Pena di morte in Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La pena di morte in Francia esistette ufficialmente dal Medioevo fino al 1981.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Antico regime[modifica | modifica sorgente]

Durante il regno di Luigi XIV (1638 - 1715) il barbaro supplizio dello squartamento, importato dalla Gran Bretagna, cominciò ad essere utilizzato massicciamente perché creduto un valido deterrente per la folla di spettatori: nel 1757 infatti fu squartato l'attentatore del re Luigi XV. Questo tipo di squartamento era diverso da quello usato nel Regno Unito: infatti venivano legate le braccia e le gambe del condannato ai cavalli, i quali, aizzati in direzioni diverse, provocavano lo spezzamento dell'addome. La decapitazione, metodo di esecuzione tra i meno crudeli nell'antico regime, era riservata ai nobili.

L'adozione della ghigliottina[modifica | modifica sorgente]

Prontespizio del Code pénal del 1791.

Già dal 1791, ci fu un progetto per abolire in Francia la pena di morte, ma l'Assemblea nazionale costituente rifiutò la proposta, vietando, per contro, la tortura. Durante il periodo del Terrore lo strumento usato per eseguire la pena capitale era la ghigliottina, che veniva considerata meno crudele dello sventramento in quanto essa uccideva il condannato senza fargli subire sofferenze atroci.

Il 26 ottobre del 1795, la Convenzione nazionale abolì la pena capitale, ma solamente quando il paese avesse attraversato un periodo di pace. Con Napoleone Bonaparte, venne ristabilita nel 1810 con il Codice penale francese del 1810, rimasto in vigore fino al 1994.

Decreto Crémieux[modifica | modifica sorgente]

Un decreto di Adolphe Crémieux del 25 novembre 1870 riformò l'uso della ghigliottina. Inoltre veniva previsto che un solo boia doveva prendersi carico dell'esecuzione, pertanto si abolivano gli esecutori provinciali (all'epoca ne esisteva uno per ogni corte d'appello).

Esecuzione pubblica del pluriomicida Pierre Vaillat davanti alla prigione di Lons-le-Saunier, Francia, 20 aprile 1897.

La presidenza Fallières e il caso Soleilland[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni del Novecento la Francia poteva quasi dirsi abolizionista di fatto, poiché per tre anni, tra il 1905 e il 1908, il Presidente della repubblica Armand Fallières graziò sistematicamente tutti i condannati. L'abolizione della pena di morte in Francia era all'ordine del giorno nel 1906, ma la pubblica opinione francese ne era ancora ostile. L'ultima esecuzione, prima di quel stop momentaneo, fu quella del muratore italiano Antonio Pozzi giustiziato a Belfort il 6 ottobre 1905. Sebbene continuassero, e anzi aumentassero rispetto agli anni precedenti, ad arrivare da parte delle corti d'assise diverse pronunce per la condanna capitale, la grazia presidenziale arrivava puntuale. Da una parte il presidente della Repubblica, insieme al primo ministro Georges Clemceau e il guardasigilli Aristide Briand, erano aperti al superamento di tale barbaria, dall'altra i condannati ne godevano, tanto che André Negro, graziato proprio da Fallières, arrivò a scrivere al presidente per reclamare una donna per passare il tempo e un'arma per uccidere il suo secondino.

Nell'inverno del 1907 a Parigi Albert Soleilland uccise brutalmente la dodicenne Marthe. La pubblica opinione, dopo essere scoppiato il caso, si appassionò della vicenda. Il 23 luglio dello stesso anno la corte d'assise della Senna condannò il bruto ovviamente a morte. Dopo la sentenza ci fu un'esplosione di gioia da parte dell'opinione pubblica. Il 13 settembre il presidente Fallières graziò tutti condannati a morte tra cui lo stesso Soleilland. Il 15 settembre ci fu una manifestazione pubblica in cui si chiedeva le dimissioni di Fallières.

L'8 dicembre 1908 venne respinto, solo 201 voti a favore contro 330 contro, un progetto di legge, promosso da Aristide Briand, che aveva lo scopo di abolire la pena capitale nel paese.

L'8 gennaio 1909 la ghigliottina riprese a funzionare a Béthune quando i "Bandits d'Hazebrouck" Théophile Deroo, Canut Vromant, Auguste Pollet e Abel Pollet, assassini seriali, furono i primi giustiziati dalla fine del 1905.

