Peștera Urșilor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Peştera Urşilor)

La Grotta degli Orsi (in lingua rumena: Peştera Urşilor), fu scoperta nel 1975, da "Speodava", un gruppo speleologico amatoriale, ed è considerata un luogo di interesse turistico. La caverna si trova nei pressi del villaggio di Chişcău, nella provincia di Bihor, in Romania.

La Grotta degli Orsi presenta una straordinaria varietà di formazioni stalattitiche e stalagmitiche differenti in dimensioni e forma, oltre ad un enorme quantitativo di fossili di Orso delle caverne - Ursus Spelaeus - una specie scomparsa più di 15.000 anni fa. L'entrata della grotta - situata a 482 m di altitudine - si trova nei pressi del padiglione turistico. Lunga all'incirca 1 km, si suddivide in due livelli sovrapposti: uno più ampio, circa 488 m di lunghezza, attrezzato per visite turistiche, e un livello interno, di 521 m, usato come riserva scientifica.

Peştera Urşilor significa, letteralmente, Grotta degli Orsi. La grotta è così detta a causa dei numerosi scheletri di Orso delle caverne (Ursus spelaeus) che vi furono trovati. Questi grandi animali visitavano la grotta più di 15.000 anni fa; si suppone che una enorme frana abbia bloccato l'ingresso mentre circa 140 animali si trovavano all'interno della caverna; privati di cibo, gli orsi si uccisero l'un l'altro fino a che non ne sopravvisse neppure uno. Fossili di orso sono stati trovati in molte zone della caverna, e la maggior parte di essi mostrava chiari segni di denti d'orso.

La caverna rimase indisturbata fino al 17 settembre 1975, quando fu accidentalmente scoperta a causa di lavori in una cava di pietra: il marmo ed il calcare di quest'area venivano infatti scavati dagli abitanti del vicino villaggio Chişcău. La prima persona ad entrare nella caverna fu l'operaio della cava Curta Traian da Chişcău.

Vie d'accesso[modifica | modifica sorgente]

In treno - stazioni di Beiuş o Sudrigiu e poi in autobus; DN 76 Oradea - villaggio di Sudrigiu (86 km) + DJ 763 villaggio di Chişcău 14 km, strada asfaltata.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Riferimenti[modifica | modifica sorgente]