Paul Gleason

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paul Gleason (Jersey City, 4 maggio 1939Burbank, 27 maggio 2006) è stato un attore cinematografico statunitense. Attivo sia al cinema che in televisione, è noto per i ruoli del funzionario governativo Beeks in Una poltrona per due (1983), del preside Vernon in Breakfast Club (1985), e dell'ispettore capo Robinson in Trappola di cristallo (1988).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Paul Xavier Gleason nasce a Jersey City il 4 maggio 1939, ed in seguito si trasferisce a Miami, dove frequenta la Florida State University[1]. Gioca a calcio e tra il 1958 e il 1960 milita in serie minori di baseball[2]. Quando vede al cinema Splendore nell'erba, nel 1961, decide di diventare un attore[1].

Studia all'Actors Studio di New York e debutta a Broadway con gli spettacoli The Gingerbread Lady di Neil Simon, un revival di The Front Page e un adattamento di Qualcuno volò sul nido del cuculo[1]. Tra il 1976 e il 1978 recita nella soap opera La valle dei pini, nel ruolo del dottor David Thornton, e partecipa a due episodi della serie A-Team.

Nel 1983 veste il ruolo del funzionario governativo Clarence Beeks nel film di John Landis Una poltrona per due, e due anni dopo è sul set di John Hughes per Breakfast Club: il ruolo del preside Vernon; sono questi due ruoli, insieme a quelli dell'ispettore capo Dwayne T Robinson in Trappola di cristallo diretta da John McTiernan nel 1988, che gli daranno notevole popolarità presso il pubblico[1].

In seguito interpreta ruoli da guest star in numerose serie televisive, quali Friends, The District, Dawson's Creek e Cold Case.

Gleason è stato sposato dal 1971 al 1978 con Candy Moore, e dal 1995 al 2006 con Susan Kehl dalla quale ha avuto due figlie, Shannon e Kaitlin. L'attore muore in California il 27 maggio 2006, all'età di 67 anni, a causa di un mesotelioma[1].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Paul Gleeson, The Telegraph
  2. ^ Paul Gleason Minor League Statistics & History - Baseball-Reference.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 71602698 LCCN: no2002062483