada e in Unione Sovietica. Trasferisce il suo quartier generale a Long Island e inizia a preoccupare da vicino la Coca Cola. Durante gli anni della Grande Depressione Pepsi lancia una nuova campagna commerciale: offre il doppio del prodotto allo stesso prezzo.

Passa anche la seconda guerra mondiale; negli anni cinquanta e sessanta Pepsi attua una massiccia campagna di spot televisivi, grandi affissioni, un nuovo packaging e una strategia di distribuzione e di vendita che la porta ad insidiare la leadership della Coca-Cola. Nel 1963 Pepsi fa il suo ingresso in Italia. La "guerra della cola" prosegue, nei decenni successivi, fino ad arrivare agli anni ottanta quando Pepsi Cola supera Coca-Cola e diventa il primo soft drink degli Stati Uniti, grazie a forti campagne pubblicitarie che vedono testimonial d'eccezione come Ray Charles, Beyoncè, Tina Turner, Madonna, Britney Spears e Michael Jackson. Negli anni novanta continua l'espansione di Pepsi che raggiunge la Cina, l'Europa dell’est, il Messico e l'Argentina. Nell'ultimo decennio prosegue la lotta con Coca Cola per il primato dei soft drink[1].

Nel 2012 vengono ingaggiati gli One Direction come testimonial ufficiali assieme a Katy Perry.

Un poster pubblicitario della Pepsi degli anni cinquanta

Controversie[modifica | modifica sorgente]

La multinazionale americana è stata criticata per presunte attività di pressione sul potere politico e sui media, infatti secondo la "Guida al consumo critico" l'azienda PepsiCo fa parte delle aziende che finanziano i partiti statunitensi, investendo a tal fine oltre un milione di dollari nel 2002.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il wrestler di Chicago CM Punk porta tatuato il logo della Pepsi sulla spalla sinistra perché, come raccontato da lui stesso, tutti i suoi amici si facevano tatuare marchi di birre ma lui, notoriamente Straight Edge, non assumeva alcolici e per ironizzare su questo fatto si fece questo tatuaggio, diventato poi un vero simbolo del lottatore per i suoi fans.


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Storia della Pepsi

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina