Pavel Borisovič Aksel'rod

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pavel Aksel'rod

Pavel Borisovič Aksel'rod, in russo: Павел Борисович Аксельрод?, pseudonimo di Pinchus Boruch, in russo: Пинхус Борух? (Počep, 25 agosto 1850Berlino, 16 aprile 1928), è stato un rivoluzionario russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un albergatore ebreo, crebbe e studiò a Mogilёv. Si stabilì poi a Ginevra, dove nel 1875 sposò Nadežda Ivanovna Kaminer, della quale era stato il precettore, ed ebbero tre figli, Faith (1876), Aleksandr (1879) e Sof'ja (1881).

In gioventù fu influenzato politicamente da Bakunin, poi da Marx, e con Georgij Plechanov, Vera Zasulič, Lev Dejč e Vasilij Ignatov fondò nel 1883 il gruppo socialdemocratico Emancipazione del lavoro. Aksel'rod e la sua famiglia vivevano del commercio del kéfir, e i proventi dell'attività commerciale, che fu dismessa nel 1909, servirono anche a finanziare il gruppo politico.

Nel 1900, Aksel'rod, Plechanov e la Zasulič fondarono con gli altri marxisti Martov, Lenin e Potresov il giornale Iskra (La scintilla). Nel 1903, al II congresso del Partito operaio socialdemocratico russo, tenuto a Bruxelles e a Londra, il gruppo dell'Emancipazione del lavoro aderì al POSDR collocandosi nella frazione menscevica, mentre Lenin si pose nella corrente bolscevica.[1]

Tornato in Russia all'indomani della Rivoluzione del febbraio 1917, rispetto alla maggioranza dei menscevichi che sostenevano il governo provvisorio di Kerenskij e la continuazione della guerra contro gli Imperi centrali, Aksel'rod fu favorevole a stipulare trattative di pace. Si oppose poi alla Rivoluzione d'ottobre e lasciò la Russia stabilendosi in Germania, dove morì nel 1928.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sull'idea di A. del bolscevismo in parallelo al giacobinismo, vedi La rivoluzione francese, Jaca Book, p.72

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Abraham Ascher, Pavel Axelrod and the Development of Menshevism, Cambridge, Harvard University Press, 1972 ISBN 0-674-65905-8

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 82588702 LCCN: n87802864

Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Politica