Pecari maximus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pecari gigante
Immagine di Pecari maximus mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Tayassuidae
Genere Pecari
Specie P. maximus
Nomenclatura binomiale
Pecari maximus
Roosmalen, 2007

Il Pecari gigante (Pecari maximus) è una specie di pecari, vivente solo nelle giungle del Brasile.

La scoperta[modifica | modifica wikitesto]

La specie fu scoperta in Brasile, nel 2000, dal naturalista olandese Marc van Roosmalen. Nel 2003, lui e il documentarista del museo di storia naturale tedesco, Lothar Frenz, riuscirono a filmarne un gruppetto. Sebbene sconosciuto alla scienza fino a poco tempo fa, il pecari gigante era noto agli indigeni del luogo, che lo cacciavano e si nutrivano della sua carne, chiamandolo Caitetu Munde, ovvero "grande pècari che vive in coppie". è stato riconosciuto scientificamente nel 2007, ma lo status della popolazione resta ancora ignoto.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Insieme al pecari dal collare (pecari tajacu) e al pecari labiato (tajassu pecari) parte del genere pecari. Ha un corpo massiccio, con zampe sottili e testa più piccola, rispetto al tronco. Il pelo è nero corvino, uniforme.

Habitat ed ecologia[modifica | modifica wikitesto]

Il pècari gigante vive unicamente nelle giungle compresi tra i fiumi Madeira e Tapajós. Al contrario degli altri membri della famiglia, questo animale vive unicamente in coppie o piccoli gruppi familiari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pecari maximus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi