Pauline Johnson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emily Pauline Johnson

Emily Pauline Johnson (nome Mohawk: Tekahionwake, pronunciato dageh-ion-vageh, letteralmente traducibile in doppia vita; 10 marzo 18617 marzo 1913) è stata una scrittrice ed interprete canadese nota nel XIX secolo.

È nota come E. Pauline Johnson o semplicemente Pauline Johnson. Si è contraddistinta grazie ai suoi poemi e spettacoli, i quali erano celebrativi della sua appartenenza alle First Nations. La Johnson parlava comunque inglese. Uno dei suoi più famosi componimenti è il noto The Song My Paddle Sings. Le sue opere poetiche vennero pubblicate in Canada, negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

La Johnson fa parte di una generazione di scrittori alquanto noti che iniziarono a definire lo stile della letteratura canadese.

Infanzia ed istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Pauline Johnson è nata a Chiefswood, nella casa costruita da suo padre nel 1856 nella riserva indiana delle Sei Nazioni, poco distante da Brantford, in Ontario. George Henry Martin Johnson (1816-1884), un capo indiano della tribù dei Mohawk, e Emily Susanna Howells Johnson (1824-1898), inglese di nascita, erano i genitori di quattro bambini, dei quali Pauline era la più giovane. La madre di Pauline era immigrata negli Stati Uniti nel 1832 con suo padre, la sua matrigna e i suoi fratelli.

Contrariamente a quello che pensavano George e Emily Susanna (che la loro famiglia dalle razze miste, indiana e inglese, non sarebbe stata ben accolta socialmente), la famiglia Johnson godette di un range di vita abbastanza alto. La casa dei Johnson, Chiefswood, fu visitata da persone note come Alexander Graham Bell, Homer Watson e Lord Dufferin, il Governatore canadese all'epoca.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 56774589 LCCN: n83028560