Pechinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pechinese (razza canina))
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Pechinese
Pekingese1904.jpg
Gruppo 9 Cani da compagnia
Sezione 9 Spaniel nani continentali
Nome originale 北京犬

宮廷獅子狗

京巴

Origine Cina
Altezza al garrese da 20 a 26 cm
Peso ideale da 3 a 10 kg
Lista di razze canine

Il Pechinese è una razza di cane proveniente dall'Asia. Il suo nome italiano deriva dalla capitale della Cina, Pechino.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Il pechinese ha origini antichissime, con testimonianze che ne attestano la presenza circa 4000 anni.

La razza è nata in Cina nell'antichità, nella città di Pechino. Analisi del DNA recenti confermano che la razza pechinese è una delle più antiche razze di cani, una delle meno geneticamente discostate dal lupo. Per secoli, potevano essere posseduti solo da membri del palazzo imperiale cinese di Pechino, in seguito fu importato in Europa dai soldati Inglesi e Francesi nel 1860.

La leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Leggenda vuole che il pechinese sia frutto dell'amore tra un Leone e una Scimmia, e che fosse inoltre guardiano del Dio Budda. I Pechinesi erano considerati cani sacri e tutti si inchinavano al loro passaggio. Sono attenti guardiani, coraggiosi e non esitano ad attaccare anche cani molto più grossi.

Il pechinese ritenuto il protettore del Buddha, verrà gelosamente custodito nei giardini della città proibita, venerato alla stregua di una divinità capace di tenere lontano gli spiriti malvagi.

Considerato e venerato alla stregua di un Dio e protettore contro gli spiriti, poteva soggiornare nella Città proibita.

Un esemplare di Pechinese
Cucciolo di Pechinese
primo piano del muso di un pechinese

Il Pechinese era uno dei simboli sacri della Cina imperiale, e tutti si inchinavano al loro passaggio, il furto di uno di questi esemplari era punibile con la morte. L’ Imperatore li aveva addirittura scelti come guardie del corpo. Fu introdotto in Europa, precisamente in Inghilterra nel 1861. L’allevamento Europeo ebbe così i primi capostipiti; in seguito prese tale sviluppo e venne talmente curato, che ottenne dei soggetti di ineguagliabile bellezza.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Ciò che rende unico il Pechinese all'interno del mondo cinofilo, è il suo carattere singolare e curioso che fa sì che venga apprezzato da molti appassionati o da chiunque desiderasse un cane per nulla impegnativo.

Aspetto particolarissimo simile ad un piccolo leone con la folta criniera formata da pelo lungo con frange, pelo che secondo lo standard può essere di qualsiasi colore tranne bianco e fegato; la costruzione è quella di un cane basso sugli arti (altezza al garrese tra i 15 ed i 25 cm) e robusto rispetto l’altezza (pesante dai 2 ai 5,5 kg), “muso da scimmia” (tartufo estremamente corto e largo, stop alquanto pronunciato). Il pechinese vanta moltissimi estimatori in ragione dell’aspetto unico nel panorama cinofilo e del carattere altrettanto singolare che contraddistingue la razza; si tratta in effetti di un cane oltremodo orgoglioso e dignitoso, dal comportamento altero, spesso totalmente distaccato da quanto lo circonda.

Carattere[modifica | modifica wikitesto]

È un cane molto fiero e sicuro di sé, inoltre non sopporta cani di razze diverse. Ama essere servito come un nobile dalle persone che lo circondano.

È inoltre considerato un cane poco avvezzo all'esercizio fisico, rimanendo dunque adatto alla vita in appartamento. Dimensioni, dati somatici e caratteri generali, subirono modifiche rilevanti, che si distanziarono sempre più dal tipo iniziale. Probabile discendente del Volpino, sono attenti guardiani, coraggiosi e non esitano ad attaccare anche cani molto più grossi.

È un cane emotivo, coccolone con il padrone e ostile con chi non conosce; è fedele, docile ai comandi e coraggiosissimo ma mai violento. È dotato di molta intelligenza ed è facilissimo da addestrare.

È adatto alla vita famigliare, molto di compagnia, non ha bisogno di praticare esercizio quotidiano e per questo è l’ideale per le persone di una certa età. È una razza di piccole dimensioni: la sua altezza al garrese è di circa 20-25 centimetri con un peso che si aggira sui 2-8 chilogrammi. Ha una corporatura massiccia, ben equilibrata in tutte le sue parti, aspetto nobile e compatto. La struttura muscolare è ben sviluppata. Il movimento è molto lento, distinto, elegante. I suoi occhi sono grandi, scuri, lievemente in rilievo, tondi, luminosi e molto espressivi. Le orecchie sono a forma di cuore e hanno lunghe frangiature. La coda si ricurva sulla schiena, posizionata alta, portata con fierezza e frangiata. Il mantello del Pechinese è formato da pelo lungo e diritto, e da un sottopelo molto fitto. Il pelo forma delle abbondanti frangette sulle orecchie, gli arti e la coda, sulla testa forma un abbondante criniera che si estende dietro le spalle. La toelettatura va effettuata tutti i giorni oltre alla pulizia dei denti. I pechinesi tendono ad avere problemi respiratori.

Il pechinese è infatti piuttosto riservato, diffidente e altezzoso, tanto da aver conquistato l'aggettivo di 'snob'. Con il suo animo nobile e la sua indifferenza nei confronti del mondo che lo circonda, risulta un cane difficile da educare in quanto non è particolarmente incline ad obbedire agli ordini e, spesso, dopo aver risposto correttamente ad un ordine, non si accontenta di un semplice biscottino per ricompensa.

Non ama la vita all'aria aperta e, ad una corsa in un bel giardino, preferisce la tranquillità e le comodità di un appartamento. Il muso ed i grandi occhi neri però ne rivelano l'innata simpatia e la vera dolcezza che tiene nascosta dietro una facciata di fredda indifferenza.

Riservato con gli estranei, snob lo ha definito qualcuno, questo cane si “apre” con il solo padrone che dovrà essere particolarmente “furbo” nell’educazione, sapendo che il pechinese del tutto indifferente a qualsiasi ordine, non si lascia lusingare da un piccolo premio per l’esecuzione di un’azione richiestagli. Definito anche cane-gatto per la sua indole, è oltremodo fiero e battagliero, non tollera cani di specie diversa dalla sua ed è notoriamente un attaccabrighe, non ama l’esercizio fisico (è un tipo da appartamento) e come un vero nobile, sembra voler essere servito da chi lo circonda.

Aspetto fisico[modifica | modifica wikitesto]

Di taglia piccola, è solitamente un cane robusto, tarchiato, con collo e zampe corte ed un pelo lungo che può assumere varie colorazioni. L'elemento che però ne ha determinato il successo risiede certamente nelle caratteristiche della testa e delle orecchie che gli conferiscono un aspetto simpatico e originale. Le orecchie sono sporgenti e cadenti; la testa è grossa, con cranio piatto e largo; mentre il muso, anch'esso piuttosto largo, è schiacciato e rugoso con una mandibola solida. Il tartufo, che segue ovviamente l'andamento del muso, è colto e largo e, secondo gli standard della razza, deve essere di colore nero. Il cane viene spesso paragonato a un "piccolo leone" per la sua criniera, ha una corporatura piuttosto robusta rispetto all'altezza ma rimane lo stesso ben equilibrata in tutte le sue parti. Ha un "muso da scimmia" (tartufo estremamente corto e largo) con una struttura muscolare ben sviluppata. A causa del suo folto pelo necessità di frequenti toelettature, pulizie ai denti e un controllo agli occhi quotidiano. In alcuni soggetti vista la particolare conformazione del muso è possibile sorgano problemi respiratori; è inoltre considerato un cane che non ha un cuore forte (si ha un importante rischio di decesso durante gli interventi).

Il folto pelo del pechinese necessita toelettature frequenti. Ben allevato in Gran Bretagna (l’Inghilterra si può considerare la sua seconda patria) anche in Italia ci sono molti buoni soggetti ed allevatori preparati. Alcuni soggetti possono presentare difficoltà respiratorie.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

cani Portale Cani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cani