Pedalò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pedalò ormeggiati sul lago di Endine
Tretboot gelb.JPG

Il pedalò è un natante[1] da diporto a propulsione muscolare umana derivata dal pattìno.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Costruito in vetroresina, il pedalò è costituito da due scafi paralleli uniti tra loro da un telaio cui è vincolata una ruota a pale azionata per mezzo di pedali per la trasmissione della potenza, e da una leva che governa il timone dell'imbarcazione.

In Italia il suo utilizzo è disciplinato dall'ordinanza di sicurezza balneare emessa dalla Capitaneria di porto competente per territorio[2].

Il primo documento ufficiale che testimonia l'invenzione del pedalò è datato 1937 ed è costituito da un progetto dell'inventore siciliano Giovanni Cannizzaro Favitta.

Progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto del Gio.Ca.Favi. a firma dell'inventore siciliano Giovanni Cannizzaro Favitta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si definisce "natante" ogni unità da diporto avente lunghezza non superiore a metri 10 indipendentemente dal tipo di propulsione.
  2. ^ Esempio: Ufficio circondariale marittimo di Fano - Ordinanza di sicurezza balneare n. 35/2009

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]