Pedro Segura y Sáenz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pedro Segura y Sáenz
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardenal Segura en Sevilla.jpg
CardinalPallium PioM.svg
Nato 4 dicembre 1880, Carazo
Creato cardinale 19 dicembre 1927 da papa Pio XI
Deceduto 8 aprile 1957

Pedro Segura y Sáenz (Carazo, 4 dicembre 1880Madrid, 8 aprile 1957) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico spagnolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque a Carazo il 4 dicembre 1880.

Papa Pio XI lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 19 dicembre 1927. La vittoria repubblicana in Spagna e la partenza del Re, accesero gli animi dei partiti e delle formazioni politiche radicali, socialiste, comuniste e anarchiche che fomentarono la popolazione contro gli aspetti più tradizionalisti, come la religione e la Chiesa Cattolica spagnola. Già dalla nascita della seconda repubblica spagnola, Segura che era l'arcivescovo di Toledo e primate di Spagna il 7 maggio 1931 con una pastorale espresse la propria opposizione al nuovo ordinamento istituzionale[1] e il sostegno al re Alfonso XIII[2]. Il 10 maggio, un circolo monarchico, formato soprattutto da ufficiali dell'esercito in calle Alcalà fu assaltato e bruciato dalla folla[3] e nella notte tra l'11 e il 12 maggio 1931, nel corso di nuovi violenti tumulti guidati dagli anarchici quasi tutti inquadrati nella Confederación Nacional del Trabajo[4] assalirono e incendiarono numerose chiese, monasteri ed edifici religiosi in Madrid[5]. Tra queste andò completamente distrutta la chiesa gesuita di Calle de la flor[3] I tumulti e gli assalti alle chiese si svilupparono anche in altre zone della Spagna come a Malaga, Siviglia e Cadice[6]. Il governo decretò l'espulsione del vescovo Segura[7] e si rifiutò di far intervenire la Guardia Civil per porre fine agli assalti[6].

« Tutti i conventi di Madrid non valgono la vita di un solo repubblicano. »
(Manuel Azaña Díaz, all'epoca ministro della Guerra[6])

Morì l'8 aprile 1957 all'età di 76 anni.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Collare dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Carlo III
— 1928

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 29
  2. ^ A cura di Bernard Michal, La guerra di Spagna I, Edizioni di Cremille, Ginevra, 1971, pag 55
  3. ^ a b Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 38
  4. ^ Hugh Thomas, Storia della guerra civile spagnola, Giulio Einaudi Editore, 1963, pag 40
  5. ^ Arrigo Petacco, Viva la muerte, Le scie Mondadori, Milano, 2006, pag 11
  6. ^ a b c Paul Preston, La guerra civile spagnola, Oscar, Cles (TN), 2011, pag 53
  7. ^ A cura di Bernard Michal, La guerra di Spagna I, Edizioni di Cremille, Ginevra, 1971, pag 54

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Coria Successore BishopCoA PioM.svg
Ramón Peris Mencheta 10 luglio 1920 - 20 dicembre 1926 Dionisio Moreno y Barrio
Predecessore Arcivescovo di Burgos Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Juan Benlloch Vivó 20 dicembre 1926 - 19 dicembre 1927 Manuel de Castro Alonso
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Maria in Trastevere Successore CardinalCoA PioM.svg
Giovanni Tacci Porcelli 19 dicembre 1927 - 8 aprile 1957 Stefan Wyszyński
Predecessore Arcivescovo di Toledo Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Enrique Reig y Casanova 19 dicembre 1927 - 26 settembre 1931 Isidro Gomá y Tomás
Predecessore Primate di Spagna Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Enrique Reig y Casanova 19 dicembre 1927 - 26 settembre 1931 Isidro Gomá y Tomás
Predecessore Arcivescovo di Siviglia Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Eustaquio Ilundáin y Esteban 14 settembre 1937 - 8 aprile 1957 José María Bueno y Monreal

Controllo di autorità VIAF: 39088398