Pavel Tonkov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pavel Tonkov
Dati biografici
Nome Pavel Sergeevič Tonkov
Nazionalità Russia Russia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 2005
Carriera
Squadre di club
1992 Russ
1993-1995 Lampre Lampre
1996 Panaria Panaria
1997-2000 Mapei Mapei
2001 Mercury
2002 Lampre Lampre
2003 CCC-Polsat CCC-Polsat
2004 Vini Caldirola Vini Caldirola
2005 LPR LPR
Nazionale
1995-2000 Russia Russia
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Odense 1988 In linea J.
 

Pavel Sergeevič Tonkov (in russo: Павел Сергеевич Тонков?; Iževsk, 9 febbraio 1969) è un ex ciclista su strada russo. Professionista dal 1992 al 2005, vinse il Giro d'Italia 1996.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Debuttò nel ciclismo professionistico nell'aprile del 1992 con la Russ-Baikal. Nel corso della sua carriera ottenne 36 vittorie, tra le quali la più importante è stato il Giro d'Italia 1996, quando vestì la maglia rosa per nove giorni. Successivamente si classificò secondo sia nel 1997 che nel 1998.

Fu uno dei rivali di Marco Pantani: si ricordano i suoi duelli con il "Pirata" durante il Giro d'Italia 1998. Nel 1995 vinse il Tour de Suisse e nel 2000 si classificò terzo alla Vuelta a España.

Si ritirò dall'attività agonistica nell'ottobre del 2005[1] dopo aver disputato la sua ultima corsa, il Giro di Lombardia.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Campionati del mondo, In linea Juniores
Classifica generale Hessen-Rundfahrt
2ª tappa Tour du Poitou-Charentes et de la Vienne (Cronometro)
Classifica generale Tour du Poitou-Charentes et de la Vienne
Classifica generale Giro di Slovacchia
Duo Normand (con Romes Gainetdinov)
Campionati sovietici, Cronometro a coppie (con Oleg Polovnikov)
9ª tappa Corsa della Pace
7ª tappa Milk Race
1991
8ª tappa, 1ª semitappa Vuelta a Chile (Linares, Cronometro)
9ª tappa Vuelta a Chile
Classifica generale Vuelta a Chile
1ª tappa Settimana Ciclistica Bergamasca (Poggiridenti)
8ª tappa Settimana Ciclistica Bergamasca (Farellones)
Classifica generale Settimana Ciclistica Bergamasca
4ª tappa Tour de Suisse (Vevey)
2ª tappa Settimana Ciclistica Bergamasca (Flero)
1ª tappa Grand Prix du Midi Libre (Escaldes-Engordany)
8ª tappa Tour de Suisse (La Punt-Chamues-ch)
Classifica generale Tour de Suisse
2ª tappa Settimana Ciclistica Bergamasca (Albese)
3ª tappa Settimana Ciclistica Bergamasca (Roncola, cronometro)
5ª tappa Settimana Ciclistica Bergamasca (Flero)
Classifica generale Settimana Ciclistica Bergamasca
8ª tappa Tour de Romandie
8ª tappa Giro d'Italia (Pratonevoso)
Classifica generale Giro d'Italia
4ª tappa Tour de Romandie
Classifica generale Tour de Romandie
3ª tappa Giro d'Italia (San Marino, cronometro)
5ª tappa Giro d'Italia (Terminillo)
21ª tappa Giro d'Italia (Edolo)
Giro dell'Appennino
1ª prova Trofeo dello Scalatore
Classifica finale Trofeo dello Scalatore
13ª tappa Vuelta a España (Valgrande Pajares)
15ª tappa Vuelta a España (Lagos de Covadonga)
2ª tappa Settimana Ciclistica Bergamasca (Adrara San Martino)
7ª tappa Settimana Ciclistica Bergamasca (Roncadelle)
Classifica generale Settimana Ciclistica Bergamasca
18ª tappa Giro d'Italia (Alpe di Pampeago)
Giro dell'Appennino
Luk-Cup Buhl
17ª tappa Giro d'Italia (Folgaria)
17ª tappa Giro d'Italia (Fondo Sarnonico)
1ª tappa Clasica de Alcobendas (Puerto de Navacerrada)
Classifica generale Clasica de Alcobendas

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

Classifica scalatori Tour de Suisse
Classifica a punti Trofeo dello Scalatore
Classifica scalatori Vuelta al País Vasco

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

Giro d'Italia

1992: 7º
1993: 5º
1994: 4º
1995: 6º
1996: vincitore
1997: 2º
1998: 2º
2000: 5º
2002: 5º
2003: ritirato
2004: 13º
1994: ritirato
1995: ritirato
1999: ritirato
1997: ritirato
1999: 4º
2000: 3º
2002: 67º
2004: ritirato

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1994: 141º
2001: 152º
1992: 14º
1994: 44º
1995: 14º
1999: 19º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si ritira Pavel Tonkov in gazzetta.it, 19 ottobre 2005. URL consultato il 14 febbraio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]