La fine delle esecuzioni pubbliche[modifica | modifica sorgente]

Dopo lo scandalo dell'esecuzione di Eugene Weidmann, il 24 giugno 1939 il presidente del consiglio Edouard Daladier promulgò un decreto di legge con il quale si aboliva le esecuzioni in pubblico.

Mentre era alla guida del regime collaborazionista di Vichy, instauratosi nel sud-est del paese nel 1940, il Maresciallo Philippe Pétain rifiutò la grazia ad otto donne, poi ghigliottinate: tale scelta intransigente non era più stata fatta da oltre mezzo secolo.

Anni Settanta: le ultime esecuzioni[modifica | modifica sorgente]

Con le esecuzioni, nel novembre 1972, di Claude Buffet e Roger Bontems, iniziò la crociata di Robert Badinter per l'abolizione totale della pena di morte in Francia. Nel maggio 1973, a Marsiglia venne giustiziato Ali Benyanes; la sua esecuzione catturò poca attenzione dall'opinione pubblica francese. Per la terza volta in meno di sei mesi, Georges Pompidou, sebbene sfavorevole alla pena capitale, lasciò un condannato alla ghigliottina. Nel 1976 venne giustiziato il ventiduenne Christian Ranucci, accusato di aver rapito ed ucciso una ragazzina; il presidente Valery Giscard d'Estaing gli aveva rifiutato la grazia, ma in seguito la sua colpevolezza venne messa in dubbio con il "caso del pull-over rosso". Patrick Henry, accusato dell'omicidio di un bambino, il 21 gennaio 1977 sfuggì alla condanna capitale, nonostante l'opinione pubblica francese dell'epoca ne richiedesse la testa, grazie all'estenuante difesa dell'avvocato Robert Badinter. Poco dopo, il 23 giugno 1977, Jérôme Carrein venne ghigliottinato. Il 10 settembre dello stesso anno venne eseguita l'ultima condanna in Francia, quella di Hamida Djandoubi.

L'abolizione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1981, durante la campagna elettorale, François Mitterrand dichiarò di essere contrario alla pena capitale ed, in seguito, il 10 maggio dello stesso anno, fu eletto Presidente della Repubblica. Il 25 maggio il Presidente Mitterrand graziò il condannato Philippe Maurice, l'ultimo condannato ad essere graziato. Il 9 ottobre 1981 venne promulgata la legge che aboliva la pena di morte dal codice penale francese. Tra la fine dell'anno 1980 e l'abolizione alcuni altri imputati furono condannati in prima istanza della Corte d'Assise francese. Tutte queste sentenze furono cassate e annullate sia prima del 9 ottobre da una corte d'appello durante il corso normale delle procedure giurisdizionali, sia subito dopo il 9 ottobre dovuto all'assenza di una base legale per eseguire la pena, mentre una procedura d'appello era ancora in corso.[1]

Tra il 1984 e il 1995 furono presentate 27 proposte di legge, aventi lo scopo di ripristinare la pena di morte.

Condannati e giustiziati nella Quinta Repubblica (1959-1981)[modifica | modifica sorgente]

