Pelliccia ecologica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cappuccio bordato con pelliccia ecologica

Il termine pelliccia ecologica indica un tessuto che imita la pelliccia di animale. Generalmente prodotto con fibre naturali (cotone), artificiali (viscosa) e sintetiche (acrilico e modacrilico). Viene colorato e stampato a somiglianza dei manti naturali e con colori di fantasia seguendo i dettami della moda.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Nasce negli anni sessanta come surrogato delle pellicce animali per diverse motivazioni:

  • Animalista, per le condizioni in cui vengono allevati gli animali e per la caccia alle specie selvatiche.[1]
  • Ambientalista, per ridurre l'inquinamento dovuto al processo di lavorazione delle pellicce di origine animale.[2]
  • Economica, per il minor costo rispetto a quelle allevate, la necessità di sostituire alcuni tipi di pelliccia, quando alcune specie di animali vengono messe sotto protezione

Utilizzato in Italia dal 1963 per la confezione di capi d'abbigliamento, borse e calzature.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pellicce dal sito della Lega Anti Vivisezione
  2. ^ È difficile liberarsi delle pellicce e dei loro residui tossici

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda