Paul Wolfowitz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Wolfowitz
Paul Wolfowitz.jpg

10º Presidente della Banca Mondiale
Durata mandato 1º giugno 2005 – 30 giugno 2007
Predecessore James Wolfensohn
Successore Robert Zoellick

25° Vicesegretario della Difesa
Durata mandato 20 gennaio 2001 – 1º giugno 2005
Predecessore Rudy de Leon
Successore Gordon England

10° Ambasciatore in Indonesia
Durata mandato 11 aprile 1986 – 12 maggio 1989
Predecessore John H. Holdridge
Successore John C. Monjo

Dati generali
Partito politico Democratico (fino al 1981)
Repubblicano (1981-presente)
Tendenza politica Neoconservatore

Paul Dundes Wolfowitz (New York, 22 dicembre 1943) è un politico e diplomatico statunitense. All'inizio degli anni novanta in cui fu Sottosegretario alla Difesa contribuì all'elaborazione della linea di politica estera americana che fu definita dottrina Wolfowitz.


Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È stato presidente della Banca Mondiale dal 1º giugno 2005 al 30 giugno 2007, quando fu costretto a dimettersi dopo essere stato accusato di avere accordato un aumento di stipendio alla sua compagna, anche propria dipendente[1].

In qualità di vice-segretario alla difesa è stato il principale architetto della politica estera dell'amministrazione di George W. Bush, che nel 2003 ha portato alla guerra in Iraq.[2]

Nel corso di una visita alla moschea di Selimiye a Edirne, il 29 gennaio 2007, Wolfowitz, il cui ingresso nel luogo sacro prevedeva la rimozione delle scarpe, ha mostrato delle calze bucate suscitando un grosso clamore di livello mondiale, assieme all'imbarazzo dello stesso Wolfowitz, la cui posizione, anche in considerazione del ruolo che rivestiva, assunse i contorni del grottesco e del paradosso.

Wolfowitz ha doppia cittadinanza: statunitense ed israeliana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elena Polidori, Scandalo alla Banca Mondiale, Wolfowitz raccomandò l'amante, la Repubblica, 13 aprile 2007. URL consultato il 18 ottobre 2008.
  2. ^ Peter J. Boyer, The Believer: Paul Wolfowitz Defends His War, The New Yorker, 1 novembre 2004. URL consultato il 31 ottobre 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 115819489 LCCN: n82107750