Questa lista è suscettibile di variazioni e potrebbe non essere aggiornata.
Nominativo Data condanna Verdetto finale Luogo esecuzione
Jules Vilion 16 gennaio 1959 Sentenza cassata il 16 aprile 1959
Jules Vilion 17 giugno 1959 Graziato il 13 novembre 1959
René Pons 19 novembre 1959 Ghigliottinato il 21 giugno 1960 Bordeaux
Georges Rapin 31 marzo 1960 Ghigliottinato il 26 luglio 1960 Parigi
Claude Charmes 29 aprile 1960 Graziato
Roland Imberdis 28 gennaio 1961 Graziato il 21 luglio 1961
Louis Jalbaud 1º febbraio 1961 Ghigliottinato il 7 dicembre 1961
Berthe Borgnet 7 marzo 1961 Graziata il 21 ottobre 1961
Andrée Perbeyre 27 settembre 1961 Graziata il 29 maggio 1962
Mohammed Akkouche 27 settembre 1961 Graziato il 30 maggio 1962
Larbi Abdelmajid ben Salah 25 ottobre 1961 Graziato l'8 giugno 1962
Philippe Paul 28 febbraio 1962
Claude Piegts (OAS) Fucilato il 7 giugno 1962 Fort du Trou-d'Enfer
Albert Dovecar (OAS) Fucilato il 7 giugno 1962 Fort du Trou-d'Enfer
Roger Degueldre (OAS) 28 giugno 1962 Fucilato il 6 luglio 1962 Fort d'Ivry
Jean-Marie Bastien-Thiry (OAS) 4 marzo 1963 Fucilato l'11 marzo 1963 Fort d'Ivry
Fernand M. 5 maggio 1963 Graziato il 5 ottobre 1963
Stanislas Juhant 29 ottobre 1963 Ghigliottinato il 17 marzo 1964 Parigi
Pawel Simsic 29 ottobre 1963 Graziato
Mazouz Ghaouti 13 novembre 1963 Ghigliottinato il 27 giugno 1964 Lione
Raymond Anama dicembre 1963 Ghigliottinato il 17 giugno 1964 Fort-de-France
Robert Actis 31 gennaio 1964 Ghigliottinato il 27 giugno 1964 Lione
Lambert Gau 12 dicembre 1964 Ghigliottinato il 22 giugno 1965 Fort-De-France
Juan Lorenzo Celerian 20 gennaio 1965 Graziato il 14 giugno 1965
Antonio Abate 25 marzo 1965 Graziato il 12 luglio 1965
Pierre Gaudry 24 giugno 1965 Graziato il 16 novembre 1965
Saïb Hachani 29 ottobre 1965 Ghigliottinato il 22 marzo 1966 Lione
Denis Berrogain 4 novembre 1966 Graziato il 4 febbraio 1967
Jude Hutin 24 febbraio 1967 Graziato il 7 luglio 1967
Gunther Volz 23 giugno 1967 Ghigliottinato il 16 dicembre 1967 Metz
Omar Osman Rabah 27 giugno 1969 Graziato il 21 novembre 1968
Jean-Laurent Olivier 27 settembre 1968 Ghigliottinato l'11 marzo 1969 Amiens
Serge Barany e Noël Marcucci 3 ottobre 1968 Sentenza cassata per un vizio di forma
Serge Barany e Noël Marcucci 18 marzo 1969 Graziati il 22 luglio 1969
André Vegnaduzzi 9 maggio 1969 Graziato il 20 settembre 1969
Alexandre Viscardi 31 maggio 1969 Graziato il 20 settembre 1969
Jean-Michel Guinut 18 giugno 1971 Graziato il 15 novembre 1971
Mohamed Libdiri 4 ottobre 1971 Graziato il 27 novembre 1972
Jean-Pierre Boursereau 6 ottobre 1971
Jacques Lerouge 1º dicembre 1971 Sentenza cassata il 24 febbraio 1972
Guy Chauffour 24 marzo 1972 Sentenza cassata il 7 giugno 1972
Bernard Cousty 2 giugno 1972 Sentenza cassata
Claude Buffet e Roger Bontems 29 giugno 1972 Ghigliottinati il 28 novembre 1972 Parigi
Ali Ben Yanès 29 settembre 1972 Ghigliottinato il 12 maggio 1973 Marsiglia
Guy Chauffour 3 ottobre 1972 Graziato l'11 maggio 1973
Antoine Santelli 26 febbraio 1973 Graziato il 3 luglio 1973
Jean-Claude Bruckmann 3 aprile 1973
Jean-Pierre Techer e Marie-Claire Emma 26 giugno 1973 Graziati il 3 dicembre 1973
Robert Hennebert e Roger Davoine 16 novembre 1973 Graziati il 22 marzo 1974
Antonio Cabrera 28 ottobre 1974
Bruno Triplet 3 ottobre 1975 Graziato il 10 febbraio 1976
Moussa Benzhara 25 febbraio 1976 Graziato il 6 agosto 1976
Christian Ranucci 10 marzo 1976 Ghigliottinato il 28 luglio 1976 Marsiglia
Marcellin Horneich e Joseph Keller 25 giugno 1976 Graziati l'8 gennaio 1977
Jérôme Carrein 12 luglio 1976 Sentenza cassata il 14 ottobre 1976
Jérôme Carrein 1º febbraio 1977 Ghigliottinato il 23 giugno 1977 Douai
Hamida Djandoubi 25 febbraio 1977 Ghigliottinato il 10 settembre 1977 Marsiglia
Michel Bodin 25 marzo 1977 Sentenza cassata
William Welmant 22 aprile 1977
Michel Rousseau 9 novembre 1977 Sentenza cassata
Mohamed Yahiaoui 25 novembre 1977 Sentenza cassata
Jean Portais 17 dicembre 1977 Sentenza cassata
Norbert Garceau 14 giugno 1979 Sentenza cassata il 4 ottobre 1979
Jean-Luc Rivière e Mohamed Chara 18 ottobre 1980 Sentenza cassata il 17 marzo 1981
Philippe Maurice 28 ottobre 1980 Graziato il 25 maggio 1981

