Pecora (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pecora
Pecora
Il porto del Puntone di Scarlino sul fiume Pecora
Stato Italia Italia
Regioni Toscana Toscana
Lunghezza 21 km
Portata media 1,5 m³/s
Bacino idrografico n.d km²
Nasce Monte Arsenti
Sfocia Padule di Scarlino, presso il Puntone

Il Pecora è un breve corso d'acqua della Toscana che nasce dalle Colline Metallifere grossetane, poco a nord di Massa Marittima.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Il corso d'acqua scende a valle prima in direzione sud-ovest e, dopo una curva a sinistra, verso sud dove forma l'omonima piana tra Follonica, Gavorrano e Scarlino (la più settentrionale della Maremma grossetana). Il fiume sfocia all'interno del padule di Scarlino, per poi far defluire le sue acque nel Mar Tirreno, presso la località del Puntone di Scarlino nel golfo di Follonica, grazie ad una serie di canali artificiali.

Dal 1902 al 1944 un ponte a travata metallica con luce da 28 metri sul Pecora consentiva il passaggio della Ferrovia Massa Marittima-Follonica, un'infrastruttura nata quale ferrovia mineraria[1]; l'opera venne demolita per cause belliche.

Fauna ittica[modifica | modifica wikitesto]

È popolato da molte specie ittiche, in particolare da cavedani, carpe, barbi, anguille, lucci (più comuni nella piana vicino alla foce), scardole e persici sole.

Portata e problemi[modifica | modifica wikitesto]

Come molti fiumi della Maremma, il flusso e la portata d'acqua sono sucettibili di cambiamenti stagionali molto importanti che mettono a repentaglio la sopravvivenza della fauna presente. Inoltre, la continua corsa a voler ripristinare le sponde artificiali e l'omogeneità del fondo da parte degli organi di bonifica ha definitivamente minato la possibilità del perpetuamento delle specie ittiche menzionate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maurizio Neri, Dalle Colline metallifere al mare, Calosci, Cortona, 1987. ISBN 88-7785-009-4.