[2][3]

Regime di detenzione dei condannati[modifica | modifica sorgente]

Il regime di detenzione dei condannati a morte veniva regolato dal codice di procedura penale. Un condannato veniva recluso individualmente; era sorvegliato giorno e notte, in modo che fossero evitati i tentatvi di evasione e di suicidio. Erano esenti da ogni forma di lavoro. Potevano fumare, leggere e scrivere ed ottenere dei viveri supplementari. I condannati potevano, previa autorizzazione, ricevere visite dai familiari, oltre che dai loro avvocati, dal religioso del proprio culto e dagli assistenti sociali; un sorvegliante doveva essere presente all'incontro.

Infine i condannati dovevano essere sottoposti a questo regime dal giorno della loro condanna a morte al giorno dell'accettazione del ricorso in cassazione, della grazia presidenziale o dell'esecuzione.[4]

La prassi di una condanna a morte (secolo XX)[modifica | modifica sorgente]

L'ultima alba di un condannato alla ghigliottina veniva definita come "la messe rouge" (la messa rossa). Il cosiddetto "cerimoniale" restò lo stesso anche dopo l'interdizione delle esecuzioni in pubblico. Circa quattro ore prima di una esecuzione, la polizia iniziava a formare un cordone attorno l'ingresso della prigione e a proibirne l'entrata a coloro che non fossero autorizzati. I convenuti all'esecuzione, con un lasciapassare, entravano in carcere ed andavano nell'ufficio del direttore. In quei momenti la ghigliottina era montata e il boia veniva ad avvertire i presenti che il momento era arrivato. Circa 45 minuti prima dell'esecuzione una dozzina di persone si dirigeva verso la cella dove dormiva il condannato, senza far rumore (spesso la sera precedente si posavano sul pavimento dei tappeti per coprire la risonanza). I secondini, per fare ancora meno rumore, si toglievano le scarpe; così aprivano di colpo la porta, si gettavano sul condannato, lo ammanettavano e, nel caso si fosse ribellato, lo legavano. Uno dei secondini si piazzava vicino al letto, un altro al fondo della cella e un terzo chiudeva la porta. Allora gli ufficiali entravano nella cella, gli avvocati andavano a confortare il loro cliente e il procuratore informava che la domanda di grazia era stata respinta.

Camminando veloce, il corteo, con al centro il condannato a morte, attraversava i corridoi della prigione. Il gruppetto si fermava una prima volta per proporre al condannato di cambiarsi. Poi, arrivati in cancelleria, si procedeva ad un'ultima sosta. Si dava il permesso al condannato, con della carta e una penna stilografica, di scrivere una lettera. Il giudice chiedeva al condannato se avesse qualcosa da dichiarare e in base al suo volere, un prete, o altro ministro di culto, si avvicinava per raccoglierne l'ultima confessione, e talvolta veniva data anche la comunione. Dopodiché il condannato veniva fatto sedere in uno sgabello e gli si versava, in un bicchiere, qualcosa da bere, un alcoolico, un caffè o della cioccolata, e gli si dava da fumare, al massimo due sigarette. Dopo aver bevuto il bicchiere, il condannato veniva slegato e firmava il foglio di scarcerazione. Subito dopo si avvicinavano gli aiutanti del boia. Uno dei due legava le caviglie, affinché il condannato potesse fare solo piccoli passi, un altro aiutante legava i polsi, infine un terzo aveva il compito di tagliare la camicia, oppure la levava del tutto, e radeva i capelli sporgenti sulla nuca. Il boia avanzava e firmava il foglio di scarcerazione e faceva segno ai suoi aiutanti di seguirlo. Tenendo il condannato, gli aiutanti si dirigevano verso la porta d'uscita. Quando c'erano ancora le esecuzioni pubbliche, il condannato saliva in un furgone, con cui veniva portato al luogo dell'esecuzione, a circa 500 metri dalla prigione. Dopo il 1939, le esecuzioni si tenevano nel cortile della prigione. Passata la porta della prigione, le operazioni procedevano con velocità. Il condannato veniva posto sul basculante e passava dalla posizione verticale a quella orizzontale. Un sistema mobile faceva avanzare la plancia, con sopra il corpo del condannato; la testa veniva posta tra i due montanti. Il boia batteva fortemente la parte superiore della lunetta, mentre un aiutante tirava la testa per metterla in buona posizione. Talvolta il condannato veniva stordito con un colpo sulla nuca. Il boia faceva poi funzionare la ghigliottina. Eseguita la condanna, il corpo del condannato, troncato dalla testa, veniva spinto dal boia in un paniere di vimini posto alla destra della ghigliottina. La testa cadeva in una vasca di zinco. Il sangue usciva a zampilli, sporcando i bois de justice. Dopo l'esecuzione il medico legale constatava la morte e forniva il permesso di inumare il corpo, senza menzionare la causa del decesso. La testa veniva riposta nel paniere assieme al corpo. Fatta l'esecuzione, veniva pulito il suolo e la ghigliottina veniva smontata. Il cancelliere redigeva un verbale di esecuzione, che veniva affisso all'entrata della prigione per 24 ore.

La famiglia poteva ricevere il corpo del condannato e farlo seppellire con la massima discrezione.[5]

Crimini capitali in Francia nel 1981[modifica | modifica sorgente]

Il codice penale francese, almeno fino al 1981, prevedeva una larga casistica di crimini passibili con la condanna a morte. Inoltre veniva precisato il metodo di esecuzione: fucilazione quando la condanna veniva emessa da un tribunale militare; decapitazione in tutti gli altri casi. La ghigliottina, dal 1792 al 1981 era l'unico metodo di esecuzione. La ghigliottina non veniva usata in certe circostanze particolari, nel caso non potesse arrivare sul luogo dell'esecuzione o nel caso di crimini contro la sovranità dello stato, e l'alternativa era la fucilazione.[6]

Precauzioni contro il ripristino della pena di morte[modifica | modifica sorgente]

Nel 1993 un gruppo di deputati neogollisti, capitanati da Roland Numgesser proposero di ristabilire la pena di morte nei casi di rapimento e assassinio di bambini, recidiva in fatti di sangue, assassinio a seguito di torture e assassinio di agenti di polizia.[7] Nel 1994 a seguito di gravi fatti di sangue, Jean Marie Le Pen ritornò a richiedere il ripristino della pena di morte in Francia.[8]

Nel 2004, si è fatta avanti la proposta di ripristinare la pena capitale per atti terroristici: in particolare, il leader dell'estrema destra Jean-Marie Le Pen si può definire un sostenitore della pena di morte.

Nei primi mesi del 2007 la pena di morte è stata esplicitamente esclusa anche dalla Costituzione francese, allo scopo di rendere più difficile un suo eventuale reinserimento nel codice penale.

La pena di morte in Francia nel cinema[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tecnicamente, non c'è stata dopo Philippe Maurice nessuna condanna a morte "finale" o grazia presidenziale.
  2. ^ Condamnations à mort
  3. ^ Palmarès 2
  4. ^ L'abolition de la peine de mort en France : la peine de mort dans la loi française avant 1981 - La Documentation française
  5. ^ La dure fin de vie des condamnés à mort
  6. ^ L'abolition de la peine de mort en France : l'application de la peine de mort en France avant 1981 - La Documentation française
  7. ^ SI' DEI NEOGOLLISTI ALLA PENA DI MORTE - Repubblica.it » Ricerca
  8. ^ E Le Pen Chiede A Gran Voce Il Ritorno Della Ghigliottina - Repubblica.It » Ricerca

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]